Mario Merola

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Mario Merola negli anni '70

Mario Merola (1934 – 2006), cantante, compositore e attore italiano.

Citazioni di Mario Merola[modifica]

  • A finale io dissi: Non voglio rimanere nella storia di Napoli, ma nei ricordi di Napoli![1]
  • Perderò un pianista, ma troveremo un grande artista![2] [riferendosi a Gigi D'Alessio]
  • Poi sono diventato questo modesto interprete della Canzone Classica Napoletana. Interprete, non cantante, attenzione è molto importante questo.[1]

Citazioni su Mario Merola[modifica]

  • Con la ventata dei film di Mario Merola, Mario Trevi ed Angela Luce, la Canzone napoletana sta ritornando su. (Franco Franchi)
  • È stato un grande rappresentante di Napoli, credo non ce ne siano altri dopo di lui. L'ho conosciuto molto bene e l'ho ospitato spesso nelle mie trasmissioni, per me Merola ha rappresentato una parte del popolo napoletano, anche se con spettacoli popolari. È un artista che è riuscito a portare questo genere di spettacolo in tutto il mondo. (Marisa Laurito)
  • Era tanto grande quanto umile. Con Mario Merola se ne va veramente un pezzo importante della storia di Napoli paragonabile per importanza a Massimo Troisi e a Totò. (Gigi D'Alessio)
  • Pensare che Mario Merola non c'è più è come pensare che non esiste più l'erba di casa mia, il mondo in cui sono cresciuto e diventato artista, la Napoli in cui ho tirato i primi calci a un pallone, in cui mi sono innamorato per la prima volta. [...] Quando ero uno scugnizziello che strillava con tutta la voce che avevo in corpo. Ma la gratitudine che gli porto non è solo personale: gli dobbiamo tutti tanto, anche quelli che non lo hanno mai incontrato, ma che almeno una volta nella vita si sono fermati ad ascoltare il suo canto fisico, ad osservare il suo modo di accompagnare la melodia con il corpo. (Massimo Ranieri)

Note[modifica]

  1. a b Dalla trasmissione televisiva La Vita In Diretta, Rai Due, 14 maggio 2012. Video disponibile su YouTube.com.
  2. Dalla trasmissione televisiva Emozioni, Rai Due, 29 giugno 2012. Video disponibile su Youtube.com (min. 4.00).

Altri progetti[modifica]