Differenze tra le versioni di "Agricoltura biologica"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
 
*Acquistare frutta e verdura, cereali, fagioli e noci da agricoltura biologica è importante non solo perché presentano un contenuto maggiore di vitamine e minerali, ma anche perché l'inquinamento provocato dall'agricoltura convenzionale avvelena i corsi d'acqua e le persone e uccide uccelli, pesci, insetti e fauna selvatica. ([[Will Tuttle]])
*Chi sceglie il cibo biologico desidera evitare rischi non necessari e ritiene che i metodi di produzione naturali siano più salutari. Tale convinzione ha ricevuto ulteriore conferma dall'epidemia della [[encefalopatia spongiforme bovina|mucca pazza]] in Europa e dalla conseguente scoperta che il bestiame allevato con [[allevamento intensivo|metodi intensivi]] è nutrito con residui di macellazione. Mangiando la carne di questi animali, almeno 150 persone, e secondo alcuni molte di più, hanno contratto una malattia mortale dal decorso relativamente lento. Non c'è dunque da meravigliarsi che milioni di consumatori abbiano deciso che i metodi tradizionali possono essere più sicuri, soprattutto per quanto riguarda i propri figli. (''[[Come mangiamo]]'')
*Esisteva un vecchio conflitto tra l'agricoltura chimico-industriale e quella biologica. Ora ne sta emergendo uno nuovo tra agricoltura ''autenticamente biologica'', che si basa su piccole fattorie biodiverse, e una ''pseudobiologica'', basata sulle monocolture di grandi fattorie che producono per l'esportazione. L'autentica agricoltura biologica è fondata sulla biodiversità, sulle piccole fattorie familiari, sui mercati locali e sul commercio equo. ([[Vandana Shiva]])
*L'agricoltura organica è un sistema agricolo che promuove una produzione ambientalmente, ecologicamente e socialmente sana di cibi, tessuti, legno ecc. In questo sistema la fertilità del suolo è vista come la chiave per il buon esito della produzione. Lavorando con le proprietà naturali delle piante, degli animali e del paesaggio, i coltivatori organici si pongono l'obiettivo di ottimizzare la qualità in tutti gli aspetti dell'agricoltura e dell'ambiente. ([[Federazione internazionale dei movimenti per l'agricoltura biologica]])
*La domanda di cibi locali per ridurre i ''food-miles'' e per creare una catena alimentare più domestica ha creato una nuova dicotomia tra "biologico" e "locale". La mia opinione è che si tratti di una falsa dicotomia. Biologico significa integro e salutare, per la salute della terra e del nostro corpo. Il cibo che potrebbe essere coltivato nell'orto vicino casa, ma che invece è importato da paesi lontani migliaia di miglia non è biologico secondo i parametri dell'ecologia. ([[Vandana Shiva]])
*La scienza può pure continuare con la sua vaghezza; il senso comune mi dice però che il cibo biologico è meglio, meglio in ogni caso di quello cresciuto a furia di organofosfati, antibiotici, ormoni della crescita, cadmio, piombo e arsenico (l'{{maiuscoletto|epa}} permette l'impiego di scorie tossiche nei fertilizzanti) e con i fanghi di depurazione e il mangime formato da brandelli sminuzzati di altri animali e dal loro stesso letame. ([[Michael Pollan]])
*Se {{NDR|le piante}} vengono coltivate biologicamente con metodi sostenibili e su piccola scala, vediamo una terra feconda e fertile che affida cibi sani e deliziosi a mani che lavorano con cura e in armonia con i ritmi della natura. ([[Will Tuttle]])
*Una delle innovazioni fondamentali del cibo biologico è appunto un maggior scambio di informazioni tra produttore e utente finale, un pizzico di storia del prodotto ad accompagnare il crudo numero. L'etichetta attestante l'origine biologica racconta qualcosa sul modo in cui un particolare alimento è stato prodotto; acquistandolo, il consumatore segnala a sua volta al contadino che preferisce i pomodori coltivati senza quei dannosi pesticidi o che vuole dare al suo bimbo latte proveniente da vacche non gonfiate con l'ormone della crescita. La parola «biologico» si è dimostrata una delle più forti nel mondo del commercio al dettaglio: senza nessun aiuto governativo, produttori e consumatori, uniti in questo modo, hanno messo in piedi un settore che vale undici miliardi di dollari e che ha i tassi di crescita più elevati dell'intero comparto alimentare. ([[Michael Pollan]])

Menu di navigazione