Sergio Cusani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Sergio Cusani (1948 - vivente), dirigente d'azienda italiano.

Citazioni di Sergio Cusani[modifica]

Da Sergio Cusani

Intervista di Claudio Sabelli Fioretti, Sette, citato in Interviste.sabellifioretti.it, 29 agosto 1993.

  • Mi interessa solo giocare, come si deve, la mia partita, quella che mi impegna totalmente e che decide della mia vita. Mi interessa che si capisca che so stare al gioco e che lo intendo giocare fino in fondo, utilizzando tutte le regole ammesse e tutte le varianti consentite.
  • Non parlo contro altri perché ho parlato a sufficienza contro me stesso. Non si può averla vinta con le delazioni.
  • Ho avuto modo di constatare che se di virtù ce ne era poca in quello che ora viene liquidato come "vecchio sistema", altrettanto poca ce ne è in quello che oggi viene esaltato come "nuovo sistema". Non è affatto virtuoso fingere meraviglia per gli eccessi di interventismo della finanza nel mondo della produzione privata o di mano pubblica.
  • Non è neppure tanto virtuoso scoprire all’improvviso che la "politica dei potenti" ha sempre avuto un suo prezzo ed è sempre stata oggetto di trattative e di affari, spesso di cattivi affari. Bisognava criticare allora quella politica in sé e non tanto quegli affari. Altrimenti muterà solo il genere di affari ma non la politica.
  • Un sistema di legalità è necessario. Se il garantismo non è di moda, riflettiamo sul fatto che una volta svuotato il pozzo, prima che torni a piovere rischiamo tutti di morire di sete.
  • Era un mercato nel mercato in cui era impossibile almeno per me capire come fossero distribuite le parti e quale fosse il copione di base che comunque era assai antico. È probabile che fossero gli imprenditori ad offrirsi, visto che i politici erano in attesa di offerte.
  • Io ho vissuto troppo tempo nel "mercato" per dubitare seriamente che ve ne sia uno "libero".
  • [Su Bettino Craxi] Mi sembra disumano che egli oggi venga ripudiato come la fonte di tutti i mali della società italiana. Si tratta di un indecoroso scaricabarile. Se di sfascio si tratta, questo sfascio ha origini molto lontane e anche fonti di alimentazione perenni ancora attuali.
  • [Sul pool di Mani pulite] È un dato di fatto inconfutabile che abbiano la propensione ad includere la privazione della libertà personale tra gli strumenti di indagine.
  • Gli uomini si trasformano. Ho conosciuto Gardini prima e dopo la sua irresistibile ascesa. Io preferisco il ricordo di Gardini in ascesa rispetto a quello di Gardini già asceso.

Citazioni su Sergio Cusani[modifica]

  • È l'unico cliente in tutta la mia carriera con cui siamo passati dal lei al tu. Ha mantenuto una sua linea chiara e netta. Ha ammesso le sue colpe, ha pagato per i suoi reati, ma non è corso "a pentirsi", come facevano tutti in quei mesi, a denunciare quelli con cui aveva lavorato. (Giuliano Spazzali)
  • Sergio Cusani era l'uomo che distribuiva miliardi ai politici per conto di Raul Gardini. Per Antonio Di Pietro era il grimaldello per processare tutta la classe politica italiana. Alla fine Cusani fu il solo a finire in galera. (Claudio Sabelli Fioretti)

Altri progetti[modifica]