Vai al contenuto

Proverbi reggini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Raccolta di proverbi reggini.

Proverbi[modifica]

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A 'a casa du 'mpisu no 'mpendiri ogghialòra.[1]
Alla casa dell'impiccato non appendere orciuoli.
Bisogna evitare di parlare di qualcosa che possa ferire l'interlocutore.
  • A 'a casa du pòviru non máncanu strozza.[1]
Alla casa del povero non mancano tozzi.
Riferito ironicamente a chi elemosina o finge di essere povero quando, invece, è più ricco di quel che dice di essere.
  • A boi servaggiu corda longa.
A bue selvaggio corda lunga.
Alludendo a chi si comporta da selvaggio ma che con il passare del tempo ritorna sui suoi passi.
  • A bona jurnàta si pàra ra matina.
Il buongiorno si vede dal mattino.
  • 'A bbarca è ddi cui a cavarca; 'a pecura è ddi cui 'a seguita.[2]
La barca è di chi la cavalca, la pecora è di chi la seguita.
Chi vuol godere di una proprietà è bene non viva molto lontano da essa.
  • 'A bbarca si non si ungi, non vara.[3]
La barca se non si unge non vara.
  • A bbucca chiusa non ci caca musca.[4]
In una bocca chiusa nessuna mosca lascia deiezioni.
Il tacere adorna l'uomo.
  • 'A bbutti chiddu chi nd'avi dintra, nesci 'i fora.[3]
La botte, quello che (ne) ha dentro, mette (di) fuori.
Ognuno dà solo quello che può dare.
  • A cacaredda non ci vôli c.... strittu.[5]
Per la diarrea non bisogna avere il c... stretto.
Quando un'assoluta necessità impone di spendere molto danaro, non bisogna lesinare.
  • A caddàra bugghj e u pòrcu è ammùnti.
La pentola è in ebollizione e il maiale lo devi ancora prendere.
Si è fatto qualcosa prima del tempo.
  • 'A Candilora (2 febb.) 'u mbernu è fora; 'a Nunziata (25 marzo) 'a mirenda è ppriparata.[3]
La Candelora, l'inverno è fuori; la Nunziata, la merenda è preparata.
  • 'A carni cchiù ccara si 'ccatta, cchiù dduci si mangia.[1]
La carne più cara si compra, più dolce si mangia.
  • 'A carni umana si mangia cu 'u meli.[6]
La carne umana si mangia con il miele.
Educa bene chi educa con dolcezza.
  • 'A chiavi d'oru japri 'i porti 'i bbronzu.[1]
La chiave d'oro apre le porte di bronzo.
Per massiccia ed inviolabile che sembri, non c'è porta che resista, se ad aprirla è una chiave d'oro. Dives locutus est et omnes tacuerunt et verbum illius usque ad Coelum perducent.[7] "Il ricco parla, e tutti stan cheti, e inalzano fino alle nuvole le sue parole." (Qoelet[8])
  • 'A chiazza faci l'omu 'i mala razza.[1]
La piazza fa l'uomo di mala razza.
  • A cìra squagghia e u santu non camina.
La cera squaglia e il santo non cammina.
Nonostante passi il tempo le cose rimangono invariate.
  • A crapa fìgghia e u zzìmburu si spremi
La capra partorisce e il montone si lamenta.
Alludendo a chi non fa niente e si lamenta mentre gli altri fanno il lavoro.
  • A cu no nd' avi denti, Ddiu nci manda 'i favi.[9]
A chi non ha denti, Dio (gli) manda le fave.
  • 'A cunfidenza è ppatruna d'a mala crianza.[10]
La confidenza è padrona della maleducazione.
  • 'A fami caccia 'u lupu d''u boscu.[9]
La fame caccia il lupo dal bosco.
Nel momento del bisogno, le persone sono spinte ad affrontare nuove sfide, anche le più pericolose, che mai avrebbero preso in considerazione in una situazione di normalità.
  • 'A fimmina pi mmalizia, di cento parti passa u diavulu.[11]
La femmina per malizia, di cento parti passa il diavolo.
  • 'A gurpi quandu no rriva a racina, dici ch'è aira.[11]
La volpe quando non arriva l'uva, dice ch'è acerba.
Quando non si hanno i mezzi necessari per raggiungere un obbiettivo lo si critica per sminuirne l'importanza, ma nel mentre si rosica.
  • A jaddhìna faci l'ovu e o jàddhu 'nci brucia u culu.
La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il culo.
Alludendo a chi si lamenta del lavoro che verrà svolto da altri.
  • A jatta prescialòra fici li jattareddhi orbi.
La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi.
Non bisogna fare le cose di fretta, altrimenti verranno male.
  • 'A lancedda tantu va o puzzu finu chi si rrumpi.[12]
La lancella (secchia di creta) tante volte va al pozzo finché si rompe.
Ogni cosa è soggetta all'usura del tempo e prima o poi si rompe definitivamente.
  • A matinata faci a jornata.
La mattinata fa la giornata.
Alzandosi presto, la mattina ci si sbriga tante cose quante in una giornata intera se ci si alza tardi.
  • A mbiria cava l'occhi
L'invidia cava gli occhi
  • 'A mugghieri di ll'altri, sempri è cchiù megghiu.[9]
La moglie degli altri, sempre è (più meglio) migliore.
A chi desidera avere oltre la propria anche altre donne, e le corteggia non solo con apprezzamenti verbali.
  • 'A pecura si spremi, e 'u zimbaru[13]si doli.[14]
'La pecora viene munta, ed i montone si duole.
Lo si dice a chi si fa carico – attribuendosi senza esserne richiesto il ruolo di difensore – di problemi altrui.
  • 'A siccia si coci nta so acqua.[15]
La seppia si cuoce nella sua acqua.
Si impara sperimentando le conseguenze dolorose dei propri errori.
  • A ssantu Nicola (6 novembre) ogni mmandra faci a prova.[16]
A san Nicola ogni mandra fa la prova.
Significa, in ogni mandra si fa la ricotta.
  • 'A troja maira sempri si nsonna 'gghianda.[9]
La troia magra sempre si sogna la ghianda.
Riferito, in termini spregiativi, a persona di cui si conoscono le ambizioni.
A tornese a tornese si fa il ducato.
  • 'A virga si torci quandu è ténnira.[9]
La verga si piega quando è tenera.
Gli uomini si educano, i vizi si sradicano durante l'infanzia.
  • Accàni non c'è raspa e non c'è lima 'pi manici i cuteddhu senza lama.
Qui non c'è lima per manici di coltello senza lama.
Chi non sa difendersi da solo non sarà aiutato da nessuno
  • Ama a ccu t'ama e rrispundi a ccu ti chiama.[5]
Ama chi t'ama e rispondi a chi ti chiama.
Bisogna rivolgere le nostre attenzioni e i nostri sentimenti verso chi ricambia.
  • Ama Ddiu supra ogni ccosa; ma non partiri d' 'a casa senza spisa.[16]
Ama Dio sopra ogni cosa; ma non partire di casa senza la spesa.
Spisa vale la colazione, che i lavoratori portano con sé nelle giornate di lavoro. Il proverbio significa: il pensiero del Cielo non faccia dimenticare la terra e le giuste esigenze della vita.
  • Ambàtula ca strizzi e fa' cannòla, tantu u santu êst'i marmura e non sura.
Inutile che fai moine, tanto il santo è di marmo e non suda.
Inutile pregare, se una persona non ti vuole mettiti l'anima in pace.
  • Ambàtula mi ci frischi o sceccu ca non boli 'mbiviri.
Inutile che chiami l'asino che non vuole bere.
Inutile che ti sforzi a fare qualcosa con per qualcuno se questo proprio non ne vuole sapere.
  • Assai pidita, nenti mmerda.[19]
Molti peti, niente feci.
Quando il cielo tuona molto e spesso, non c'è paura di pioggia.

B[modifica]

C[modifica]

  • Caru cumpari stasira ti mbitu porta la carni ca eu mentu lu spitu porta u pani ca u meu esti mucatu porta u vinu ca u meu esti citu. Caru cumpari stasira ti mbitu.
La stessa parodia di un film di Totò e Peppino de Filippo, quando il barbiere (Peppino) viene invitato a cena.
  • Ch'i terremoti, c'a gguèrra e cà pàci, sta festa si fìci, sta festa si faci!
Con i terremoti, in tempo di guerra e in tempo di pace, la festa si è fatta e sempre si farà.
In qualunque condizione la festa della Madonna della Consolazione (patrona di Reggio) ha sempre avuto luogo e sempre avrà luogo.
  • Cu faci jàbbu 'ncappa.
Chi ride delle azioni altrui sbaglia!
Non ridere per gli errori altrui, perché tanto puoi sbagliare anche tu.
  • Cu 'mpresta perdi a testa.
Chi presta [soldi] perde la testa.
  • Cu non 'ccètta non 'mmèrita.
Chi non accetta non merita.
  • Cu nasci tundu non mori quatratu.
Chi nasce tondo non muore quadrato.
  • Cu nasci tunnu non mori piscispada.
Chi nasce tonno non muore pesce spada.
  • Cu 'nci lava i peri o'sceccu perdi l'acqua e la lissia.
Cu 'nci lava a testa o'sceccu perdi l'acqua e u sapuni.
Chi fa dei favori ad un amico irriconoscente, perderà non solo il denaro, ma anche il tempo.
  • Cu 'ndeppi focu campau, cu 'ndeppi pani murìu.
Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto.
Gli strani casi della vita.
  • Cu non poti mangiari carni si 'mbivi u 'broru.
Chi non può mangiare la carne è costretto ad accontentarsi del brodo.
  • Cu si cùrca chi figghiòli mbrìsci cacàtu (e pisciàtu).
Chi si corica con i bambini si sveglia cacato (e pisciato).
Chi ha a che fare con la gente poco matura si mette nei guai.
  • Cu si vardàu si sarbàu.
Chi si è guardato si è salvato.
È sempre un bene tutelarsi.
  • Cu 'zzàppa fujèndu cògghi chiancìendu.
Chi zappa fuggendo raccoglie piangendo.
  • Cu voli 'u'vìzziu si 'l'avi a 'manteniri.
Chi vuole un vizio deve mantenerlo da solo.
  • Cu'nnu corpu dui marvizzi.
Due piccioni con una fava.

Letteralmente "con un colpo di fucile due tordi"

  • Cu cunta menti a 'ggiunta.
'Chi riporta un fatto aggiunge sempre qualcosa al racconto.
  • Cu sparti cogghi a megghiu parti.
Chi effettua la spartizione prende sempre la parte migliore.

D[modifica]

  • Dassa stari 'u cani ch'ddormi.
Non stuzzicare il can che dorme.
  • Di fimmini e du mari non ti fidari.
Le insidie delle giovani donne travolgono, come quelle del mare.
  • Dissi u surici a' nuci: ammi tempu ca ti perciu! A' nuci 'nci rrispundiu: cu tempu mi muffiu!
Disse il topo alla noce : dammi tempo che ti apro! La noce gli rispose: col tempo faccio la muffa!

E[modifica]

F[modifica]

  • Faci u scèccu 'nto linzòlu.
Fare finta di non capire.
  • Fatti i cazzi tòi chi 'ccampi cent'anni.
Fatti i fatti tuoi che vivi cent'anni.
  • Futti futti, chi Diu pirduna 'a tutti
Fà ciò che vuoi, tanto Dio perdona sempre.

G[modifica]

H[modifica]

I[modifica]

  • I fimmini su'comu a pareddha 'ri castagni, hannu i buca i sutta.
Le donne sono come la padella delle castagne, hanno i buchi sotto.
  • I fimmini su'comu i cani, 'chiù i virghij e 'chiù ti ddiccanu i mani.
Le donne sono come i cani, più le bastoni e più ti leccano le mani.
  • I fimmini su'comu i capperi, sunnu bboni sulu supra a pizza.
Le donne sono come i capperi, sono buone solo sopra l'organo genitale maschile.
  • I fimmini su'comu i'puma r'oru, 'chiù i strìzzi e 'chiù nesci 'bona a 'zùca.
Le donne sono come i pomodori, che più li strizzi e più il sugo è buono.
Quanto maltratti le donne tanto ti vorranno bene.
  • I megghiu fica si' mangianu i porci.
I fichi migliori se li mangiano i maiali
Le cose migliori vanno a chi non se le merita.
  • I sordi fannu mi 'nci veni a vista oll'orbi.
I soldi fanno venire la vista ai ciechi.
  • I figghioli i pigghi ra testa e ti fùiunu ri peri.
Se prendi i bambini dalla testa ti scappano dai piedi.
Si dice dei bambini pestiferi.

L[modifica]

M[modifica]

  • Mègghiu mangiàti ri càni, ch' ciangiùti ri cristiàni
È meglio essere sbranati dai cani, che invidiati dalla gente.
  • Mègghiu to mamma mi ti ciàngi c'u sul'i marzu mi ti tingi.
Meglio che tua madre ti pianga che il sole di marzo ti tinga.
  • Mègghiu u mori Ciccio ca no lu ciucciu, picchi u ciucciu porta 'a ligna e Ciccio no.
Meglio che muoia Ciccio che non l'asino, perché l'asino porta la legna(lavora) e Ciccio no.
  • Minchia lu ventu ca tira.
Mamma che vento che tira.

N[modifica]

  • 'Nun c'è artàru senza cruci e matrimoniu senza vuci.
Non c'è altare senza croci e matrimonio senza voci (battibecchi).
  • 'Ndà mangiari pani e cipudda!
Devi mangiarne di pane e cipolla! (per chi ha ancora molto da crescere e da imparare)
  • Ndi mbivisti acqu' i puzzu.
Nei hai bevuta acqua di pozzo (per gli schizzinosi, gli si rammentano le loro origini contadine)
  • 'Non si pigghiunu si non si rassumigghiunu.
Non stanno assieme se non si somigliano.

O[modifica]

  • Occhiu non vìri, còri non dòli.
Occhio non vede, cuore non duole.
  • Ogni fìcatu i mùsca è sustanza.
Ogni fegato di mosca è sostanza.
  • O ciangiu u mortu o tegnu a candila.
"O piango il morto, o tengo la candela."
  • O frii u pisci o vardi a iatta.
"O friggi il pesce o guardi il gatto."
Meglio fare una cosa bene che due fatte male.
  • O vaj all'acqua o nachi u figghijolu.
Modi diversi per dire di non fare due cose contemporaneamente.

P[modifica]

  • Palumba muta non poti êsseri serbùta.
Colomba muta non può essere servita.
Se non chiedi ciò che vuoi non potrai ottenerlo.
  • Puru li pùlici hannu 'a tussi.
Pure le pulci hanno la tosse.
Pure chi non ha diritto parla.
  • Preja u Signuri e futti u prossimu.
Prega il Signore e frega il prossimo.
Si dice dei cristiani ipocriti.
  • Parra comu mangi.

Q[modifica]

  • Quandu canta 'a cicala, vattìndi alla ficàra.
Quando canta la cicala é tempo di raccolta per i fichi.
  • Quandu u jattu non c'èsti, i sùrici ballunu.
Quando il gatto non c'è i topi ballano.
  • Quandu u riavulu t'accarizza voli l'anima.
Quando il diavolo ti accarezza vuole l'anima.
Diffida da chi è ruffiano.
  • Quandu la fimmina t'accarizza, o voli i sordi, o voli a pizza.
Quando la donna ti accarezza, o vuole i soldi, o vuole il pene.
  • Quandu a fimmina aza l'anca, o è puttana o pocu ci manca.
Quando la donna apre(mostra) le gambe, o è di facili costumi o sta per diventarlo.
  • Quandu ti mariti fa festa pe nu jornu, quandu ammazzi u porcu fa festa pe n'annu
Quando ti sposi festeggi per un giorno, quando uccidi il maiale festeggi per un anno.

R[modifica]

  • Ru pòrcu non si 'jètta nènti.
Del maiale non si butta via nulla.
A Reggio è usanza tipica cucinare ogni parte del maiale.
  • Rutta pi rutta rumpimula tutta.
Rotta per rotta rompiamola tutta.
Quando una cosa ti è andata male, non ti preoccupare di far cose peggiori, tanto ormai è andata male!

S[modifica]

  • Si 'nci lavi a testa o'scèccu, jètti l'acqua e u sapuni.
Chi lava la testa all'asino perde l'acqua e il sapone.
  • Si u sceccu non voli mi 'mbìvi, ambàtula che 'nci frìschi.
Se l'asino non vuol bere, è inutile che gli fischi.'
  • Si marzu si ncugna ti faci cadìri l'ugna.
Se marzo si inquieta, ti fa cadere le unghie (per il troppo freddo).
  • Si Missina ciangi, 'Riggiu no'riri.
Se Messina piange, Reggio non ride.
Allude alle disavventure sismiche delle due città dello stretto.
  • Si a jestima putiva, u cuteddu non sirbiva.
Se la bestemmia poteva, il coltello non serviva.
Se i malauguri potessero avverarsi, non servirebbe far nulla di fisico contro le persone oggetto del nostro odio o rabbia.

T[modifica]

  • Tira cchiù nu pilu i 'fimmina ca nu carru i 'boi.
Tira più un pelo pubico che un carro di buoi.
  • Tu pigghi pisci e 'ghiastìmi.
Tu prendi pesci e bestemmi.
Si dice delle persone che si lamentano sempre.

U[modifica]

  • U boi 'nci rici curnutu o sceccu.
Il bue dà del cornuto all'asino.
  • U cacàtu 'ngjùria u pisciàtu.
Il cacato prende in giro il pisciato.
Chi ha dei difetti sottolinea solo quelli degli altri.
  • U cani mùzz'ca sempri u'strazzàtu.
Il cane morde sempre lo straccione.
La sfortuna va da chi è già sfortunato.
  • U friddu i marzu trasi 'ntà li corna du 'boi.
Il freddo di marzo penetra fin dentro le corna del bue.
  • U fungiu trova sempri u cumpagnu.
Il fungo trova sempre il compagno.
Le persone, come i funghi, si ritrovano a stare solo con i loro simili.
  • U giustu morìu, e 'u fissa 'rrestau.
Il savio è morto, lo stolto è vivo.
  • U jabbu 'rriva e a'jastìma no.
Il gabbo arriva e la bestemmia no.
  • U lupu cangia pilu ma non cangia vìzziu.
Il lupo cambia il pelo ma non il vizio.
  • U cielu u ittau e a terra u cugghiu.
  • U Signùri mi 'ndi libbera du vedhanu 'rinisciùtu e d'u 'riccu mpoverùtu.
Che Dio ci aiuti dal povero arricchito come dal ricco impoverito.
  • U Signùri 'nci runa u pani a ccu no 'ndavi i renti.
Dio dà il pane a chi non ha i denti.
  • Ustu a ferraustu, capu d'mbernu.
Una volta arrivato ferragosto, l'inverno è prossimo.

V[modifica]

Z[modifica]

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato, con traduzione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 397.
  2. Citato, con traduzione e spiegazione in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 396.
  3. a b c Citato, con traduzione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 396.
  4. Citato, con spiegazione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 411.
  5. a b c Citato, con traduzione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 411.
  6. Citato in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 397.
  7. Citato in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 398.
  8. Da La Sacra Bibbia secondo la Volgata tradotta in lingua italiana da Antonio Martini, vol. II, Firenze, per David Passigli, 1843, p. 207.
  9. a b c d e Citato, con traduzione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 412.
  10. Citato in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 398.
  11. a b Citato, con traduzione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 413.
  12. Citato in Saggio di proverbi calabro-reggini, pp. 411-412.
  13. Il montone in amore. Cfr. Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 407.
  14. Citato in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 407.
  15. Citato, con traduzione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, pp. 412-413.
  16. a b Citato, con traduzione e spiegazione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 411.
  17. Due centesimi di lira.
  18. 4, 25 lire.
  19. Citato, con spiegazione, in Saggio di proverbi calabro-reggini, p. 412.

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]