Larry Wilmore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Larry Wilmore nel 2011

Elister L. "Larry" Wilmore (1961 – vivente), comico, scrittore, produttore, commentatore politico, attore, critico e presentatore televisivo statunitense.

  • [A Barack Obama, con tono scherzoso] Ma si guardi i capelli, sono così bianchi che hanno tentato di darmi un pugno a un comizio di Trump. I capelli del presidente sono così bianchi che continuano a dire "Tutte le vite contano".
Look at your hair, is so white it tried to punch me at a Trump rally. President's hair is so white it keeps saying "All lives matter". (alla cena della White House Correspondents' Association, Washington, D.C., 30 aprile 2016[1])
  • Quando ero piccolo vivevo in un paese dove le persone non riuscivano ad accettare l'idea che ci fosse un quarterback nero. Pensate, un nero non poteva fare da guida a una squadra di football solo per il colore della pelle – e adesso viviamo in un paese, signor presidente, in cui un nero guida il mondo libero.
When I was a kid, I lived in a country where people couldn't accept a black quarterback. Now think about that. A black man was thought by his mere color not good enough to lead a football team – and now, to live in your time, Mr. President, when a black man can lead the entire free world. (alla cena della White House Correspondents' Association, Washington, D.C., 30 aprile 2016[2])

Note[modifica]

  1. (EN) Visibile al minuto 00:44:45 di 2016 White House Correspondents' Dinner, C-SPAN.org, 30 aprile 2016; citato in The complete transcript of Larry Wilmore's 2016 White House correspondents' dinner speech, WashingtonPost.com, 1° maggio 2016.
  2. (EN) Visibile al minuto 01:02:00 di 2016 White House Correspondents' Dinner, C-SPAN.org, 30 aprile 2016; citato in The complete transcript of Larry Wilmore's 2016 White House correspondents' dinner speech, WashingtonPost.com, 1° maggio 2016.

Altri progetti[modifica]