Luigi XVI di Francia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Luigi XVI di Francia

Luigi XVI di Francia (1754 – 1793), re di Francia e di Navarra.

Citazioni di Luigi XVI di Francia[modifica]

  • «È una rivolta?» «No, Sire, è una rivoluzione»
«C'est una révolte?» «Non, Sire, C'est une révolution»[1]
  • Signori, sono innocente di tutto ciò di cui vengo incolpato. Auguro che il mio sangue possa consolidare la felicità dei francesi.
Le ultime parole pronunciate da Luigi XVI il 21 gennaio 1793, registrate da Charles Henri Sanson, esecutore della condanna.
  • [Su Maria Antonietta] Se soltanto il popolo si rendesse conto di quanto è diventata grande nella disgrazia, dovrebbe riverirla e amarla invece di credere a tutte le cattiverie e le menzogne che sono state messe in giro dai suoi nemici. (citato in Joan Haslip, Maria Antonietta)

Citazioni su Luigi XVI di Francia[modifica]

  • Oh giorno trionfale per Luigi! Dio gli ha dato la pazienza nella persecuzione, la vittoria nel supplizio! Noi abbiamo la ferma fiducia che tu hai felicemente cambiato una caduca corona regale e i gigli, che in breve sfioriscono, con un'altra corona perenne, intessuta dagli Angeli con gigli immortali. (Papa Pio VI)

Note[modifica]

  1. Dialogo fra Luigi XVI e il duca di Liancourt alla notizia della caduta della Bastiglia. Citato in Antonio Spinosa, Luigi XVI – L'ultimo sole di Versailles.

Bibliografia[modifica]

  • Joan Haslip, Maria Antonietta, Longanesi, Milano, 2006. ISBN 883040876X
  • Antonio Spinosa, Luigi XVI. L'ultimo sole di Versailles, Mondadori, 2008. Milano ISBN 9788804581345

Altri progetti[modifica]