Michel Chevalier

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Michel Chevalier

Michel Chevalier (1806 – 1879), scrittore, ingegnere, giornalista, editore, statista ed economista francese.

Citazioni di Michel Chevalier[modifica]

  • Da Luigi XIV in poi, i pionieri della politica sono i commercianti. (citato in Italo de Feo, Cavour, l'uomo e l'opera, Mondadori, 1969)

Il Messico[modifica]

Citazioni[modifica]

  • Generalmente si è creduto, e si crede tuttora, che la famosa dottrina di Monroe - la quale nega qualunque ingerenza, illegittima o legittima, delle potenze europee nel mondo nuovo - sia la espressione viva e perfetta del non-intervento. Molti l'hanno chiamata addirittura il Codice del non-intervento. Eppure non vi ha credenza più falsa ed erronea di codesta. (p. 266)
  • Ora la pretesa degli Stati Uniti di America, come risulta dall'applicazione che si è fatta della dottrina di Monroe, non sarebbe soltanto quella di volere il rispetto della indipendenza di tutti i vari popoli del nuovo mondo, da parte delle potenze europee, ma, altresì, quella di potersi fare liberamente ed impunemente essi violatori della indipendenza dei medesimi popoli. E bene: tutto questo è la negazione, non l'affermazione del non-intervento. (pp. 267-268)

Explicit[modifica]

  • Gli Stati Uniti in America non debbono rappresentare ciò che la Santa Alleanza un tempo rappresentò in Europa. Essi, in America, debbono rappresentare ciò che la Santa Alleanza avrebbe dovuto veramente rappresentare in Europa, perché la sua esistenza avesse avuto la benedizione dei popoli e il riconoscimento del diritto internazionale universale. Essi, cioè, debbono essere custodi disinteressati dei diritti d'indipendenza di tutti i popoli del nuovo mondo. Ed è soltanto in questo modo che la dottrina di Monroe potrà davvero meritare il nome di «Codice del non-intervento». In caso contrario, essa sarà sempre «la negazione del non-intervento». (p. 270)

Bibliografia[modifica]

  • Michel Chevalier, Il Messico, Corona e Caimi, 1864.

Altri progetti[modifica]