Stefano Sollima

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Sollima

Stefano Sollima (1966 – vivente), regista italiano.

Citazioni di Stefano Sollima[modifica]

  • È chiaro che l'empatia si può generare nello spettatore ma prima o poi entra in conflitto con quello che fanno. E a chi già nella prima serie mi chiedeva del fascino di criminali esaltati, rispondo "aspetta di vedere tutta la serie". Per noi infatti Romanzo Criminale 2 è il secondo tempo della prima serie: se prima erano simpatici, caciaroni e facevano cose bizzarre, ora mettono paura.[1]
  • [«Polemiche in vista per l'esaltazione di eroi negativi?»] Io racconterei solo i cattivi, ma in tv è difficile, le emittenti generaliste immaginano di rivolgersi ad un pubblico che in realtà non esiste.[1]
  • [Su Romanzo criminale] La serie arriva dopo soli tre anni dal film e nell'immaginario collettivo quei personaggi sono ancora ben impressi. Per questo ho dovuto ricostruirne i caratteri, cercando di renderli il più aderente possibile a quelli reali, e nel farlo sono stato aiutato dal fatto di non aver avuto vincoli di cast.[2]
  • Non vivo di utopie, non sono un regista politicamente corretto, come sa chi conosce i miei film, ma a me non piace per niente e spaventa molto la cultura che inculca la paura dell'altro. Anche perché si possono costruire muri altissimi. Ma il giorno dopo, su quel muro sarà appoggiata una scala più alta di un gradino che consentirà di scavalcarlo. Ecco perché porto Soldado a Pozzallo. È un omaggio a chi vive sul confine. A chi lo attraversa o lo vede attraversare.[3]
  • [Su Romanzo criminale] Penso non ci sia nulla di male a provare empatia per dei ragazzi che sognano un riscatto sociale. Quando però i loro animi si incupiscono, tuo malgrado inizi a giudicarli e ad allontanarti pian piano, e credo sia molto interessante sociologicamente.[2]

Note[modifica]

  1. a b Citato in Cosa resterà di questi anni Ottanta, Sky.it, 13 aprile 2010.
  2. a b Dall'intervista Placido e Sollima: Romanzo Criminale, secondo noi, Sky.it, 19 novembre 2008.
  3. Citato in Carlo Bonini, "Soldado" a Pozzallo, un film contro i muri, Rep.repubblica.it, 15 ottobre 2018.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]