Lauren Bacall

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Statuetta dell'Oscar
Premi Oscar vinti:
Oscar alla carriera (2010)
Bacall in un fotogramma del trailer de Il grande sonno

Lauren Bacall, nome d'arte di Betty Joan Weinstein Perske (1924 – vivente), attrice statunitense.

Citazioni di Lauren Bacall[modifica]

  • [A proposito di Frank Sinatra] Dopo Bogey, anzi con Bogey, è l'uomo più attraente che abbia conosciuto. E, mi creda, in campo maschile, i miei gusti sono difficili. Sul piano di Frankie metterei solo Adlai Stevenson, il regista John Huston e il commediografo Sherwood. (citata in I sette peccati di Holywood, p. 143)
  • [Su Humphrey Bogart] Era un pezzo di pane. (Chi c'è in quel film?, p. 75)
  • [Su Humphrey Bogart] Non era estremista in niente. tranne che in una cosa: dire la verità. Per forza lo ammiravi. Diceva sempre quello che pensava. "Maledizione" diceva sempre, "se non vuoi sentirti dire la verità, non me la chiedere". (Chi c'è in quel film?, p. 83)
  • [Su Humphrey Bogart] In lui c'era qualcosa che traspariva sempre, qualunque ruolo recitasse. Io credo che sarà sempre affascinante: per questa generazione, e anche per tutte quelle che seguiranno. Qualcosa in lui ti faceva dire: "Ecco un uomo che nessuno può comprare"; e nel suo lavoro questo si sente. Si sente anche la sua purezza – una cosa stupefacente, se ripensa al tipo di ruoli che interpretava. E poi, la solidità, l'integrità. Via via che il tempo passa, siamo sempre meno capaci di credere. Se vedi Bogart, senti che quest'uomo crede in qualcosa. (Chi c'è in quel film?, p. 86)
  • [Su Humphrey Bogart] Nessuno sapeva corteggiare una donna come lui. (Chi c'è in quel film?, p. 94)

Film[modifica]

Bibliografia[modifica]

  • Oriana Fallaci, I sette peccati di Holywood (1958), Bur Rizzoli, 2009. ISBN 9788817028363
  • Peter Bogdanovich, Chi c'è in quel film? Ritratti e conversazioni con le stelle di Hollywood, Fandango Libri, 2008.

Altri progetti[modifica]