La città degli angeli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La città degli angeli

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

City of Angels

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America, Germania
Anno 1998
Genere drammatico, fantastico
Regia Brad Silberling
Soggetto Wim Wenders, Peter Handke e Richard Reitinger (Il cielo sopra Berlino)
Sceneggiatura Dana Stevens
Produttore Charles Roven, Dawn Steel
Interpreti e personaggi
Note

La città degli angeli, film statunitense del 1998 con Nicolas Cage e Meg Ryan, regia di Brad Silberling.

Frasi[modifica]

  • A che servono le ali se non puoi nemmeno sentire il vento sulla faccia? (Susan)
  • Avrei preferito avere un solo respiro dei suoi capelli, un solo bacio dalle sue labbra, un solo tocco delle sue mani piuttosto che restare un'eternità senza... (Seth)
  • Non capisco questo Dio che ci fa incontrare ma non ci dà la possibilità di stare insieme. (Maggie)

Dialoghi[modifica]

  • Seth: Perché le persone piangono?
    Maggie: In che senso.
    Seth: Cosa accade fisicamente?
    Maggie: I dotti lacrimali di base hanno la funzione di lubrificare e proteggere l'occhio. Quando si ha un'emozione hanno una reazione esagerata e formano le lacrime.
    Seth: Forse l'emozione è talmente intensa che il corpo non riesce a contenerla. La mente e i sentimenti diventano troppo forti e il tuo corpo soffre.
  • Nathaniel: Seth non conosce la paura. Né il dolore. Né la fame. Sente la musica all’alba. Ma rinuncerebbe a tutto. La ama fino a questo punto.
    Maggie: Be'… non capisco.
    Nathaniel: Può cadere. Può rinunciare alla sua esistenza come la conosce lui. Può rinunciare all’eternità, e diventare uno di noi. Dipende da lei.
    Maggie: E lei come fa a saperlo?
    Nathaniel: Perché l’ho fatto.

Altri progetti[modifica]