LSD

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Pezzi di cartoncino imbevuti di LSD

Citazioni sull'LSD (dietilammide-25 dell'acido lisergico).

  • – È un caso particolarmente tragico.
    – Perché tragico, professore?
    – Non tornava più da un viaggio con l'LSD.
    – Drogata.
    – Sì. Sa quali giochi di società si fanno oggigiorno... Vi ricorrono soprattutto i giovani, i quali vogliono ampliare la sfera del sensibile, ma con questi sistemi non si amplia nulla, piuttosto ci si abbrevia la vita. (L'ispettore Derrick)
  • L'LSD è una scorciatoia attraverso, e oltre, le categorie dell'illusione e della realtà, il falso e il vero; i suoi effetti sono capaci di indurre una facoltà di pensiero accelerata che tanto prima elimina la supremazia delle categorie quanto rapidamente spazza via il campo dalla loro indifferenza e disintegra il tetro, idiota spettacolo della stupidità, al punto di permettere l'incontro con una massa univoca e acategorica che non è solo variegata, mobile, asimmetrica, decentrata, spiraloide e riverberante, ma si alza anche, a ogni istante, come uno sciame di eventi fantasmatici. I processi si accelerano: le strutture (di pensiero e categorizzazione) vengono mostrate, frantumate e superate in rapida successione, e nel momento in cui è liberato dalla sua crisalide catatonica, il pensiero contempla invariabilmente questa equivalenza indefinita trasformata in un evento acuto in sontuosa,decorata ripetizione. (Michel Foucault)[1]

“LSD is a shortcut between and beyond the categories of illusion and reality, the false and the true. It induced an accelerated thinking that "no sooner eliminates the supremacy of categories than it tears away the ground of its indifference and disintegrates the gloomy dumbshow of stupidity" to the point at which he encounters a "univocal and acategorical mass" that is not only "variegated, mobile, asymmetrical, decentered, spiraloid, and reverberating, but causes it to rise, at each instant, as a swarming of phantasm-events." The processes speed up: structures are displayed, shattered, and surpassed in swift succession, and "as it is freed from its catatonic chrysalis, thought invariably contemplates this indefinite equivalence transformed into an acute event and a sumptuous, appareled repetition.”

  • L'LSD è stato un'esperienza incredibile. Non lo raccomanderei a tutti. Ma per me.. be', è come se mi avesse fatto introiettare l'idea che la realtà non è qualcosa di fisso. Che ciò che vediamo ogni giorno è una delle possibili realtà, una valida realtà, ma che ce ne sono altre: prospettive diverse in cui altre cose hanno comunque un senso. Tale realizzazione ebbe un effetto profondo su di me. (Alan Moore)[2]

"LSD was an incredible experience. I would not recommend it to anybody. But to me… Well, it made me realise that actually reality was a state of mind and that, as your mind could change, so could your reality. This was something that would have a big influence on my later thinking, and I also think I realised that my perceptions about art and writing and music when I was in those sort of states were wonderful."

  • Prendere l'LSD è stata un'esperienza profonda, tra le cose più importanti della mia vita. Mi ha mostrato che c'è un'altra faccia della medaglia: quando l'effetto finisce magari non ricordi più com'è esattamente, ma sai che c'è. Ha rinforzato il mio senso di cosa fosse importante – creare cose significative invece di far soldi, cercare di mettere più cose importanti possibili nel flusso della storia e della conoscenza umana. (Steve Jobs)[3]

“Taking LSD was a profound experience, one of the most important things in my life. LSD shows you that there’s another side to the coin, and you can’t remember it when it wears off, but you know it. It reinforced my sense of what was important — creating great things instead of making money, putting things back into the stream of history and of human consciousness as much as I could.”


  • Attraverso le mie esperienze con l'LSD e la nuova immagine della realtà che ne è emersa, sono divenuto consapevole della meraviglia del creato, della magnificenza della natura, e del regno animale e vegetale. Divenni molto sensibile anche rispetto a ciò che accadrò dopo tutto questo e dopo noi tutti. (Albert Hofmann)[4]
  • È la droga. Devo ricordarmi che è la droga che mi fa questo, però... però dicono che l'LSD non fa che amplificare quanto c'è già. Cristo, perché l'ho presa proprio adesso, sono già così confuso... (V for Vendetta)
  • L'acido gli aveva alterato i meccanismi. La prossima fase sarebbe stata probabilmente uno di quegli incubi introspettivi, diabolici e intensi. Quattro ore o giù di lì di disperazione catatonica. (Paura e delirio a Las Vegas)
  • Se prendi LSD quello che provi dipende interamente da chi sei. (Roger Waters)
  • I concetti di volume, colore, prospettiva, sono un modo d'intendersi con la realtà, una serie di simboli per definirla, una mappa, ed era proprio questo rapporto intellettuale che veniva a mancare. Come quella volta che per far contenti dei medici amici che stavano studiando gli effetti dell'LSD, accettai di fare da cavia e bevvi un mezzo bicchiere d'acqua dove dentro era stata lasciata cadere un'infinitesima parte di un milligrammo di acido lisergico. Anche quella volta la realtà degli oggetti, dei colori, della luce, non aveva più alcun senso conosciuto. Le cose erano se stesse, sprofondate in una grande pace luminosa e terrificante. In momenti come quello le cose non ti pesano; non vai a bagnare tutto con la tua persona, come un'ameba. Le cose diventano innocenti perché togli di mezzo te stesso; una verginale esperienza, come il primo uomo può avere visto vallate, praterie, il mare. Un mondo immacolato che palpita di luce e di colori viventi col ritmo del tuo respiro; tu diventi tutte le cose, non sei più separato da loro, sei tu quella nube vertiginosamente alta nel mezzo del cielo, e anche l'azzurro del cielo sei tu, e il rosso dei gerani sul davanzale della finestra, e le foglie, e la trama fibrillante del tessuto di una tenda. (Federico Fellini)
  • Sentire per qualche ora la realtà in modo profondamente diverso dalla nostra percezione quotidiana, mi ha lasciato una consapevolezza serena della parzialità delle nostre rigide categorie mentali, e della flessibilità e profondità del mondo interiore di cui è capace il nostro cervello. (Carlo Rovelli)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]

  • David Macey. The Lives of Michel Foucault: A Biography. Vintage. ISBN 0679757929.
  • Lance Parkin , The Extraordinary Life of Alan Moore. Aurum Press. ISBN 1781310777
  • Walter Isaacson. Steve Jobs. Simon & Schuster. ISBN 9781451648539
  • Albert Hofmann. LSD il mio bambino difficile, Feltrinelli. ISBN 9788873031260