Proverbi abruzzesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Raccolta di proverbi abruzzesi.

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A àsene vjìecchie, 'mmàste nòve.
Ad asino vecchio, sella nuova.[1]
  • A ddonna prena, niente si nèha.
A donna incinta, niente si nega.[2]
  • Acqu' e mmòrte sta 'rret a la pòrte.
L'acqua e la morte sono dietro la porta.[1]
  • Acqu' e ffoche nen dròve lòche.
Facilmente si espandono.[1]
  • Addezz' mezza bellezz'.
Altezza mezza bellezza.[2]
  • Addò c'è gguste, nen g'è pperdènze.
Dove c'è gusto non c'è perdenza.[1]
  • Addò n'n g'è àrbere, nen g'è l'ambrì.
La protezione dei piccoli nulla vale.[1]

C[modifica]

  • C' sput' 'n ciel' jà 'rcasch 'n mocch'.
Chi sputa in cielo gli ricade in bocca.[2]
  • Cummann' e fattl' tè.
Comanda e fattelo da te.[2]

L[modifica]

  • L'amore n' vvò le bbellezze; l'appetite n' vvò la salze.
L'amore non vuole bellezze; l'appetito non vuole salse.[2]
  • L'òmen' è lape, e la fémmen'è lu cupe.
L'uomo è l'ape e la donna alveare.[2]
  • La femmina busciarde se puttane non è, poche ci manghe.
La donna bugiarda, se non è puttana, poco ci manca.[3]

M[modifica]

  • Mèjjo 'mbiccatu, che mmal'ammojjatu.
Meglio impiccato, che male sposato.[2]
  • Mitte lu cappèll'à 'nu crapόne, la fémmene ce se 'nnammόre.
Metti il cappello a un caprone, la donna se ne innamora.[2]
  • Moglie e ffόche, stuzzicale ogni poche.
Moglie e fuoco, stuzzicali ogni tanto.[2]

O[modifica]

  • Ogne ccas' tèn' nu peng' rett'.
Ogni casa ha una tegola rotta.[2]

P[modifica]

  • Pan' e mazzarèll' fà la moij' e li fij' bell'.
Pane e botte fan la moglie e i figli belli.[2]
  • Pìzzichi e basc' nen fann' busc'.
Pizzichi e baci non fanno buchi.[2]
  • Pulitùr' di piatte onòr' d' coch'.
Pulitura di piatti, onore di cuoco.[2]

Q[modifica]

  • Quand' ce stà lu levànd' schiàffet' li man' 'n cul' ch' tutt' li guand'.
Quando c'è la nebbia mettiti le mani nel sedere con tutti i guanti.[2]
  • Quande la fémmina camina e tréttica l'anca, se puttana nin è poco ci manga.
Quando la femmina cammina e dondola l'anca, se puttana non è poco ci manca.[4]
  • Quella ch' jè di pil' rusce ti mùr' prim' che la cunusce.
Quella che è di pelo rosso, muori prima di conoscerla[2]

T[modifica]

  • Trist'a cchi nen dé' niènde, ma chiù ttrist'a cchi nen dè' nisciune.
Triste chi non ha niente, ma più triste chi non ha nessuno.[2]

V[modifica]

  • Vign' e ort' òmmen' mort'.
Vigna e orto, uomo morto.[2]
  • Vocca vasciata nen perde ventura, ma s'arrinova come fa la luna.
Bocca baciata non perde ventura, ma si rinnova come la luna.[2]

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato in Finamore, p. 243.
  2. a b c d e f g h i j k l m n o p q r Citato in Benvenuti e Di Rosa.
  3. Citato in Bolelli, p. 71.
  4. Citato in Bolelli, p. 26.

Bibliografia[modifica]

  • Stefano Benvenuti e Salvatore Di Rosa, Proverbi italiani, Club degli Editori, 1980.
  • Tristano Bolelli e Adriana Zeppini Bolelli, Dizionario dei dialetti d'Italia, La Domenica del Corriere, Milano, 1983.
  • Gennaro Finamore, Vocabolario dell'uso abruzzese, Editrice Rocco Carabba, Lanciano, 1991.

Voci correlate[modifica]