Modi di dire abruzzesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A or' e mmumènde
Ora ed a momenti.
Incessantemente.
  • A ttèrne sècche
A terno secco.
Severamente.
  • A ttòzz' e buccòne
A pezzi e a bocconi
  • Allègre, àsene mè, ca t' àjje sumenàte la ferràjene
Detto a chi per bisogni attuali promette soccorso in futuro.
  • Aremanè nell'atte
Rimanere nell'atto.
  • Aremanè nghe la faccia tajjàte
Restare con la faccia tagliata
  • Aremètte lu lèvete
Compiere un lavoro che sarà fruttuoso.
  • Arepijjà sòpr' a la gròppe de lu lèbbre
Affaticarsi a riavere ciò che è stato perduto.
  • Areterà le mandìle
Cessare di essere splendido.
  • Attaccà 'na còs' a ll'acque
Attaccare una cosa all'acqua.
Non fare niente.
  • Ariemesene a la ches!
Torniamocene a casa.

C[modifica]

  • Cala da 'ss arbiru ché ju ramu tretteca!
Scendi da questo albero che il ramo si muove
  • Camenà nghe la còcce
Camminare ricurvo
  • Candà le còrne
  • Canda lu cazze mette l'eugne
Quando al cazzo cresce l'unghia. [Cioè mai]
  • Canda ma li zinghere è jt' a mmete.
Quando mai gli zingari sono andati a mietere
È improbabile che uno sfaccendato si dia da fare.[1]
  • Canda panze ha viste ssa schine
Quante pance ha visto quella schiena.
Riferito a donna disponibile con tutti.[1]
  • Canda Pasque vè di magge.[1]
Quando Pasqua vien di maggio. [Cioè mai]
  • Canda pisce la halline [Cioè mai]
  • Càne sbattezzàte
Cane sbattezzato.
Persona intrattabile.
  • Cavaljiere de lu sòle
Cavalieri del sole.
Sfaccendati.
  • Cavalle de la strèhe
Persona sempre in giro per affari.
  • Ce ne sta de jùorn' arretì a 'ssa mundàgne
Ce ne stanno di giorni dietro questa montagna.
  • Ce ne sta sette pèste
Tanti, in senso dispregiativo.
  • Chi sci lu fije? – Di chi si lu fije?
Di chi sei il figlio?

D[modifica]

  • De la se' si sta de foo.
La sera c'è caldo.
  • Ddu' recchie bbone ne stracche de hanghe!
Due orecchie buone ne sfiniscono di mascelle!
Si dice di chi predica a chi "non ha orecchie per intendere".

E[modifica]

  • È 'n period' ch' la saccuta e' sgombra i' la cassarola piagn'

L[modifica]

  • Lu uoue dice curnut' all'asine [1]
Il bue dice cornuto all'asino.

R[modifica]

  • Rid, rid ca mamm ha fatt li gniucc!
  • Rid, rid ca ti cresc li recchie

S[modifica]

  • Scin ca scin, ma ca scin 'n tutt no.[2]
Sì che sì, ma sì del tutto, no.
  • Sci'ccisa la zappa e chi te l'ha messa n'mano
  • Si na lena torte [1]
Sei un legno storto
Sei incorreggibile.
  • Sta 'bbone Rocche, sta 'bbone tutta la rocche.[3]
Sta bene Rocco, sta bene tutto il resto.
  • Stè a mezz a na pezz' di casc'.
Sta in mezzo ad una forma di cacio.
È tranquilla, sicura, fortunata e protetta.
  • Sa da i pegg e meij che va accuscì
Potrebbe andare peggio è meglio che vada così.

T[modifica]

  • Ti va schtrette lu 'mmaste.
Ti va stretto il basto. [1]

V[modifica]

  • Vénga tarde e vénga 'bbone.[4]
Venga tardi, ma venga bene.

Note[modifica]

  1. a b c d e f modo di dire scernese, da Scerni, comune in provincia di Chieti.
  2. Citato in articolo di Chietitoday.
  3. Citato in articolo di Chietitoday.
  4. Citato in articolo di Chietitoday.

Voci correlate[modifica]