Proverbi abruzzesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Raccolta di proverbi abruzzesi.

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A àsene vjìecchie, 'mmàste nòve.
Ad asino vecchio, sella nuova.[1]
  • Acqu' e mmòrte sta 'rret a la pòrte.
L'acqua e la morte sono dietro la porta.[1]
  • Acqu' e ffoche nen dròve lòche.
Facilmente si espandono.[1]
  • Addò c'è gguste, nen g'è pperdènze.
Dove c'è gusto non c'è perdenza.[1]
  • Addò n'n g'è àrbere, nen g'è l'ambrì.
La protezione dei piccoli nulla vale.[1]

L[modifica]

  • La femmina busciarde se puttane non è, poche ci manghe.
La donna bugiarda, se non è puttana, poco ci manca.[2]
  • Quande la fémmina camina e tréttica l'anca, se puttana nin è poco ci manga.
Quando la femmina cammina e dondola l'anca, se puttana non è poco ci manca.[3]

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato in Finamore, p. 243.
  2. Citato in Bolelli, p. 71.
  3. Citato in Bolelli, p. 26.

Bibliografia[modifica]

  • Tristano Bolelli e Adriana Zeppini Bolelli, Dizionario dei dialetti d'Italia, La Domenica del Corriere, Milano, 1983.
  • Gennaro Finamore, Vocabolario dell'uso abruzzese, Editrice Rocco Carabba, Lanciano, 1991.

Voci correlate[modifica]