Portici

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ingresso della reggia di Portici

Citazioni su Portici e i suoi abitanti.

  • D' 'a cchiesia 'e san Pascale | 'a campana, ca sona | — cu nu suono argentino — | a mmatutino, | a poppa e a prora | sceta chi dorme ancora | ncopp' 'o vuzzo e ’o vasciello | d' 'o Granatiello. | E, tutto nzieme, se sente na voce: | «Ccà sta Teresenella 'a purticesa! | Ddoje pe nu rano 'e purtualle doce! | E so' meglio d' 'e fravule 'e cerase!...» || 'A campana d' 'a cchiesa | mo sona — cu nu suono | ca fa malincunia — | l'avummaria. | Sciso è int'a ll'onne | 'o sole — e s'annasconne: | 'a vela 'e nu vasciello | pare ca luce, ncopp' 'o cielo d'oro | d' 'o Granatiello... | E, int' 'o silenzio, se sente na voce: | «Ccà sta Teresenella 'a purticese! | Ddoje pe nu rano 'e purtualle doce! | E so' meglio d' 'e fravule 'e cerase!..». (Salvatore Di Giacomo)
  • Davanti agli occhi Portici, la città che si disse era il giardino di Napoli, adesso esibiva finestre murate che gridavano ancora la grazia di un Settecento dai sorrisi spenti. (Ruggero Cappuccio)
  • Stenda pure la immensa Capitale le sue braccia, e stringa a se questa contrada. Portici non deporrà mai la sua sembianza sì incantevole; la sembianza che ti desta tanti pensieri, tanta gioia, e tante rimembranze. Il lusso e la moda trasformino pure i suoi campi, alzin dovunque simmetrici edifizî. Finché il Vesuvio starà, questo sarà sempre il lido della poesìa. (Cesare Malpica)

Altri progetti[modifica]