Paolo Brosio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Brosio

Paolo Brosio (1956 – vivente), giornalista e conduttore televisivo italiano.

Citazioni di Paolo Brosio[modifica]

Da Paolo Brosio, storia di una conversione

Intervista di Alessandra Nucci, Zenit, 3 maggio 2009.

  • Se non hai la fede vai fuori di testa, il pendolino del dolore ti sconquassa.
  • Mi ha salvato quella Signora: Maria. Lei poi ti presenta suo figlio, Gesù.
  • Mi piacerebbe essere un miliardario per poter dire "do 80 milioni a chi ne ha bisogno, e me ne restano 20". Ma anche chi non ha molto denaro può dare del suo. Lo facevo anche quando non ero credente, adesso che ho Gesù con me, corro.
  • Conoscere chi soffre per noi è una grazia infinita.

Incipit di Profumo di lavanda[modifica]

«Tu dovevi morire. Eri condannato da due tumori. Uno al fegato e un altro ai polmoni, ma Dio ha revocato la condanna e ti ha restituito la vita, guarendoti le ferite.»
Ho avvertito subito un senso di nausea. Mi girava la testa e ho avuto tanta paura, paura di morire, di non vedere più i miei amici, mia madre, di non riuscire a portare a termine ciò che sentivo di fare ancora nella vita con tanto entusiasmo.
Ero troppo giovane per morire così, tra atroci sofferenze di una malattia terribile come questa, la stessa che ha stroncato mio padre, morto sotto i miei occhi impotenti dopo più di quaranta giorni di agonia. Ucciso da un tumore al fegato.
Ecco, vedete: quando sentite squillare il campanello dell'ultima chiamata della vita, tutto sembra avvenire troppo presto, maledettamente in fretta.

Bibliografia[modifica]

  • Paolo Brosio, Profumo di lavanda. Medjugorje, la storia continua, a cura di Aldo Innocenti e Alessandro Bonocore, Piemme, 2010. ISBN 9788856614404

Altri progetti[modifica]