Roger Scruton

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Roger Scruton

Roger Scruton (1944 – 2020), filosofo britannico.

Citazioni di Roger Scruton[modifica]

  • Noi non abbiamo il diritto di distruggere la nostra eredità ma dobbiamo sempre pazientemente sottometterci alla voce dell'ordine.[1]
  • È una occasione speciale, per la quale la famiglia si riunisce [...]. Voi apparecchiate la tavola con una tovaglia ricamata e pulita, sistemate i piatti, i bicchieri, il pane nel cestino, qualche caraffa di acqua e vino. Lo fate amorevolmente, dilettandovi a quella vista, sforzandovi per ottenere un effetto di pulizia, di semplicità, di simmetria e di calore. La tavola è divenuta così un simbolo del ritorno a casa, delle braccia aperte della madre di tutti che invita i propri figli ad entrare. E tutta questa abbondanza di significato e di buono spirito è in qualche modo contenuto nell'aspetto che ha assunto la tavola. Anche questa è un'esperienza di bellezza.[2]
  • È difficile circoscrivere la categoria delle burle, come è difficile circoscrivere quella delle opere d'arte. Qualsiasi cosa è una burla se la si definisce tale. Una burla è un manufatto realizzato per far ridere. [...] la prima cosa che potremmo imparare, considerando gli scherzi, è che l'orinatoio di Marcel Duchamp ne era un esempio – un esempio niente male la prima volta che è stato ideato, scontato all'epoca delle Brillo Box di Andy Warhol è francamente stupido ai nostri giorni.[3]
  • La dissacrazione è una specie di difesa dal sacro, un tentativo di distruggerne le pretese. Le cose sacre giudicano la nostra vita e sottrarci a tale giudizio distruggiamo ciò che sembra accusarci. [4]
  • La bellezza sta scomparendo dal nostro mondo perché viviamo come se fosse priva di importanza; e viviamo così perché abbiamo perso l’abitudine al sacrificio e cerchiamo sempre, con ogni mezzo, di evitarlo. La falsa arte del nostro tempo, macchiata di kitsch e di dissacrazione, ne è un segno. [5]

Note[modifica]

  1. Citato in Marcello Veneziani, Imperdonabili, Venezia, 2017, pp. 370-371, ISBN 978-88-317-2858-4
  2. Da La bellezza e il sacro, in AA.VV. Dio oggi. Con lui o senza di lui cambia tutto, a cura del Comitato per il Progetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana, Cantagalli, Siena, 2010, p. 113. Citato in Un rinnovamento nella continuità. La cultura del bello-bene, della reciprocità e del lavoro nelle Scuole Faes, Faes Italia – Edres, 2013, p. 62.
  3. Da La bellezza, Vita e pensiero, 2011, p. 90. ISBN 978-88-343-1919-2
  4. Da La bellezza, Vita e pensiero, 2011, p. 150. ISBN 978-88-343-1919-2
  5. Da La bellezza, Vita e pensiero, 2011, pp. 163-164. ISBN 978-88-343-1919-2

Altri progetti[modifica]