Operazione Ajax

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Soldati iraniani circondano il palazzo del parlamento a Tehran

Citazioni sull'Operazione Ajax.

Citazioni[modifica]

  • Da molti anni l'Iran si distingue per la propria ostilità nei confronti del mio Paese e in effetti tra i nostri popoli ci sono stati episodi storici violenti. Nel bel mezzo della Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno avuto parte nel rovesciamento di un governo iraniano democraticamente eletto. (Barack Obama)
  • Ghalghal era al corrente di tutto. Quando parlava dell'America pareva la conoscesse come le sue tasche, gli spiegava come gli americani erano riusciti a impadronirsi del loro paese e lo governavano da dietro le quinte. Gli raccontava come si erano introdotti in Iran: "È andata così, l'America stava diventando una superpotenza e voleva usare il nostro paese come base militare contro l'Unione Sovietica. Ma Mossadeq, il primo ministro eletto, era un liberale, un premier nazionalista, e si rifiutò di concedere loro quello spazio. Gli Stati Uniti non potevano più aspettare, avevano paura che l'Unione Sovietica invitasse Mossadeq a Mosca e rafforzasse la sua posizione anti-americana. Così la CIA architettò un colpo di stato e lo scià lo approvò. Decisero di assassinare Mossadeq, ma l'Unione Sovietica scoprì il loro piano e lo informò subito. Mossadeq fece arrestare il gruppo di ufficiali filo-americani che stavano per compiere l'attentato e ordinò di occupare il palazzo dello scià appena in tempo in elicottero. Lo scià fuggì poi con un caccia in America."
    "Interessante", ripose Shahbal, "non avevo mai sentito parlare di questi avvenimenti.
    "Queste cose non le scrivono nei libri di scuola", disse Ghalghal. "Vi insegnano una storia falsa."
    "E poi cosa accadde?"
    "Per diventare una grande potenza l'America aveva bisogno dell'Iran. L'Iran occupava una posizione strategica in Medio Oriente e aveva oltre duemila chilometri di confine con l'URSS. Così architettarono un secondo colpo di stato. La CIA prese contatto con alcuni generali dell'esercito iraniano. Due giorni dopo, quando la gente pensava che fosse tutto finito, arrestarono Mossadeq. C'erano carri armati americani agli incroci di tutte le principali vie di Teheran e il parlamento fu occupato. Poi gli americani mandarono per le strade centinaia di banditi e di puttane, che agitavano sopra la testa il ritratto dello scià. Il giorno dopo, circondato da alcuni agenti della CIA, lo scià tornò nel suo palazzo. Lo scià è una marionetta, deve andarsene e con lui devono andarsi gli americani." (Kader Abdolah)
  • [Sul rovescio di Mohammad Mossadeq] Io rientrai subito a Teheran dove ricevetti un'accoglienza popolare entusiastica. Fu veramente in tutto l'Iran un plebiscito irresistibile. Prima di queste prove, ero stato soltanto un sovrano ereditario; adesso avevo il diritto di dire di essere veramente eletto dal popolo. (Mohammad Reza Pahlavi)
  • L'amministrazione Eisenhower credeva che le proprie azioni fossero giustificate da ragione strategiche, […] ma il colpo di stato è stato un chiaro ostacolo allo sviluppo politico dell'Iran. Ed è facile capire perché oggi molti iraniani continuano ad essere infastiditi da quest'intervento da parte dell'America nei loro affari interni. (Madeleine Albright)
  • Non ignorando nulla dei progetti e delle ambizioni di Mossadegh, avevo deciso di lasciare l'Iran prima del colpo di forza; volevo evitare uno spargimento di sangue e lasciare il Paese libero di fare la propria scelta. Correvo un rischio, ma un rischio calcolato. (Mohammad Reza Pahlavi)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]