Differenze tra le versioni di "Anna Frank"

Jump to navigation Jump to search
m
+wikilink
m (Bot: migrazione automatica di 13 collegamenti interwiki a Wikidata: d:Q4583)
m (+wikilink)
*Per chi ha paura, o si sente incompreso e infelice, il miglior rimedio è andar fuori all'aperto, in un luogo dove egli sia completamente solo, solo col cielo, la natura e Dio. Soltanto allora, infatti, soltanto allora si sente che tutto è come deve essere, e che Dio vuol vedere gli uomini felici nella semplice bellezza della natura. Finché ciò esiste, ed esisterà sempre, io so che in qualunque circostanza c'è un conforto per ogni dolore. E credo fermamente che ogni afflizione può essere molto lenita dalla [[natura]]. (Mondadori 1966, pp. 146-147)
*Quanto sarebbero buoni gli uomini, se ogni sera prima di addormentarsi rievocassero gli avvenimenti della giornata e riflettessero a ciò che v'è stato di buono e di cattivo nella loro condotta! Involontariamente cercheresti allora ogni giorno di correggerti, ed è probabile che dopo qualche tempo avresti ottenuto un risultato. (Mondadori 1966, p. 225)
*Se un cristiano compie una cattiva [[cattiva azione]] la responsabilità è soltanto sua; se un ebreo compie una cattiva azione, la colpa ricade su tutti gli ebrei.
*Sono felice di natura, mi piace la gente, non sono sospettosa e voglio vedere tutti felici e insieme. (2005)
*Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l'avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto si volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l'ordine, la pace e la serenità. (Mondadori 1966, pp. 231-232)
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|commons=Category:Anne Frank|w}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Scrittori olandesi|Frank, Anna]]}}
[[Categoria:Scrittori olandesi]]

Menu di navigazione