Luna

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
La Luna

Citazioni sulla Luna.

  • Andammo sulla Luna come tecnici; tornammo come filantropi. (Edgar Mitchell)
  • Bocca basciata non perde ventura, anzi rinnuova, come fa la luna. (Giovanni Boccaccio)
  • Celeste paölotta. (Giosuè Carducci)
  • Cercar che giova? Al buio non si trova. | Ma per fortuna è una notte di luna, | e qui la luna l'abbiamo vicina. (La bohème)
  • Che fai tu, luna, in ciel? Dimmi, che fai, | silenziosa luna? (Giacomo Leopardi)
  • Cinque volte racceso e tante casso | lo lume era di sotto dalla luna | poi ch'entrati eravam nell'alto passo. (Dante Alighieri)
  • Dal fondo delle strade, dall'ombra dei giardini, dal quadro nero delle finestre mille occhi umani si alzano verso la luna; scende un sottile raggio di luce, s'inoltra la lenta inondazione negli occhi e nei cuori, ed ogni volta trae alla superficie, galleggiante nel fulgore perlaceo, un sorriso o un sospiro, un desiderio o un rimpianto. (Giuseppe Fanciulli)
  • Dalla luna dipende l'indicazione delle feste, | luminare che decresce fino alla sua scomparsa. || Da essa il mese prende nome, | mirabilmente crescendo secondo le fasi. | È un'insegna per le milizie nell'alto | splendendo nel firmamento del cielo. (Siracide)
  • E come 'l volger del ciel della luna | cuopre e riscopre i liti sanza posa, | così fa di Fiorenza la Fortuna: | (Dante Alighieri)
  • È sera con la luna. Ti stanchi a passeggiare. Staresti tutta la notte fuori, così, a bearti delle cose sotto la luna che t'appaiono eterne: così le porte chiuse, i camini, i muri dei giardini. Con tutte le cose vorresti stare un po' assieme e vedere come la luna tramonta, ascoltando i gemiti di questi uccellacci notturni. (Rocco Scotellaro)
  • È tutta colpa della Luna, quando si avvicina troppo alla Terra fa impazzire tutti. (William Shakespeare)
  • Ho già prenotato per noi due una stanza nella casa della luna | dove passare il fine settimana, amore mio, | gli alberghi del mondo non mi soddisfano, | l'albergo dove mi piace alloggiare è la luna | ma lì, amore mio, | non accettano un ospite che viene senza una donna: | ci vieni con me... | o mia luna, sulla luna? (Nizar Qabbani)
  • Gobba a ponente, | Luna crescente! | Fuori, lucertole – e moscerini, | Bruchi, larvucce – e farfallucce | Lumache e rane – fuor dalle tane! Il segno è certo, – Tutti all'aperto! | Presto, rotonda – e rubiconda | Nella bonaccia – la bella faccia | Risplenderà. (Emilio Praga)
  • Guarda la luna che sorge, | su dall'est la rotonda luna argentea, | bella sui tetti, sinistra, fantomatica luna, | luna silente, immensa. (Walt Whitman)
  • Io considero sempre la luna come l'occhio stesso di Dio che mi inviti in tono serio d'avvertimento: «Vieni, vieni nella dimora del tuo Padre celeste». (Henny Koch)
  • La luna è come la libertà: sta in cielo e in fondo al pozzo. (Antonio Delfini)
  • La luna è senza sesso. (Jules Renard)
  • La Luna è umida e fredda ed è favorevole alle piante per la sua freddezza ed umidità, a causa della neve, della pioggia e della rugiada. Saturno è secco e freddo e, a causa del gelo, è nocivo alle piante. E al nuocere, la Luna si accorda con Saturno a causa del freddo, e Saturno e Marte a causa della secchezza, poiché, a causa del gelo, le piante bruciano. (Raimondo Lullo)
  • La luna nello scempiato alone non è che un occhio, tutto | mangiato dalle mosche, che emana lume di lutto. (Jules Laforgue)
  • La Luna, per colui che pensa in termini di eternità, è il fulgente memento mori che Dio ripete ogni giorno alla «gran madre antica». (Giovanni Papini)
  • La luna strisciò tonda sotto l'intelaiatura della finestra. Non era più un alone crocifisso, era la faccia grassa e oscena di un curioso che fruga con gli occhi camere e letti. (Erich Maria Remarque)
  • Lucciole baluginavano, grilli cantavano, un uccello insonne cinguettava tra le chiome degli alberi. La luna si alzò... la testa di uno scheletro. Che cosa c'era lassù? Che cos'era la luna? Chi l'aveva creata? A quale scopo? (Isaac Bashevis Singer)
  • Luna, | piuma di cielo, | cosi velina, | arida, | trasporti il murmure d'anime spoglie? (Giuseppe Ungaretti)
  • Luna, romita aerea, | Tranquillo astro d'argento! | Come una vela candida | Navighi il firmamento: | Come una dolce amica | Per sua carriera antica | Segui la terra in ciel. (Giunio Bazzoni)
  • Luna, tu parli solamente a chi è innamorato | chissà quante canzoni ti hanno già dedicato | ma io non sono come gli altri | per te ho progetti più importanti. (Gianni Togni)
  • Non più la luna è cielo a noi, che noi a la luna. (Giordano Bruno)
  • Ognuno di noi è una luna e ha un lato oscuro che non mostra mai a nessuno. (Mark Twain)
  • Per anni i politici hanno promesso la luna: io sono il primo in grado di darvela. (Richard Nixon)
  • Più alta, più alta, la luna si faceva anche più piccola; ma il fulgore raccolto era sempre maggiore. Dal sommo del cielo la luna inondava di luce i campi delle stelle tramortite, e tutta la faccia della vecchia terra lontana. (Giuseppe Fanciulli)
  • Tramontata è la luna, | tramontate le Pleiadi. | È a mezzo la notte; | trascorre il tempo; | io dormo sola. (Saffo)

Proverbi[modifica]

Italiani[modifica]

  • A luna scema non salare, a luna crescente non tosare.
  • Al quinto dì della luna vedrai quale mese avrai.
  • Alla luna di febbraio potar si deve.
  • Alla luna settembrina sette lune le s'inchina.
  • Bisogna fare il muso, secondo la luna.
  • Chi taglia a luna nuova, fa mala prova.
  • Gobba a levante, luna calante; gobba a ponente, luna crescente.
  • Gran vento di luna vecchia, porta buon tempo.
  • La luna è bugiarda; quando fa C, diminuisce e quando fa D, cresce.
  • La luna, non si cura dell'abbaiar dei cani.
  • La luna, regge il lume ai ladri.
  • La luna, se non riscalda, illumina.
  • L'anno di tredici lune, fa piangere i bimbi nelle cune.
  • Luna cerchiata, o vento o pioggia.
  • Luna di febbraio, madre di vendemmia.
  • Luna mercolina è peggio di tempesta e brina.
  • Luna merculina, pioggia e tempesta.
  • Luna nuova, tre giorni in prova.[1]
  • Luna pallida annuncia la pioggia, la rossa marca il vento e la chiara promette il bel tempo.
  • Luna piena di Natale, gran siccità è male.
  • Non passa Carnevale senza luna di febbraio.
  • Quando la luna è tonda, essa spunta e il sol tramonta.
  • Quando la luna viene nei primi dieci dì, non è di quel mese lì.
  • Quando si va a messa di mezzanotte con la luna, chi ha due vacche ne venda una.
  • Se in luna nuova s'è feriti si tarda a guarire.

Toscani[modifica]

  • Donna e luna, oggi serena e domani bruna.
  • Luna mercurina tutto il ciel ruina.
  • Ogni granchio, ha la sua luna.

Istriani[modifica]

  • Luna colegada, barca pareciada.
Luna velata, barca armata. [pronta a prendere il largo].
  • Luna piena, l'equipaio se remèna
Luna piena, l'equipaggio si agita.
  • Quando la luna va in garbin – lassa le togne e tiente al vin.
Quando la luna va in garbino [sinonimo di libeccio], lascia le togne [2] e tieniti al vino.

Note[modifica]

  1. Il proverbio si riferisce al tempo atmosferico. Vedasi proverbio latino: Prima et secunda nihil, [...] tota luna equalis alla sezione Latini.
  2. Togna: attrezzo da pesca quadrangolare di sughero o legno sul quale si avvolge la lenza.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]