La sacra famiglia (miniserie televisiva)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La sacra famiglia

Miniserie TV

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

La sacra famiglia

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno

2006

Genere biblico
Episodi 2
Regia Raffaele Mertes
Sceneggiatura Massimo De Rita, Maria Grazia Saccá, Luigi Spagnol
Rete televisiva Canale 5
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La sacra famiglia, miniserie televisiva italiana del 2006 con Alessandro Gassmann e Ana Caterina Morariu, regia di Raffaele Mertes.

Episodio 1[modifica]

  • Giuseppe: Hai bisogno di un marito giovane, forte, che ti protegga. Presto io diventerò soltanto un vecchio che dovrai accudire.
    Maria: No, Giuseppe, sarai mio marito, sarai la mia guida, sarai il mio migliore amico, tutti nella stessa persona.
  • Giacomo: Tu hai paura di lasciarmi solo con Maria. Sei geloso.
    Giuseppe: Sì, ho paura. Perché sei troppo impulsivo e ancora non sai che l'amore è rispetto.

Episodio 2[modifica]

  • Rabbino: Il messia quando arriverà?
    Gesù: Chiedete a Dio di illuminarvi. Forse è già arrivato.
    Rabbino: E ci libererà dai romani?
    Gesù: Farà molto di più. Ci libererà dalla sofferenza.
    Rabbino: E ci libererà anche dalla morte?
    Gesù: Sì. Il suo regno è vicino.
    Rabbino: Qual è l'opera da compiere per entrarvi?
    Gesù: Saper ascoltare il suono del silenzio.
  • Gesù: Voglio fare il falegname, come te.
    Giuseppe: Io preferirei che tu diventassi uno scriba. Quelli conoscono il modo di convincere le persone, e comandarle.
    Gesù: A me non interessa comandare le persone.

Explicit[modifica]

[Dopo la morte di Giuseppe]
Gesù: Non piangere, mamma. Si è solo addormentato. Il Signore dice: «Io apro i vostri sepolcri, vi resuscito dalle vostre tombe».[1]
Maria: Ti ha dato quello che ha potuto. Noi potevamo offrirti soltanto il nostro amore.
Gesù: E a te l'amore sembra cosa da poco, mamma? Siete stati la mia famiglia. Siete la mia famiglia. E per tutte le generazioni, quando la gente penserà alla famiglia, penserà sempre a te e a Giuseppe.

Note[modifica]

  1. Cfr. Libro di Ezechiele: «Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi risuscito dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nel paese d'Israele. Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi risusciterò dai vostri sepolcri, o popolo mio».

Altri progetti[modifica]