Maria Grazia Capulli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Maria Grazia Capulli nel 2015

Maria Grazia Capulli (1960 – 2015), giornalista e conduttrice televisiva italiana.

Citazioni di Maria Grazia Capulli[modifica]

  • In redazione passo per rompicoglioni proprio perché sto attentissima all'uso della singola parola. Quando usano espressioni trite e ritrite, luoghi comuni, "alta tensione", "il bilancio dei morti", "l'Italia in ginocchio", "tragico evento", "l'esodo e il controesodo" io sono la maniaca che le cambia.[1]
  • [Lei che cosa fa per rimanere bella?] Coltivo la mia anima.[1]
  • Ho paura della stupidità umana, quella che spesso fa danni e che poi sfocia in cattiveria. Ho paura di quel senso di onnipotenza che a volte hanno le persone e che li spinge a calpestare i diritti dei più deboli. Ho molta paura di questo e mi spaventa che le generazioni future troveranno un mondo sempre peggiore, sotto il segno di non valori, come il consumismo, della smania di avere, la smania di apparire, la smania di avere degli obiettivi che poi non danno la serenità. Ho paura di un mondo così. Ho paura della mancanza di tolleranza nei confronti dell'altro, del diverso. Sono cose che mi fanno paura.[2]
  • Se uno sogna di fare il giornalista, deve avere prima di tutto una grande passione. E poi imparare a guardare la realtà con i propri occhi, senza lasciarsi guidare o condizionare dalle idee altrui. Imparare a capire le cose e ad esercitare un grande spirito critico, che è una cosa che dovrebbero avere tutti i giornalisti e non, cioè non essere mai supini o passivi di fronte alle cose e soprattutto conservare o ritrovare il senso e la capacità di indignarsi di fronte alle cose che non vanno, perché ormai passa tutto in una sovrana indifferenza. Mi piacerebbe vedere le persone tornare ad indignarsi di fronte alle cose non giuste.[2]

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Claudio Sabelli Fioretti, Mi chiamano regina delle papere solo perché faccio notizia, Corriere della Sera, 2 settembre 2002.
  2. a b Dall'intervista di Gianfranco Gramola, Una giornalista con uno stile principesco e due occhi magnetici, Intervisteromane.net, 6 giugno 2007.

Altri progetti[modifica]