Kandyse McClure

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Kandyse McClure (2009)

Candice "Kandyse" McClure (1980 – vivente), attrice sudafricana naturalizzata canadese.

Citazioni di Kandyse McClure[modifica]

  • [«Tu sei nata in Sud Africa e vivi in Canada; nella tua esperienza hai avuto problemi ad essere accettata?»] Assolutamente sì, anche oggi. Naturalmente in Sud Africa è più facile avere problemi nell'essere accettati, ma in realtà capita ovunque. In Canada succede in modo indiretto, le persone te lo fanno capire con piccole cose: col modo in cui ti trattano o si rivolgono a te. Spessissimo mi capita che mi venga chiesto se sono il commesso del negozio, o la cameriera del ristorante perché non pensano che io possa essere lì per comprare o per sedermi a mangiare. Se sono lì è perché lì lavoro. È un bene che oggi le persone possano muoversi facilmente nel mondo, questo aiuterà il processo di integrazione, c'è però ancora molta strada da fare... ma è un primo passo importante.[1]
  • [Nel 2016, «secondo te come mai, dopo così tanti anni, Battlestar Galactica è ancora così seguito e pieno di fan?»] Ci sono tante ragioni. È stata la prima serie di questo tipo a mettere in scena il dramma delle relazioni umane e metterlo nello spazio; il modo in cui è stato girato [lo stile di ripresa è dinamico, quasi documentaristico, ndr]; il fatto che gli episodi sono tutti strettamente connessi l'uno all'altro, e devi guardarli dall'inizio... così le persone si sono attaccate a noi ed alla storia al punto da farci diventare parte della loro famiglia, nello stesso modo in cui anche noi siamo ancora oggi una famiglia a nostra volta... e ha messo in scena così tante domande chiave e problemi che fanno parte della vita delle persone: domande su guerra, politica, integrazione, separazione, razzismo... grandissimi problemi di cui le persone avevano modo di discutere grazie alla serie, e io penso che siamo stati davvero tra i primi a farlo in combinazione con la fantascienza.[1]
  • [«[...] come hai vissuto i finali sia di BSG che di Lost?»] [...] penso che ci sia qualcosa di bello nel non essere soddisfatti della fine di qualcosa, perché è come la vita. Nella vita non c'è soddisfazione, specialmente con cose che riguardano l'arte o la creatività, c'è sempre un po' d'insoddisfazione, non si può rendere tutti felici e mi piace avere domande, uno dei miei poeti preferiti, un poeta tedesco Rainer Maria Rilke, ha detto: "vivi le domande, finché un giorno non ti ritroverai a vivere le risposte".[2]
  • Penso che sia una preoccupazione che esiste in Hollywood, il fatto che le serie siano più multietniche. È una cosa strana che a Hollywood ci sia ancora una divisione del genere, insomma, ogni volta che c'è un personaggio nero o indiano o asiatico diventa una cosa rilevante. Sono fortunata ad aver potuto ottenere parti che inizialmente erano state pensate per uomini, per persone di diverse razze, è quello che chiamano un casting neutro. Comunque, certo, sono a favore di una maggior diversificazione etnica nelle serie e penso che sia qualcosa a cui gli studios devono lavorare, ma non è il caso di farne una questione fondamentale. Voglio che mi assumano perché sono la persona giusta per la parte, indipendentemente dal mio colore. Spero che sarà la persona più indicata per la parte che la otterrà, indipendentemente da che aspetto ha.[2]

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Maurizio Corò, Due chiacchiere con: Kandyse McClure (Battlestar Galactica), nerdando.com, 19 aprile 2016.
  2. a b Dall'intervista di Zefram Cochrane, Kandyse McClure: Anastasia "Dee" Dualla... e molto altro, blog.italiansubs.net, 10 dicembre 2010.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]