Man'yōshū

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Man'yōshū, noto anche come Raccolta di diecimila foglie, raccolta di poesie giapponesi.

Citazioni[modifica]

  • Aspettandoti, | di ansia si riempie il mio cuore, | mentre, alla porta della mia casa, | agitando la tendina, | soffia il vento d'autunno. (Principessa Nukata)
  • Egli è giovane e non | conoscerà, certo, la via! | Oh, potessi corrompere | il messaggero dell'aldilà | perché lo porti sulle sue spalle![1] (Yamanoue no Okura)
  • Il cielo è come un mare: | onde, le nubi vane: | barca, la luna a vogare | verso un bosco di stelle lontane. (Anonimo [2])
  • Vale assai più | pianger d'ebbrezza, | dopo aver bevuto il sake, | che cercar di dire cose sagge. (Ōtomo no Tabito)

Ōtomo no Yakamochi[modifica]

  • Bianche gocce di rugiada | sui pennacchi di canna | del mio giardino. | Potessi perforarle intatte... | Una collana per te.
  • Primaverile, | di folti l'orto odora | fiori di pesco – | una fanciulla sosta | nell'ombra rosea dolce.
  • Soffio di brezza | nell'ora del crepuscolo | sul mio boschetto | di teneri bambù – | quanto triste stasera.

Note[modifica]

  1. Tanka composto per il figlio scomparso.
  2. In Antiche liriche giapponesi, traduzione di Toshiro Chiba e Giacomo Prampolini, Scheiwiller, Milano. Citato in M. L. Santoli e M. Stanghellini, I grandi libri, Zanichelli, Bologna, 1971, vol. III, p. 523.

Citazioni sul Man'yōshū[modifica]

  • [Sulle poesie del Man'yōshū] Di esse può dirsi che hanno quella perfezione, che un critico nipponico richiedeva per i componimenti poetici. «Come un viaggio lontano comincia col nostro primo passo e segue per mesi ed anni; come un'alta montagna ha il suo principio nella polvere della base e termina per innalzarsi attraverso l'azzurro come le nubi del cielo, così deve essere graduale lo svolgimento della poesia». I versi del Maniosiu sono tutti di una soavità e di una melodia così profonda che non è affatto possibile esprimerla a parole; bisogna che il poeta e lo studioso le leggano in un limpido giorno di primavera o in una notte lunata; bisogna insomma gustarle nel segreto del cuore. (Pacifico Arcangeli)

Altri progetti[modifica]