Quando tramonta il sole

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Quando tramonta il sole

Immagine Tramonto Napoli 23 febbraio 2017.jpg.
Titolo originale

Quando tramonta il sole

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1955
Genere commedia, musicale
Regia Guido Brignone
Soggetto Gianni Puccini, Elio Petri
Sceneggiatura Gianni Puccini, Elio Petri, Ivo Perilli
Produttore John Davis
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Quando tramonta il sole, film del 1955 con Carlo Giuffré, regia di Guido Brignone.

Frasi[modifica]

  • Il Prefetto Piemontese si deve convincere: Napoli non è Torino. Qui la musica è pane. (Salvatore)
  • Qui la canzone napolitana deve campare! (Peppino)
  • A Napoli la musica è cosa nostra! Oggi è di tutti quanti. E non c'è bisogno di essere musicista, che vuol dire? Io e Peppino non siamo fabbri ferrai? (Salvatore)
  • I veri musicisti, pure se non ne sanno nemmeno una nota, li sopporto. Ma certi ciucci, no! È più forte di me. (Maestro Edoardo Tombella)
  • Oje né', fa' priesto, viene, | nun mme fà spantecà, | ca pure 'a rezza vène | ch'a mare stó' a menà. | Méh, stienne sti bbraccelle, | ajutame a tirà, | ca stu marenariello | te vò sempe abbraccià. | Vicin'ô mare, | facimmo 'ammore, | a core a core, | pe' nce spassà. (Peppino)
  • La fame ha creato i grandi capovalori. (Don Vincenzo)
  • Surriento gentile, | suspiro d'ammore, | delizia 'e stu core, | tu sî 'nu buchè. | Cu 'addore 'e sti sciure, | cu 'e vase 'e stu mare, | 'e ccose cchiù care | farrisse scurdà. | Surriento, Surriento. | So' fatte pe' 'ncantà | stu cielo, sti ciardine, | chest'aria, sti mmarine. | Surriento, Surriento. | So' fatte pe' 'ncantà | stu cielo, sti ciardine, | chest'aria, sti mmarine. (Peppino)
  • Quanno mammeta t'ha fatta, | quanno mammeta t'ha fatta. | Vuó sapé comme facette? | Vuó sapé comme facette? | Pe 'mpastá sti ccarne belle, | pe 'mpastá sti ccarne belle. | Tutto chello ca mettette? | Tutto chello ca mettette? | Ciento rose 'ncappucciate, | dint'â mártula mmescate. | Latte, rose, rose e latte, | te facette 'ncopp'ô fatto. | Nun c'è bisogno 'a zingara | p'andiviná, Cuncè. | Comme t'ha fatto mammeta, | 'o ssaccio meglio 'e te. (Consuelo)
  • Chillu turzo 'e mio marito | nun se po' cchiù suppurtà. | Ll'aggi' 'a cósere 'o vestito. | Mm'aggi' 'a mettere a cantà. | Tutto è pronto. Stó' aspettanno | 'na scrittura p' 'a firmà. | Nun appena che mm' 'a danno, | vaco fore a debuttà. | Ho scelto un nome eccentrico: | "Ninì Tirabusciò". | Oh, oh, oh. | Oh, oh, oh. | Addio mia bella Napoli, | mai più ti rivedrò. | Oh, oh, oh. | Perderai Tirabusciò. (Consuelo)
  • Mo nun so' cchiù Cuncetta, | ma so' Lilí Kangy, | sciantosa1 prediletta, | avite voglia 'e dí. | Quanno mme ribbuttaje, | e chi v' 'o ppo' cuntá? | 'A gente mme menaje | mazzette 'nquantitá. | Chi mme piglia pe Frangesa, | chi mme piglia pe' Spagnola, | ma so' nata ô Conte 'e Mola, | metto 'a coppa a chi vogl'i'. | Caro Bebé, | che guarde a fá? | Io quanno veco a te | mme sento disturbá. (Consuelo)
  • Tu non sogni che prendere il treno che ti porti a Napoli. La nostalgia ti divora. (Consuelo)
  • Sono nato ignorante e muoio quasi imparato. (Salvatore)
  • Quanno tramonta 'o sole, e tuttecosa, | jènne pe' s'addurmì dint'â nuttata, | piglia 'o culore 'e 'na viola nfosa, | tanno te penzo sora e 'nnammurata. | Tanno te sento mia, | tutta felice, | senza parlà. | Senza parlà. | Cu ll'uocchie dint'a ll'uocchie e po mme dice: | "Quanta felicità, | quanta felicità". | Siéntelo, oje bella, 'o suono 'e sti pparole. | Viene addu me, quanno tramonta 'o sole. (Peppino)

Dialoghi[modifica]

  • Salvatore: Da oggi inventerò canzoni solo per te. Tu sola devi cantarle.
    Consuelo: Sì, tesoro, sì! E io le porterò in trionfo in tutto il mondo.

Altri progetti[modifica]