Roberto Sanesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Sanesi (1930 – 2001), critico d'arte, storico dell'arte, poeta e saggista italiano.

Citazioni[modifica]

  • Dire non dire, dissimulare dicendo, spostare | il segno, il confine – per evitare (che cosa?); | dev'essere infatti per ragioni pratiche non esiste, | da qualche parte, una realtà prestabilita. (da Dire non dire, in Recitazione obbligata[1])
  • Fra una nota e l'altra | una minuscola slitta ti percorre il mignolo. (da Dove in Alterego & altre ipotesi, 1974[1])
  • L'inverno è la mia unica infanzia a irridere la morte. (da Capricorno, in Rapporto informativo, 1966[1])
  • La diagnosi | sta sulla soglia, in una sepoltura | dell'ultimo soggetto. E viene il giorno | che si abbandonano i corvi nel ghiaccio. (da In direzione dell'alba, in Téchne, 1984[1])
  • La sua voce | cadde da un ramo come un'ombra più in alto del suo peso. (da Il merlo, in L'improvviso di Milano, 1969[1])
  • Sostieni, maturità, questa fatica d'intelletto e sogni, disprezza | l'endecasillabo facile, e tutte le memorie, e la persona chiusa in queste frasi | d'affetto e di poesia... (da A nord dei trent'anni, in Rapporto informativo, 1966[1])

T. S. Eliot[modifica]

Incipit[modifica]

Thomas Stearns Eliot, il poeta che forse più di qualsiasi altro ha contribuito a mutare il corso della poesia dall'Ottocento al Novecento (non soltanto in Inghilterra) e a dare un'impronta inequivocabile a tutta la poesia del nostro secolo, nacque ultimo di sette fratelli – al numero 2635 di Locust Street a St. Louis (Missouri) il 26 settembre del 1888.

Citazioni[modifica]

  • [...] Eliot, al di là del suo rigorismo e al di là della sua ultima opera (che è in ogni caso coerente con le sue premesse critiche e resterà un monumento nella storia della letteratura inglese), ha mutato con la sua presenza il corso del secolo di poesia, ha suggerito soluzioni formali, ha tracciato un disegno doloroso e perfetto dell'Europa in crisi. Il suo è stato, nel caos, un tentativo di restaurazione, ma non necessariamente in senso reazionario. Egli rimane senza alcun dubbio uno degli artisti più rappresentativi di un profondo e non risolto conflitto del nostro tempo: quello fra il dubbio e il dogma, fra l'azione e l'ascetismo, fra l'arte e la vita. (p. 75)

Note[modifica]

  1. a b c d e f Citato in Vincenzo Guarracino, Sanesi, "poeta del secolo scorso", in Omaggio a Roberto Sanesi, Poesia, n. 153, settembre 2001, Crocetti Editore.

Bibliografia[modifica]

  • Roberto Sanesi, T. S. Eliot, Compagnia Edizioni Internazionali, Milano, 1966.

Altri progetti[modifica]