Gomorra - La serie

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Gomorra - La serie

Serie TV

Immagine Gomorra (Serie) Logo.png.
Titolo originale

Gomorra - La serie

Lingua originale napoletano, italiano
Paese Italia
Anno

2014 – in produzione

Genere drammatico, gangster, noir
Stagioni 2
Episodi 24
Ideatore Roberto Saviano, Stefano Bises, Leonardo Fasoli, Ludovica Rampoldi, Giovanni Bianconi
Regia Stefano Sollima, Francesca Comencini, Claudio Cupellini
Rete televisiva Sky Atlantic (Italia)
Interpreti e personaggi

Gomorra – La serie, serie televisiva italiana trasmessa dal 2014.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Stagione 1[modifica]

Incipit[modifica]

[Ciro sta riempendo una tanica di benzina, mentre Attilio aspetta]
Attilio: Ha pubblicato 'na foto mia e dâ mamma su "book".
Ciro: Ma quale "book"?! Facebook! È 'nu social network.
Attilio: Aggio capito. Ma m'agg' 'a preoccupa'?
Ciro: Ma che t'hê preoccupa'! O' teneno tutte 'e guagliune.
Attilio: 'Sta sempe cu chillo cazzo 'e computer! Ca po' vulesse sape' ma che cazzo tene 'a scrivere?
Ciro: Che scrive... scrive 'e cazze suoje.
Attilio: Ma po' 'e gguardano tutte quante?
Ciro: Tutte chille che sso' amice.
Attilio: Embé je c' 'o faccio spari' 'stu computer, così vediamo se la finisce. [Attilio sale in macchina; Ciro posa la tanica piena nel bagagliaio e sale in macchina]

Episodio 1[modifica]

  • Mammà, tu aviss' 'a partecipa' a 'nu programma 'e cucina dint'â televisione! (Salvatore)
  • Strunze! M'hanno appiciato 'a casa! Venite cca! (Salvatore) [urlando ai suoi uomini dalla finestra]
  • 'E criature? Addo' 'e miette 'e miette, se divertono! (Ciro)
  • Ci poteva sta' uno qualunque di noi e non L'Immortale [Ciro], ca nun l'accide nisciuno! Uno qualunque di noi, e mo' stevemo qua a chiagnere 'nu muorto! So' venute a spara' a casa nostra, di domenica, ce putevano sta' 'e criature! Chisto nunn'è 'nu fatto che se può accuncia'! L'at' 'a ji' a piglia', chella lengua 'e serpente che tene, ce l'amm' 'a straccia'! [riferito a Salvatore Conte] (Pietro)
  • Genny: Ma si tu nun m' 'a dài maje 'a possibilità, ma comme faccio je?
    Pietro: Genna', tu sî figlio a me! Nun tiene bisogno 'e possibilità!
  • Nun fa male! (Attilio) [ultime parole rivolte a Ciro]

Episodio 2[modifica]

  • Genny [mentre sta per uscire di casa]: A pa', me serve 'a motocicletta nova!
    Pietro [ironicamente]: E certo, Genny bello! E dimmi, 'e che colore a vuo', a papà?
    Genny: Rossa!
  • Je, quanno tenevo vint'anne, tenevo ddoje palle 'a sotto accussì! Stevo sempe cu' mio padre, osservavo, capivo! (Pietro) [riferendosi all'atteggiamento di Genny]
  • [Mentre si sta svolgendo il funerale di Attilio]
    Genny: Staje male, eh?
    Ciro: Era comm'a 'nu patre pe' mme!
    Genny: E comm'era comme patre?
    Ciro: Facile.
    Genny: Pe' mme tu fusse 'nu patre facile!
  • Guagliù! Nunn'aggio fatto niente! E gghia'! (Felice) [ultime parole a Ciro e Genny che vogliono ucciderlo]
  • Stamme a senti'! È meglie pe' tte, è meglio pure pe' mme, si dicimmo ca 'stu fatto l'hê fatte tu! Vide, ca passamme 'nu guaio! Hê capite, Genna'? (Ciro) [riferito all'omicidio di Felice appena consumatosi]
  • Pietro: Allora? [interrogandolo sull'uccisione appena consumatasi]
    Genny: Accidere è 'na strunzata!
    Pietro [mettendogli una mano dietro al collo in segno di stima]: Mo' staje apposto. Mo' posso pure muri'!
  • Ah, o Pie', ve site scurdate 'a borza! (Renato) [ultime parole rivolte a Pietro Savastano, prima che questi lo uccida]
  • [Dopo aver urinato in un bicchiere, lo porge a Ciro] Bevilo! Tutto! Famme capi' se me pozzo fida' 'e te! Se sî sulo uno ca racconta strunzate, o se mio figlio e i miei affari 'e pozzo mettere 'mmane a te! (Pietro)

Episodio 3[modifica]

  • Pietro: Ma tu ch'ê fatte ê capille?
    Imma: Niente, c'aggio fatto?
    Pietro: Te veco cchiù selvaggia, cchiù leonessa!
  • Mo' sî tu l'omme 'e casa! (Pietro) [a Genny; alla fine della visita in carcere]
  • [Pasqualino indossa la camicia prestatagli da Pietro per fare bella figura all'udienza]
    Pietro: Ah, 'o vi'! Mo' pare n'ommo onesto!
    Pasqualino: Grazie, Don Pietro! Si vede ca chesta è robba ca costa assaje.
    Pietr: Pascali', e chille songhe 'e sorde ca fanno l'ommo onesto! (Pietro) [a Pasqualino]

Episodio 4[modifica]

  • Ormai pure 'e scigne, là fora, pensano di potersi sedere a tavola con i cristiani. (Pietro) [all'avvocato]
  • Quando mio figlio era criaturo, io 'o purtavo sempe a vede' 'e scigne, e isso me diceva: «Papà, ma comm'è possibile... degli animali accussì scieme vogliono fare quello che fanno i cristiani?» 'E scigne so' belle quando fanno quello che dice il padrone, pecché se vogliono comandare da sole, diventano pericolose, s'hanno âbbattere! (Pietro) [a Tokumbo]
  • A Don Pietro Savastano, come lui ci sta sulamente Hamsik! (Zecchinetta) [brindando con gli altri]
  • Brave! 'E patte so' patte, è 'o vero, Zecchine'? [Zecchinetta annuisce]. 'Sta vota site state fortunate, pecché nun simmo venute direttamente a casa vostra, e ce so' fernute 'mmiezze tanta cristiane ca nun c'azzeccavano 'nu cazzo. Co 'stu fatto ca vuje nire 'a notte site tutte uguale, v' 'a site cavata bbona, ma nun ce pruva' cchiù, pecché 'a prossima vota ce muvimme cô juorno, e nuje cô juorno nun sbagliammo! (Malammore)

Episodio 5[modifica]

  • Papà sta 'na bellezza, Ciru'! Chillo po' sta pure ô 41 bis, tris, quadris, sta sempe 'na bellezza! Papà 'o carcere s' 'o fa assettato 'ncopp'â tazza dô cesso! (Genny) [a Ciro]
  • Mo' nun ce sta cchiù 'o bastone, Genna'! 'E pecore, senz' 'o cane 'e guardia, se ne vanno pê cazze 'e llore! Papà tuoje ha da passa' a mano! Co' 41 bis 'ncuollo, nun se po' cummanna'! Ha da capi' ca mo' staje tu, e si cummanne tu, 'a giostra gira 'n'ata vota! (Ciro) [a Genny]
  • Musi: Credo che faremmo bene a spostare decisamente l'assetto patrimoniale verso strumenti finanziari adeguati, donna Imma. Perché gli immobili stanno lì, ma non generano ricchezza, mentre i soldi creano soldi... e i soldi io li so fabbricare, donna Imma. Senza tirar fuori un centesimo, semplicemente prendendo e restituendo prestiti, giocando sulle valute e soprattutto — cosa ancora più importante per noi — è senza rischiare niente.
    Imma: E pecché?
    Musi: Perché vede, se un giudice dovesse mai trovare un filo, ad un immobile potrebbe anche arrivarci, mentre ai soldi no! Io i soldi li prendo e li sposto da un conto all'altro e gli faccio fare il giro del mondo in un'ora. Mentre sa cosa potrebbe metterci un magistrato a seguire le tracce?
    Imma: No!
    Musi: Secondo le leggi attuali, dieci anni. Mi scusi! [rifiuta una chiamata sul cellulare] Mentre io li moltiplico i soldi, posso farli apparire e sparire come voglio! [rifiuta ancora una chiamata]
    Imma: È proprio chisto, dotto', ca a me nun me piace! L'immobili, 'e palazze, 'e pozze vede', stanne llà! Invece i soldi voi li fate apparire, li fate scomparire, eh? Parlammece chiaramente, dotto': che fine hanno fatte 'e bond finlandese? Ve l'amme ggià chiesto, ce serveno!
    Musi: Ma ci sono, donna Imma! Solo ci vuole qualche giorno per renderli liquidi. Guardi qua, c'è la documentazione! La guardiamo insieme?
    Imma: Guardiamola insieme! Pecché, dutto', a me 'e giochi 'e prestiggie nun me so' maje piaciute! [squilla per la terza volta il cellulare di Musi] Sendite, rispundete a quel telefono pecché se vede che è importante!
    Musi: No, voi la cosa più importante, donna Imma!
  • Io spengo la luce! (Musi) [ultime parole ai familiari, prima di suicidarsi]

Episodio 6[modifica]

  • Tu credi? È importante! Se tieni la fede non sei mai solo! Nun tiene paura 'e niente! Je senza 'a fede nun fosse juto 'a nisciuna parte... e di questo devo dire grazie a una sola persona, ca m'ha fatto capi' che d'è 'a fede: a mia madre. (Salvatore) [a Ciro]
  • Ciro: Don Salvato', nuje vulessemo sistema' tutte cose!
    Salvatore: Certamente! Mo' ca 'o marrucchino è tutto quanto 'o mio, mo' vulisseve sistema' tutte cose... Pietro Savastano m'ha sempe trattato comme 'nu pezzente, ma je m'accato a tutte quante!
    Ciro: Don Salvato', 'e ccose stanno cagnanno, ce sta n'aria nova!
    Salvatore: E che fosse 'st'aria nova, tu?
    Ciro: Pure. Ma soprattutto 'o figlio.
    Salvatore: 'O chiattone? Ma quanno mai, chillo tene a capa' pe' spartere 'e rrecchie!
    Ciro: Però è 'nu buono guaglione, e sape sta' a senti' 'e consiglie buone.
  • Ciro: Ce sta chi tene 'e pompe 'e benzina e chi tene 'o petrolio, e vuje tenite 'o petrolio, ma nuje tenimmo 'e pompe 'e benzina. Amm' 'a sta' 'nu poco cchiù amici!
    Salvatore: Uaglio', te sembra ca sto facenno 'a famme senza 'e pompe 'e benzina vostre? No, dice, ti pare che mi manca qualche cosa? [indicando il locale di sua proprietà in cui i due stanno parlando]
    Ciro: A vvuje nun ve manca niente! [Salvatore annuisce] Però â casa nostra meglio 'e nuje, nun ce sta nisciuno! Vuje 'o ssapite! A me me basta sulo ca ce penzate! Ce penzate?
    Salvatore: Mo' ce penzo! Vache a fa' 'na pisciata e ce penzo!
  • 'Sti cazze 'e russe: stanne chine 'e sorde e cattiveria... e se penzano ca basta chille pe' cumanna'... e se penzano malamente, ce vo' chesta! [indicandosi la testa] Tengono ancora 'nu sacco 'e strada 'a fa'. (Salvatore) [a Ciro]
  • Je nunn'aggio capito ancora chi cummanna mo' a casa toja. (Salvatore) [a Ciro]
  • Salvatore: Ce sta 'nu piezzo 'e costa cchiù a Nord, loro se lo vulevano accatta' pe' fa 'na speculazione e pe' fa 'nu scalo tutto loro per i carichi. Aggio ditto: "ma pecché ce l'amm' 'a lassa' a lloro? Mo' m' 'o accatto je, e vafanculo ê russe!" E aggio sbagliato, simmo fernuto a ce scurna' e mo' me trovo cu' 'na vertebra schiacciata e 'stu coso vicino 'o cuoll' ca me sento comm'a 'nu cane! Farli fuori non si può, aggi' 'a negozia'! Allora, aggio penzato, tu vuo' fa a pace cu' mme? O vuo' o marrucchino mio? E allora 'stu negoziato chê russe 'o vaje a fa' tu, e quanno ammo sistemato 'sta faccenda, ricominciamo a fare affari io e voi.
    Ciro: Scusate, ma 'st'affare è robba vostra!
    Salvatore: Ciru', nun perdimmo tiempo! Vedi che la possibilità di dire no nunn'a tiene. Si vuo' turna' a casa, tu mo' hê ji' addo' chillo sfaccimmo d'Eremenko, e c'hê dicere ca je so' disposto a dividere l'affare! Sessanta a me e quaranta a lloro!
    Ciro: Salvato', ma je che c'azzecco cu' 'sta storia?
    Salvatore: No, tu ch'azzicche pecché chille, 'e russe mo' s'hanno 'ncazzate veramente, e io non mi posso permettere di perdere un uomo mio. Hê capi'?
    Ciro: Mo' aggio capito! Sissanta a vvuje e quaranta a lloro!
    Salvatore: Bravo!
    Ciro: Si stevo mmiezzo 'o mare, tenevo cchiù speranza!
    Salvatore [fa un ghigno]: E così ti sottovaluti! Rilassati, cchiù tarde te vene a piglia' 'o guaglione! Statte buono, Ciru'!
  • Tengo una proposta migliore: passa cu' mme, e te cagna a vita! (Salvatore) [a Ciro]

Episodio 7[modifica]

  • Franco "Leccalecca": Signora Imma, questi non sono modi da usare con me! Io non sono uno dei ragazzi vostri! [ultime parole]
    Imma: Eh?! Vuoi vedere quali sono i modi da usare con te, Franco "Leccalecca"? [Malammore gli spara, uccidendolo]
  • Me siente? T'apposto! ('O Track) [urlando dal balcone che affaccia sulla nuova piazza di spaccio]
  • Aiuto! Vi prego, aiutatemi! Aiuto! Aiuto! Vi prego, aiutatemi! Aiuto! (Luca/Marta) [ultime parole]
  • Je 'o saccio che state penzanno! Voi dividete il mondo in quelli che non uccidono e in quelli che uccidono, e vi pensate che siccome io sono una femmina appartengo alla prima categoria, ve sbagliate! (Imma) [agli altri boss della camorra]

Episodio 8[modifica]

  • Ciro: Genna'! Genna'! [Genny sta salendo in macchina con un suo amico]
    Genny [rivolto all'amico]: Aspetta!
    Ciro: Chisto è 'o mumento nuostro, 'o vi'? Chisto è 'o mumento c'ammo aspettato pe' tant'anne, e tu me staje trattanno comm'a 'nu strunzo! Te sî scurdato chillo c'aggio fatto pe' tte? Je e te simmo frate!
    Genny: Je nun me scordo niente! Però je e te nun simmo frate, songhe je 'o figlio 'e Pietro, no tu! Mo' tocca a me!
    Ciro: E certo ca tocca a te, ma je voglio sta vicino a te!
    Genny: No Ciru', si tu staje vicino a me, nun cagna niente! Je aggi' 'a dimostra' a chille viecchie là dinto ca c'ha pozzo fa sulo je! [sta per andarsene]
    Ciro [lo ferma trattenendolo per un braccio]: Statte accuorto Genna', pecché tu sulo, te ne vaje a fini' a capa sotto!
    Genny: Può darsi. Nun te piglia' collera Ciru', ca mo' tocca a me!
  • Oh! Sulo pô tiempo ca me staje facenno perdere, je t'avessa spara' 'mmocca! Hê capite?! (Genny)
  • Imma: Ho organizzato 'na cena elettorale pe' tte: un poco d'amici importanti ca te ponno da' 'na mano. Te vuleva fa vede' 'stu posto se te piace... [indicando il locale dietro di lei]
    Genny: Je nun voglio niente 'a te! M'hê capite? Tu cu' mme nun può sbaglia' cchiù!
    Imma: Ma 'e che sbaglie staje parlanno? [Genny scuote la testa] Ja, Genna', parla! È da quanno si' turnato ca pare ca me vuo' accidere, [alzando il tono della voce] je nun riesco a capi' che cazzo t'aggio fatto!
    Genny: Quanno stevo là in Honduras, stevo dinto a 'na capanna e 'nziemme a me ce steva 'n'americano ca parlava, parlava pecché teneva paura. E intanto e sorde tuoje nunn'arrivavano. 'Na sera gli honduregni me mettettero 'nu macete 'mmano e gridavano: "Accidilo! Accidilo!" Je pregavo, pregavo ca coccheduno me veneva a salva', ca tu me venive a salva'! Ma niente... E loro continuavano a grida' "Accidilo! O accidimmo nuje a tte!" E allora l'aggio fatto: aggio abbiato a taglia' primma 'a capa, po' 'e bbracce, po' 'e mmane! L'aggio fatto piezze piezze! Mo' capisce?!
    Imma: Si nunn'era pe' mme, tu stive ancora a fa' o guagliunciello appriesso a Ciro! Je t'aggio mannato là perché dovevi trattare e t'aviva 'mpara'! E me pare ca a coccosa è servuto, o no? O mi sbaglio?
  • Dottore [al cellulare]: Pronto.
    Genny: Aggio ditto a Jessica che non mi deve cercare più!
    Dottore: Grazie!
    Genny: Però primma me ll'aggio chiavata, e ce so venuto 'mmocca, accussì nun rimane incinta!

Episodio 9[modifica]

  • Ciro [entrando nella stanza dove Genny sta parlando con Tonino Russo]: Buongiorno!
    Genny: Allora?
    Ciro: I fratelli Romani stanno apposto!
    Genny: Toni', 'o ssaje che deceva papà? Ca je tengo 'a guerra 'ncapa, ma isso tene 'a capa pâ guerra! [riferito a Ciro]
    Ciro: E che significa, Genna'?
    Genny: Che sî 'nu bravo surdato!
  • Quanno ero piccirillo e stevo a ll'orfanotrofio, lo sai che mi dicevano le suore? 'O terramoto è vuler' 'e Dio, fa bene alla Terra, comme quanno 'na persona sta male, e accumula, accumula finché o se libera e sfoga, o more! Pecciò 'o terramoto è 'na cosa bbona! (Ciro)

Episodio 10[modifica]

  • Massimo [riferito alla sigaretta elettronica che Salvatore fuma insistentemente]: Assumeglia â sigaretta vera?
    Salvatore: Comm'a 'nu strunzo assumeglia a 'nu babbà!
    Massimo: Vabbuò, però accussì ve tenite bbona 'a salute!
    Salvatore: A me nun me ne fotte 'nu cazzo dâ salute!
    Massimo: E allora pecché avite smis' 'e fuma'?
    Salvatore: Ogni anno piglio 'na cosa ca me piace assaje e faccio voto e ne fa' a meno.
    Massimo: E pecché?
    Salvatore: L'ommo ca po' fa a meno 'e tutte 'e ccose, nun tene paura 'e niente!
  • 'A verità è c'aggio lassato a Napule 'na banda 'e scieme ca nun trovano manco 'o cazzo int'â mutanda! (Salvatore) [a Massimo]
  • Guaglio', lievete 'sta faccia ca pare che hê fatto 'na rapina! (Salvatore) [a Massimo]
  • Stasera te ne vaje a piglia' a tua madre e cu' frateto ve ne turnate â Spagna! Je ve trovo 'na fatica, 'na cosa tranquilla. Qua lo capisci pure tu, nun putite resta'! Almeno fino a quanno nun sistemo tutte 'e ccose cu' 'e Savastano. (Salvatore) [a Massimo]
  • Salvatore [scende dalla macchina e si avvicina pian piano a Danielino]: Sono Salvatore Conte! È tutto apposto, Danie'! È apposto! È apposto! Je 'o ssaccio ca nunn'è stata cosa toja! T'hanno cummannato e tu n'o sapive chi era! Frateto m'ha ditto tutto! Sulo 'na cosa m'interessa a me: chi t'ha cummannato d'accidere a Russo? Genny? [Danielino fa cenno di no con la testa] E chi allora?
    Danielino: È stato Ciro! Ciro Di Marzio! [ultime parole]
    Salvatore [fa un ghigno]: Aggio capito! Viene cca! Viene cca! Vienete a piglia' 'o perdono! Viene cca! [lo abbraccia] È tutto apposto piccirillo! Tutto apposto! È fernuto tutte cose! [sussurrando] È apposto! È apposto! È apposto! [estrae la pistola e fredda Danielino con un colpo alla testa]
    Massimo: No! [ultime parole, vedendo il fratello minore ucciso a tradimento, tenta di scappare con l'auto ma Salvatore lo ferisce a morte con la pistola rendendo vano il tentativo di fuga]

Episodio 11[modifica]

  • Tutti sappiamo che oggi non è morto un eroe, ma per quante responsabilità possa davvero avere Daniele, restano i suoi sedici anni. I figli delle famiglie che nascono in altri luoghi d'Italia hanno opportunità che qui sono state negate. Qui non ci sono colori, qui tutto è grigio. Qui non ci sono luoghi dove far sviluppare nel bene i talenti dei nostri figli. Questo è il quartiere "dormitorio", qui vogliono che la gente resti tappata in casa: non deve uscire, non deve intromettersi. Hanno voluto un'intera zona ad esclusivo uso dello spaccio a cielo aperto. Il Padre Eterno terrà conto del fatto che se Daniele ha commesso degli errori, sono stati errori commessi da un ragazzo di sedici anni. Un ragazzo che certamente era responsabile di quello che stava facendo, ma sedici anni... sedici anni sono così pochi che ti costringono a guardare meglio cosa c'è dietro! Che ti obbligano a distribuire le responsabilità! Quella di Daniele è un'età che bussa alla coscienza di chi ciancia di legalità, d'impegno, di lavoro e non bussa con le nocche, ma bussa con le unghie. In piedi! (Prete) [elegia durante la cerimonia del funerale di Danielino]
  • Genna', una sola cosa non ti devi scordare. Noi questa casa l'abbiamo costruita tutti quanti insieme a tuo padre e una sola regola l'abbiamo sempre rispettata, tutte quante: 'e sorde nun tengono bandiera. E nuje cca 'e sorde stammo parlanno, 'e sorde e basta! 'O problema nunn'è Conte! (Zecchinetta)
  • Zecchinetta: Je songo 'o cumpar' 'e cresima 'e Genny, je nun ce posso credere ca v'ha mannato isso!
    Tonino [mentre 'O Track picchia Zecchinetta nella vasca da bagno]: E invece è accussì: Gennarino s'è rutto 'o cazzo 'e te!
    Zecchinetta: Je tengo 'e figlie mie qua abbascio!
    Tonino: Nun te preoccupa', ce penzammo nuje a lloro! Tu c'hê dicere sulo addo' se nasconde chella merda 'e Conte!
    Zecchinetta: N'o saccio! Nunn'o saccio!
    'O Track: Je nun te credo! Je nun ce credo!
    Zecchinetta: Je nunn'o saccio addo' sta, nunn'o voglio manco sape'! [ultime parole]
    'O Track [continuando a picchiarlo]: Piezz' 'e merda! piezz' 'e merda! Già sî passato cu' Conte! Già sî passato cu' Conte! [uccide Zecchinetta sparandogli alla tempia]
  • Carlucciello: Guaglio' viene cca, vie'! T'aggi' 'a fa' n'imbasciata! [Tonino è con i suoi amici]
    Tonino: Ch'è succiesso, o zi'?
    Carlucciello: Muovete, fa ambressa! [prendendo Tonino da parte] Ma famme capi' 'na cosa, Toni', che cazzo ve site mise 'ncapa, ah?
    Tonino: E che staje parlanno? Je nun te capisco!
    Carlucciello: Guaglio', nun fa' 'o scemo cu' mme, je so' chillo ca t'ha criato! Pecciò vuo' o nun vuo', chillo ca faje, je 'o vengo sempe a sape', nun t' 'o scurda'!
    Tonino: Ammo fatto chillo ch'erama fa', è Genny che c'ha cummannato!
    Carlucciello: Genny è 'nu pisciazzo! 'A gente ca te fa guadagna' e sorde nun s'accide, s'accata! A Zecchinetta 'o vulevemo bene tutte quante assaje!
    Tonino: E pecché ha continuato a fa' affare cu' Conte?
    Carlucciello: Ma chi cazzo se ne fotte cu' chi vuleva fa' l'affare! Zecchinetta era un' 'e nuje, 'o vuo' capi' sì o no?
    Tonino: E tu 'o vuo' capi' ca mo' simme nuje chille che contano? [lo zio gli da uno schiaffo]
    Carlucciello [rivolto a un amico di Tonino che si stava avvicinando]: Tu statte buono lloco e nun te movere! [rivolgendosi poi al nipote] Guaglio', tu nun t'hê permettere, hê capite? Tu e 'sta vrangata 'e piscitielle 'e cannuccia de cumpagne tuoje v'avit' 'a 'mpara' a purta' 'o rispetto pâ gente ca tene cchiù anne e cchiù esperienza 'e vuje, hê capite?
    Tonino [estraendo la pistola e puntandola contro lo zio]: Site vuje ca nun capite!
    Carlucciello: Nun fa 'o scemo, acala 'sta cosa!
    Tonino: Site vuje ca nunn'ata capite manco 'o cazzo! Site comm'e machine ca nun camminano cchiù, avit' 'a ji' sulo 'o scasso!
    Carlucciello: Ah sì? E allora spara, famme vede' quanto sî ommo! Si' accide a me, accide a te stesso, omme 'e mmerda!
  • E chiammalo, 'sta vota faccio je 'o nummero, | appicecate è inutile | pecché già saje ca te vene a cerca', | lui ama te | e pure tu ce tiene, | si legge nei tuoi occhi | ca tu nun te fide 'e sta'. (Tonino) [ultime parole canticchiando E chiammalo di Anthony, prima di essere ucciso dal mitra dello zio]
  • 'A guerra, Mari', nunn'a vince chi è cchiù forte, 'a vince chi è cchiù bravo a aspetta', e chisto nisciuno 'o ssape fa' meglio di noi femmine! (Imma)
  • Fa chillo c'aggio ditto, si te vuo' salva' a vita! (Imma) [ultime parole al termine del discorso fatto a Ciro, poco prima di essere uccisa in strada]

Episodio 12[modifica]

  • Nun ce sta' mammà là dinto! [riferito alla bara] Nun ce sta niente! Mammà se n'è juta! Tu ci credi in Dio? Quel Dio che tutto vede e tutto sa? Je ce credo, credo ca è tutto 'nu disegno suoje. Quanno tu me purtaste a spara' chillo cristiano pâ primma vota e po' m'hê protetto cu' mio padre, Dio sapeva ca l'ira sparato tu e no je! Quanno Salvatore Conte è turnato, quanno Danielino è muorto, Isso 'o sapeva. Isso sape tutte cose! Sapeva pure ca oggi je e te stevema dinto a 'sta machina, nuje sapimmo chillo ca vulessemo fa', ma solo Dio sape comme va' a firni' veramente 'sta storia! (Genny)
  • [Ciro entra nel rifugio di Salvatore Conte e dei suoi uomini]
    Salvatore: È arrivato, 'o vi'! E comm'era chillo fatto ca 'e Savastano erano 'o passato? Guarda cca comme stammo! Je penzo ca tu a Gennarino nuostro l'hê sottovalutato e mo' sî rimasto sulo tu. Gennarino e i guagliuncielle suoje s'hanno fatto a tutte quante!
    Ciro: Nun so' nisciune! So' muorte che camminano e si me state a senti' a me, c' 'e facimme a tutte quante!
    Salvatore [ai suoi uomini]: Guaglio', chisto tene 'e ppalle, chisto è 'o mast! Ciru', tu 'o ssaje ca ogni furnaro, ogni salumiere, ogni lattaro da cca a Melito sta cercanno a te e ce stanno cientocinquantamila piezze pe' chi dice tu addo' staje! Je e tu nun tenimmo cchiù niente a ce dicere! [rivolgendosi a un suo scagnozzo] Guaglio', piglia 'a cerata ca nun voglio spurca' 'nterra!
    Ciro: Allora pecché sî turnato Salvato'? Tu 'o ssapive ca a Tonino Russo l'aggio acciso je, e sapive pure ca 'e viecchie dâ paranza nunn'erano cuntente 'e Gennaro. Tu staje cca pecché 'sta guerra 'a vulive fa' pure tu! [uno scagnozzo porta Ciro su una sedia mentre Salvatore prende un macete] Pecché chesta è 'a casa toja e sul' 'e cane se fanno caccia' a calci in culo!
    Salvatore: Je mo' te taglio 'a capa e ce 'a porto a Gennarino, ce faccio a pace e m' 'o faccio da' chillo ch'era 'o mio e po' me ne torno â Spagna! [puntando il macete alla gola di Ciro] Che dice, merda? Eh?
    Ciro: Je dico ca tu vuo' 'a capa 'e Gennaro Savastano e sulo je t' 'a pozzo purta'!
  • Diego: E adesso che succede?
    Genny: Aggi' 'a regola' 'nu viecchio cunto!
    Diego: Che conto?
    Genny: Diego, si je te tradisco a te ca me vuo' bene veramente e je invece bene nun te ne voglio proprio e penzo ca sî sulo 'nu povero scemo. Si je accido a tua mamma sulo pecché ha cercato 'e te proteggere da me, tu che me facisse?
    Diego: Je t'accido!
    Genny: Bravo! Diego, io ti insegnerò tutto, te faccio addiventa' 'nu grand' ommo, però m'hê promettere 'na cosa: nun t'hê fida' maje 'e nisciuno! Mai! Nemmeno 'e me!

Stagione 2[modifica]

Episodio 1[modifica]

  • Malammore: Don Pie', arrepusateve 'nu poco!
    Pietro: M'aggio arrepusato pure troppo, Malammo'!
  • Ciro: Salvato', facimme 'a alleanza!
    Salvatore: E je che ce guadagno?
    Ciro: E tu te tuorne a piglia' chillo ch'era 'o tuojo! Tuorne addo stive prima dâ Spagna... [indicando la terra] Â casa toja. Però ce tuorne da padrone.
    Salvatore: Vabbuò! Chi caccia 'e sorde ave 'na piazza. Prima ca 'nu Savastano fujuto o 'nu Savastano resuscitato ce vene a rompere 'o cazzo!
  • Commissario: Qualcuno ha visto un uomo uscire dalla sala. [porgendo un identikit di un uomo calvo a Debora] Più o meno così. Somiglia a suo marito, non trova? Suo marito c'era?
    Debora: E chi 'o dice?
    Commissario: Lo dico io.
    Debora: Sulo pecché coccheduno ha visto n'omme senza capille fora dâ sala? A mio marito â scola 'o conosciono, si ce steva, coccheduno 'e ll'ati genitori ve l'essa già ditto, o no?
    Commissario: Signora Di Marzio si sta difendendo dalle persone sbagliate, spero per lei che lo capisca in tempo. Buona giornata. [Debora fa un cenno di saluto e se ne va]
  • Tutte quante tenimmo 'na ferita, n'umilazione, 'nu muorto 'a chiagnere... ma 'a mano ca c'ha fatte male è sempe 'a stessa: 'e Savastano! Ce sta chi ha perso 'nu frate, coccheduno 'o patre... pe' colpa 'e Gennaro e de' guaglioni suoje. Ma tanto chella è 'na storia passata, è fernuta. Chi ce teneva comm'a schiave mo' sta nascosto dint' a qualche buco dô culo! O sta attaccato a qualche machina ca 'o tene in vita... e nun ha da turna' cchiù! Je e Salvatore Conte v'ammo fatte 'na promessa e 'a mantenimmo. Vuje site chille ca contano 'e cchiù 'ncopp'ê chiazze. Oggi chi mette 'e sorde 'ngoppa a 'stu tavolo s'accatta direttamente 'na quota da rrobba ca Salvatore sta facenno arriva'. 'E piazze ca 'e famiglie vostre gestivano a stipendio do' 'e Savastano, sarranno 'e vostre! 'E sorde ca guadagnate v' 'e mettite direttamente dint'â sacca! (Ciro) [ai capi delle varie piazze di spaccio]
  • Guagliù! Je nunn'aggio fatto 'o pazzo tutto stu tiempo pe' me fa piglia' o pe' me fa spara'. Je mo' me n'aggi' 'a ji' a cca... ma a Napule da chisto momento vuje site l'uocchie... 'e mmane... 'o core... e 'a rabbia mia! E ve pozzo assicura' 'na cosa: ce repigliammo tutto chillo ch'era 'o nuostro! (Pietro) [ai suoi uomini]
  • Ciro [tenendole la mano]: Debora, tu 'o ssaje meglio 'e tutte quante chillo c'aggio fatto pe' sta addo' stammo mo.
    Debora: Ma pecché do' stammo mo?!
    Ciro: Stammo in cimma! [Debora lascia la mano di Ciro contrariata]
  • [Sulla spiaggia]
    Ciro: De', stamme a sente'! Stamme a tant' accussì! [facendo il gesto con la mano] Hê capite? [Debora scuote la testa] Nun ce ferma nisciuno!
    Debora: Si nun te fierme mo, te ferma cocchedun'ato! [si allontana]
    Ciro: A me nun me ferma nisciuno, o De'! [la raggiunge e la blocca] Hê capite? Nun me ferma nisciuno.
    Debora [divincolandosi]: E manco a mme! [spinge Ciro] Lievemm' 'e mmane a cuolle! [si allontana]
    Ciro [raggiungendola e bloccandola di nuovo]: Oh! Ma tu hê capite tutte chillo c'aggio fatto p'arriva' fino a cca? Nun me pozzo ferma' proprio mo!
    Debora [ultime parole, urlando e provando a divincolarsi]: Te fermo io! [sputa in faccia a Ciro e prova a scappare]
    Ciro [rincorrendola]: Oh, ma tu sî pazza, ah? [la raggiunge e con uno schiaffo la butta a terra] Tu sî pazza! [Debora si rialza e prova a difendersi da Ciro buttandogli la sabbia in faccia] Sî pazza! Oh! Calmate! Calmate! [i due si strattonano] Calmate, De'! Calmate! Calma! [Debora prova a colpirlo] Lieve 'e mmane! Lieve 'e mmane! Te vuo' calma', ah?! [comincia a strozzarla, Debora prova a difendersi] Te vuo' calma'?! Calmate! Calmate! [...] Te vuo' calma'?! Te vuo' calma'?! Te vuo' calma'?! Calmate! Calmate! [Debora muore a causa dello strozzamento]
  • Oggi è 'nu grande juorno. Amme battezzato n'alleanza nova... addo se pigliano 'e decisioni 'nziemme. Je accatto a robba pe' tutte quante ma ognuno è 'o rre a casa soja. Ammo fatte gli stati uniti di Scampia-Secondigliano... e ca 'o Signore ce benedice! (Salvatore) [ai nuovi alleati]

Episodio 2[modifica]

  • Giuseppe Avitabile: Nunn'aggio maje avuto occasione de t' 'o dicere ma la tua merce è di una qualità esagerata!
    Genny: Mammà 'o diceva sempe: "Dint'ô commercio 'a qualità dâ robba è 'a primma cosa".
  • Pietro [riferito a delle autocisterne con il simbolo del latte sopra]: Cheste so' comm'e zizze dê vacche, sulo ca invece dô llatte, ce sta' a benzina che viene dall'est. Nun costa 'nu cazzo. Basta mungere qualche addetto alla dogana e ave' 'e pompe 'e benzina comm'a cheste cca. I calabresi stanno facendo 'nu cuofano 'e sorde cu' 'sta tarantella. L'unico problema è ca chisto [Colonia, Germania] è 'nu posto 'e mmerda, e pure si cummannammo rimanimmo e zij 'e nisciuno.
    Genny: Te trovo buono! [Pietro si gira verso Genny, gli guarda il taglio sulla guancia sinistra e poi lo abbraccia]
    Pietro: Quanto tiempo!
    Genny: Staje sulo 'nu poco cchiù bianco.
    Pietro: 'Sta terra 'e merda nun conosce 'o sole!
  • E figlie so' lacrime e sango, lo sapete. (Pietro) [a Mico]
  • Pietro: Ma tu te pienze ca je so stato n'anno fermo cca pecché me piace? Je nun vedevo l'ora de turna' â casa mia. Si so stato n'anno fermo cca è pecché 'e cose nun vanno buone per noi, Gennari'. E sorde nuostre nun se ponno tucca'! Gli amici nuostri, 'e prestanome so' tutti indagati. 'E cunte currente stanno bloccate... e senza sorde e cu' a polizia 'ncuollo nisciuno vuo' fa' affari cu' nuje!
    Genny: Sulo chi è costretto pecché nun tene alternative. [riferito a Mico]
    Pietro: Hê visto? Ce sî arrevato pure tu.
    Genny: Eh, ma 'o stesso nun va buono.
    Pietro: Vint'anne! Sempe cull'uocchie apierte... a fa' attenzione agli amice... 'e nemice... 'e traditure...'E traditure! Vint'anne! E po' aggio passato tutte cose 'mmane a te! 'A barca l'hê tenuta 'mmano tu, Gennari'... e addo c'hê purtate a tutte quante? E mo' viene cca a me dicere chillo ca s'ha da fa? Mamma toja m'o diceva sempe: "Tu 'o vizie troppo assaje. Tutte 'e strunzate ca ce passano pâ cape pe' te vanno bene!" Je dicevo: "Nun te preoccupa'! Puorta pacienza! Chillo nunn'è comm'a mme e comm'a tte, ave bisogno 'e tiempo." Ma mo' 'o tiempo è fernuto, Genna'! Hê capite o no? Sì juto troppo annanze!
    Genny: Je te so' venuto a cerca' n'aiuto ma tu hê fatte 'o pazzo dint'ô carcere... e c'hê lassate sule, quanno 'o sapive buono ca bastava 'na parola toja.
    Pietro: Che vulisse dicere?
    Genny: Ca si nunn'isse fatte 'o pazzo e nun te ne fusse futtute 'e nuje, mammà stesse ancora cca!
    Pietro [mettendo la mano al collo di Genny]: Omme 'e mmerda! Comme cazzo te permiette? Tu 'o ssaje pecché aggio fatto 'o pazzo in galera? Pecché 'o ssapevo, Gennari', ca tu nun sî buono! E sulo asciendo je 'a llà dinto, putevo salva' tutte cose! Ma aggio fatto tarde... [Genny toglie la mano di Pietro, lo guarda un po' e poi se ne va]
  • 'A Germania è bruciata! Mo' è meglio si ognuno piglia 'a strada soja. Tornatenne addo stive e statte tranquille, mi faccio vivo io se serve. [prendendo la testa di Genny tra le mani e avvicinandola alla sua] Po' verrà pure 'o tiempo tuojo. 'A vita è longa, Gennari'. Mo' però aggi' 'a fa' la parte mia... e preferisco a farla da solo. (Pietro) [salutando Genny]

Episodio 3[modifica]

  • Savatore nun beve, nun fuma e nun fa l'ammore: le piace a fa 'a penitenza. (Nina) [riferita a Salvatore Conte]
  • [Salvatore sta controllando dei registri; 'O Principe posa una borsa piena di soldi sul tavolo]
    'O Principe: E vi' loco, e vi'. Chiste so' 'e sorde dê scissioniste.
    Salvatore: Cu' dieci chili quanto c'aizammo nuje? Tu 'e faje diventa' trenta e al dettaglio c'aizammo doje milioni e mmiezzo, è 'o vero o no? E 'sti scieme nunn'arrivano manco a doje.
    'O Mulatto: E che ce vulite fa, don Salvato', chiste nun so' bbuone: se lamentano sempe ca 'a robba 'a pavano assaje... bubbù... babbà... 'A verità è che nun sanno fatica'!
    Salvatore: C'ammo data 'a lanterna mmane ê cecate!
  • Scianel: Si chesta è n'alleanza democratica, 'a robba l'ama accatta' tutte 'nziemme ô stesso prezzo.
    Rosario: Invece mo' l'accattammo 'a te che la compri a meno, accussì tu ce guadagne doje vote: cu' nuje e chê piazze toje!
    Salvatore: E mica l'avite accatta' pe' forza do' mme! Je nun so' Savastano. Accatatela do' vulite vuje! S'ha da sempe vede' si 'a truvate a cchiù poco però... 'O punto è n'ato. Vuje site libere: libero arbitrio, libero mercato, libere tutte quante... chisto è 'o capitalismo!
  • Si cummanne 'o veramente tiene 'e nemice, si tiene sulo amice vo' dicere ca si 'nu povero strunzo! ('O Mulatto) [a 'O Principe]
  • Pecché je penso ca chi cummanna nun s'ha da maje scurda' 'na cosa: 'o potere sujo sta dint'ê mmane 'e chille ca stanno sotto a isso. (Ciro) [a 'O Track e 'O Principe]
  • C'hê maje pensate, Ciru'? 'O serpente... sta sempe câ Maronna... e maje cu' Gesù. Sulo essa sape' chillo ca s'ha da fa'... cô pere... 'o tene fiermo, 'nterra, senza bisogno 'e 'o scamazza'. E pure je vuleva fa' accussì cu' te... ma je nun songo 'a Maronna però! [blocca Ciro e con l'aiuto di 'O Principe, lo fa inginocchiare] Ê serpienti comm'a te, je 'a capa ce l'aggi' 'a taglia'! ['O Mulatto col cellulare fa ascoltare la conversazione registrata tra lo stesso Mulatto e Ciro. Nella telefonata i due pianificavano la morte di Salvatore.] Je chesto mo' ce 'o porto ê cape 'e l'alleanza 'nziemme â capa toja! ['O Mulatto caccia un coltellino, lo punta alla gola di Ciro, ma invece di sgozzare quest'ultimo taglia la gola di Salvatore, lasciandolo agonizzante a terra] (Salvatore) [ultime parole]

Episodio 4[modifica]

  • Patrizia: Tenete qualche occasione? Voi siete già bellissima così, ma po' co' questo addosso... Una pantera! [riferita al vestito che Scianel si è appena comprata nel suo negozio]
    Scianel: 'Na jena è meglio! 'A pantera è bella assaje, ma nun conta 'nu cazzo! Invece 'mmiezz' ê jene a cummanna' songhe 'e femmene!
  • Genny: Che m'hê dicere?
    Pietro: Je torno a Secondigliano!
    Genny [scuotendo la testa]: Ce vo' tiempo!
    Pietro: Conte è muorto! Chisto è 'o mumento! Mo' s'è 'mbriacata ll'acqua. M'aggi' 'a movere subbeto se no m'aggi' 'a scurda' pe' sempe de turna' a Napule!
    Genny: Chella guallera 'e Salvatore Conte è muorto, nun cagna 'nu cazzo! Pecché c'amm' 'a prepara', nun ce putimmo movere ô scuro comme fanno 'e dilettante!
    Pietro: Nun ce sta niente a prepara'! Chelle merde so' comm'e zoccole... l'aggi' 'a scurtica' cull'acqua vullente primma che si mettono commodi! Nunn'o sapive? Mo' mittete dint'â machina e tuorne â casa!
    Genny: Secondigliano è pure 'a casa mia!
    Pietro: No! Pe' te nunn'è ancora 'o mumento 'e turna'! Cierte ferite rimangono aperte. Si tuorne mo, chille s'arrevotano tutte quante contro 'e nuje n'ata vota, e mmece s'hann' 'a muzzecca' l'uno cu' l'ato!
    Genny: 'O ssaje che penzo je, papà?
    Pietro: Che pienze, Gennari'?
    Genny: Ca tra me e te ce sta sulo uno ca tene chelle ferite ca dice tu... [andandosene] e chella persona sî tu!
  • 'O vero te pienze 'e me mettere 'a merda sotto 'o naso, e je 'a pigliasse pe' 'nu babbà? (Scianel) [a Marinella]
  • 'O ssaje chi songhe je? [...] Je so Scianel. 'O ssaje pecché me chiammano accussì? Pecché ne capisco assaje 'e profume... e tu puzze già 'e morte! (Scianel) [al rapinatore Angelo Sepino]
  • So turnato sango mio... e mo' nun te lasso cchiù. (Pietro) [davanti alla lapide di Imma]
  • Pietro [vedendo il tatuaggio di una leonessa sul braccio di Patrizia]: 'O tatuaggio?
    Patrizia: M'aggio fatto quanno è muorto patemo... isso me chiamava accussì.
    Pietro: Si tu ire 'na leonessa, nun tenive bisogno de 'no tatuaggio!
  • E sorde vanno e vengono, nanni', 'a vita toja 'na vota ca è asciuta, 'nu trase cchiù! (Scianel) [al rapinatore Angelo Sepino]
  • Stammatina nun sapive addo' tenive 'a vocca e addo' tenive 'o culo e mo' faje 'o gruosso?! (Ciro) [al rapinatore Angelo Sepino]
  • 'O scialatiello 'o ssaje comme se fa? Chê frutte 'e mare... e po' ce vo' 'o cucchiaro. (Pietro) [a Patrizia]
  • Ciro: Pietro Savastano è turnato pe' fa 'o burdello! [a Scianel] T'ha voluto da' 'nu schiaffo 'nfaccia proprio a te... pecché 'o ssape ca tu sî comm'a 'nu mastino napulitano: vide subbeto russo! [a tutti gli scissionisti] Nun l'avite capite 'o juoco ca stai facenno... vuo' ca facimme 'e muorte pecché 'e muorte chiammane 'e guardie. Sarà chieno accussì! E chê guardie 'mmiezze se bloccano 'n'ata vota 'e piazze! Po' a gente che dice? Ca cu' nuje nun se campa cchiù? Ca era meglie quanno ce steva Pietro Savastano... Allora sì ca se steva bbuono!
    Scianel: E se non vuo' fa 'a guerra, che vuo' fa'?
    Ciro: 'A pace!
    Scianel: Accussì tutte quante se penzano ca ce ponno scamazza' comme vonno llore!
    Ciro: Annali'! Chi è cchiù scemo? Chillo ca se fa purta' comm'a 'nu cane câ catena... o chillo ca 'a catena c' 'a mette 'ntuorno 'o cuollo? [Scianel è stizzita]

Episodio 5[modifica]

  • Ciro: Rosa'! [si salutano]
    Rosario: M' 'o poteve dicere ca jive a parla' cu' Don Aniello.
    Ciro: Chillo ca conta è ca è juto buono!
    Rosario: Stamme facenne 'na strunzata, Ciru'! A Savastano 'nu l'amm' 'a lassa' cca, l'amm' 'a piglia', l'amm' 'a truva' e l'amm' 'a accidere, a isso e Gennaro, chesto amm' 'a fa!
    Ciro: Rosa', simmo passate pe' Savastano, pe' Conte, mo' cummannammo nuje ma si vulimmo ji' annanze amm' 'a fa 'e sorde! Pecché senza 'e sorde se fa 'a famme, 'a famme chiamma sango, 'a gente nostra – 'a vi' [indicando dietro di lui] – nun vo' né famme né sango. A Pietro e Gennaro c'amm' 'a mettere 'e briglie! [saluta Rosario e se ne va]
  • 'O Mulatto: Guaglio' ma tu nun hê ditte 'na parola...
    'O Principe: E pecché je primma 'e parla 'ncopp'â 'na cosa c'aggi' 'a pensa'!
  • E accussì tu ce prieste 'e 'rrecchie e 'a vocca a mio padre? È vero? No, pecché me fa strano! Soprattutto si penzo ca l'urtema femmena ca isso se fidava è morta! (Genny) [a Patrizia]
  • Genny: Chi sfaccimma è stato?
    'O Track: So' stato je! E c'aggio fatto 'e male? M'aggio arrubbato 'n'orologio 'e 'nu figlio 'e papà?
    Genny: No, è pecché sî venuto a arrubba' â casa mia!
    'O Track: Chillo tene cchiù sorde 'e te, se n'accatta n'ato! Je intanto m'abbusco mille eure! Genna', mentre tu truove 'o curaggio 'e turna' [a Napoli], je aggio fatto 'o munno 'nu poco cchiù giusto! [mostrando l'orologio rubato] Bellillo, eh?! [Genny gli tira un pugno in faccia, poi lo colpisce due volte a terra con due calci]
  • [Ciro entra in camera e si accorge che qualcuno è entrato prima di lui, poi sente alle sue spalle il rumore di una pistola che si carica]
    Ciro: Spara, si hê spara'! Accussì a facimmo fernuta!
    Genny [con la pistola puntata verso Ciro, scuote la testa]: Je aggio aspettato tutto 'stu tiempo e tu 'a vuo' fa' ferni' subbeto? Aggirate, 'nfame! [Ciro si gira]
    Ciro: Aggio campato tutta 'a vita mia câ morte vicino a mme! Nun tengo paura 'e muri'!
    Genny: Ah, sì? Pe' chisto hê acciso a mammà e m'hê sparato 'nfaccia?
    Ciro [mostrando le mani]: Cu ste mmane – o vi', Genna' – aggio acciso a Debora mia! Avesse acciso a chiunque se fosse miso mmiezzo! [con le lacrime agli occhi] Accidilo a 'st'omme 'e mmerda!
    Genny: E che c'hê ditto a figliata, comm'è morta 'a mamma, eh?
    Ciro: Nun tengo niente a te dicere a te! Spara ca me so' stancato!
    Genny [fa cenno di no con la testa]: Tu puo' menti' a te stesso, no a me!
    Ciro: Spara!
    Genny: Accidere 'a mamma de figlie tuoje è 'na cosa ca non te puo' scurda'!
    Ciro [urlando]: Spara!
    Genny [avvicinandogli la pistola alla testa e costringendolo ad inginocchiarsi]: Miettete in ginocchio! Me piace 'e te vede' accussì... comm'a uno ca cerca 'o perdono... o cerca 'a pace... ma pe' tte nun ce sta né pace né perdono ncopp'â 'sta terra! [Ciro abbassa la terra, Genny smonta la pistola e alza la testa di Ciro] Tienella tu, accussì t'arrecuorde dô juorno ca te puteva accidere ma nun l'aggio fatto! [gli lascia la testa e se na va]

Episodio 6[modifica]

  • 'O sango se mastica ma nun se sputa, Patri'. Si Gennaro nunn'era figlio a mme, era già muorto! (Pietro)
  • [Genny è in un negozio di bomboniere e deve incontrare il padre]
    Pietro [con una bomboniera in mano]: 'E bomboniere pô battesimo tuojo. Cinqueciento ne facettemo... 'Nu criaturo 'e curallo dint'ê vraccia dâ Maronna... Accussì vulette mammà toja in omaggio â Maronna dô Carmine ca ce facette 'o miracolo. Iettemo pure addo' cierte dutture... dicettero ca essa 'e figlie nunn'e puteva ave'. Patemo me dicette ca er' 'a cambia' mugliera pecché 'nu boss ha da tene' coccheduno ca ce porta 'o cugnome 'nnanze. Je ce dicette ma m'eran' âccidere pecché scegliette 'a mammà toja... e facette bbuono pecché mammà toja me dette a tte, 'nu figlio maschio. E a chillo figlio maschio c'aggio dato l'incarico cchiù importante: accidere a Ciro Di Marzio... e mmece se n'è asciuto cu 'n'accordo fatto 'ncopp'â pella mia!
    Genny: Si je vulevo vede' a Ciro Di Marzio muorto, a chest'ora già ll'era accise! Ma nun l'aggio fatto pecché a nuje nun ce cunviene.
    Pietro [appoggiandogli una mano sulla faccia vicino alla cicatrice]: Nun cunviene a cchi? Nun capisco, Gennari', me l'hê spiega'!
    Genny [scuotendo la testa]: Papà te staje facenno viecchio... e si rimasto bloccato dint'ô passato e nun riesce a vede' 'o futuro! 'O futuro so' 'e cuntatte ca je aggio criato. 'O futuro è 'na linea diretta ca parte dâ casa nostra e arriva fino a dint'ô core 'e Roma e va annanze e arreto comm'a 'nu treno!
    Pietro: Tu sî figlio a mme e tu hê fa chillo ca dico je!
    Genny: È 'o vero, je so' figlio a tte, ma n'ato poco e addevento patre pure je... [Pietro è sorpreso] e m'aggio crea' 'na strada dâ mia. Chesta vota si vuo', hê essere tu a ssegui' a mme!
    Pietro: E si nunn'o ffaccio?
    Genny: Rimane sulo, e sulo tu nun vaje 'a nisciuna parte abbascio Napule, si no già l'isse fatte! Dàlle fiducia a chillo figlio maschio ca tanto hê vuluto! Almeno una vota dint'â vita toja, dalle fiducia! [Genny se ne va]
  • Pietro: Me l'ha avuto ddicere isso [Genny] pecché je nun me n'ero maje accorto.
    Patrizia: E che cosa?
    Pietro: Ca nun aggio maje tenuto fiducia 'e isso.
    Patrizia: Patemo diceva sempe ca 'e figlie criature teneno bisogno 'e latte, mentre 'e figlie guagliune teneno bisogno 'e fiducia.
  • 'O Principe: Gli amici tuoje se so' avutate.
    Genny: 'O saccio! Ma pe' nuje nun cagna niente! Amm' 'a rimmane' concentrate 'ncoppe agli affari!
    'O Principe: Pateto starà 'ncazzate... che vuo' fa'? 'O ssaje?
    Genny: Gabrie', je stongo a Roma, tengo 'n'ata prospettiva.
    'O Principe: Tu staje a Roma ma 'o core tuojo è rimaste a Secondigliano! E 'a casa nostra è 'na bomba inesplosa, Genna', e 'a miccia 'mmane a teneno tuo padre e Ciro. Nuje ammo rimmane' concentrate 'ncoppe agli affari, tieni ragione... ma stu burdello nunn'è buono, e nuje 'o ssapimmo meglio 'e ll'ati! Stuta 'stu ffuoco, Genna', primma ca appiccia tutte cose! [i due si salutano]
  • Azzurra: Addo' vaje?
    Genny: A Napule. Ce stanno probleme.
    Azzurra: E che te ne 'mporta e chillo ca succede a Napule?
    Genny: Ce sta patemo e 'e frate mieje, o te l'hê scurdato? [Azzurra si alza dal divano e comincia a baciarlo]
    Azzurra: La tua famiglia ormai è qua... la nostra famiglia... [i due intanto continuano a baciarsi]
    Genny: Azzu' tu sî 'a vita mia! Io ti amo. [smette di baciarla e le tiene il mento] Ma nun t'hê mettere maje tra me e 'o sango mio! [la bacia di nuovo]
  • Avit' 'a sta cca, ca 'a paglia quanno s'avvecina ô ffuoco s'appiccia! ('O Cardillo) [a 'O Track e Cape 'e Bomba]
  • A sto punto pe' mme 'a parola 'e Gennaro nun conta cchiù 'nu cazzo! (Pietro) [a Patrizia]

Episodio 7[modifica]

  • ['O Principe sta distribuendo regali ai bambini del suo quartiere, ma vede un ragazzino che si sta allontanando senza aver preso niente]
    'O Principe: Che d'è, picceri'? Pecché nun tiene niente tu?
    Ragazzino: 'E pallune so' fernute e 'e bambule nun me piaciono.
    'O Principe [togliendosi il suo braccialetto]: 'O vi' chisto? Chisto è pelle 'e coccodrillo! E chi 'o porta addiventa invincibile!
    Ragazzino: 'O vero?
    'O Principe [mettendo il braccialetto al polso del ragazzino]: E nun vide do' so' arrivato je? E mica pecché so' bravo, è pecché tenevo st'amuleto.
    Ragazzino: Embè tu mo' comme faje?
    'O Principe: A me nun me serve cchiù!
    Ragazzino: Grazie assaje 'O Pri'! [fa per andarsene]
    'O Principe [fermandolo]: Aspe'! Vi', picceri', ca chisto te protegge si te compuorte bbuone, si faje 'o mmalamente pecché te cride troppe forte l'amuleto nun funziona cchiù. [il ragazzino annuisce] Ce simme capite? [il ragazzino annuisce, poi sorride]
  • 'O Principe: Genna', ma tu 'a me che vaje truvanne?
    Genny: T'aggio ditto già, Gabrie'. Voglio n'ammico mmiezze a chella banda 'e serpienti. E po' nisciuno tene 'a capa toja llà dinto. 'O Pri', hê diventa' tu 'o nummaro uno 'e chella alleanza!
    'O Principe: Genna', je tengo 'na bandiera sola, è né chella 'e Ciro e nemmanco a toja, 'a bandiera è mia!
    Genny: E je chella bandiera voglio vede' sventula' quanno votta 'o viento! Hê capite?
  • 'O Principe [mostrandole una Lamborghini, l'ultima auto comprata]: Te piace?
    Azmera: Te ne sî fatto n'ata?
    'O Principe: Be', era n'occasione!
    Azmera: Tiene 'o verme sulitario pê machine?
    'O Principe: Je aggio fatto 'a famme quanno ero piccerillo!
  • 'O Principe [mostrandole la pantera, appena comprata, attaccata con la catena ad un pilastro]: È bella comm'a te! Creatura 'e n'ato munno! [bacia Azmera] Vie' ca t' 'a faccio vede'! [prendendola per la mano e portandola verso la pantera]
    Azmera: No, ja'!
    'O Principe: Vie', vie'!
    Azmera: E ja', no! [si fermano a una certa distanza dalla pantera] Dice ca simmo 'a stessa cosa? Ma tu me vide infelice a mme?
    'O Principe: No, pecché?
    Azmera: Pecché essa è infelice, ce piacesse correre e mmece sta attaccata a 'na catena sulo pe l'uocchie noste.
    'O Principe: Eh, ma do' steva primma, into a chillo circo fetente, steva peggio assaje! Ca mmece nun ha da fa 'o pagliacce, pecché je 'a rispetto!
    Azmera: Saje che sî tu? N'anima bbona ch'è caduta dinto a 'na capa storta!
  • Stamme a senti' a mme! Je te voglio bbene e te dico ca dinto a 'stu munno si cresce troppe, coccheduno ca te vo' spezza' 'e cosce ce sta sempe! ('O Mulatto) [a 'O Principe]
  • 'O Principe: 'E sorde so' 'a protezione mia!
    Azmera: 'E sorde nun fermano 'e colpe 'e pistola!
  • 'O Principe [dopo aver assunto delle guardie del corpo]: Staje cchiù tranquilla mo? [Azmera annuisce] Je mmece me sento comm'a essa [la pantera]: incatenato!
    Azmera: A essa la catena l'accide, a te te salva!
  • Je può essere ca sta guerra 'a perdo... però l'aggi' 'a cumbattere pecché chesta è 'a casa mia! Cca sta tutte chillo c'aggio fatto pe' 'na vita sana! Nun tengo niente 'a perdere, Patri'... me rimane sulo 'a dignità, e chella nun m' 'a faccio fottere jettato dinto a 'stu cesso! (Pietro)
  • Tenimmo 'e regole, 'o codice 'e rispetto e isso l'ha violato! Si nun fosse je, 'o Nano fosse già muorto ma je mo' nun voglio sango! Ma 'na riparazione l'aggio ave' sino vuo' dicere ca chillo c'ha ditto 'o Nano cca dinto 'o penzate tutte quante... e allo' vuo' dicere ca chesta nunn'è n'alleanza, ma 'nu posto addo' se può sputa' mmerda 'ncuollo a ll'ate! E allora je nun ce stongo cchiù, me ne jesco! [andandosene] ('O Principe) [agli altri membri degli scissionisti]
  • Dice 'a verità, ce sta quacche guagliunciello ca te fa 'a corte? [Maria Rita fa cenno di no con la testa. Poi con tono scherzoso] Vide ca papà l'accide! (Ciro)
  • Hê viste? Quanno pienze int'â direzione giusta, pienze bbuone! (Pietro) [a Patrizia]
  • Rosario: Buongiorno guagliu'!
    Manolo: Buongiorno Don Rosa'! [dà la mano a Rosario] Simmo felici ca s'è tutte risolte!
    Rosario: Pure je! [parlando poi agli altri suoi uomini] Voglio ca tutte quante pigliano 'nu bonus... da 'o primmo a l'urtemo... 'o dieci pecciento 'e cchiù 'a into a tasca mia! Ce pienze tu? [...] M'arraccummanno. E 'a parte 'e Manolo l'ha da ave' a mugliera.
    Manolo [ultime parole]: Perché mia moglie? [Rosario prende una mazza da biliardo e inizia a colpirlo, poi spezza la mazza e continua a colpirlo con la mazza spezzata, ammazzandolo]
    Rosario: Mo' cca sta tutte risolte! Facite spari' a 'sta mmerda!
  • Pietro: Salute, 'O Pri'!
    'O Principe: Don Pie'!
    Pietro: Niente 'e personale, ma a 'na parte aggi' 'a ccumincia' p'accuncia' 'e ccose. [Malammore dietro Pietro tira fuori la pistola]
    'O Principe: 'Ete sbagliate, Don Pie'. Accussì 'e ccose 'e complicate! Je stongo in affare cu' Genny! È 'a verità! Me passa a robba soja pe' me fa crescere e arrevuta' 'o tavulo ô momento bbuono! Si vulite 'o putite pure chiamma', steva partenno stammatina pe' ll'Honduras.
    Pietro: Tu sî 'na carta 'e Genny?
    'O Principe [ultime parole]: Si vulite dicere accussì.
    Pietro: Je pensavo ca mio figlio se ne futteva. Saje che te dico, 'O Pri'? Tu sî cchiù bbuono pô juoco mio! [prende la pistola e lo fredda con un colpo in testa]

Episodio 8[modifica]

  • 'A democrazia nun funziona pecché 'e cane se mangiano tra di loro si nun ce sta 'o bastone. (Pietro) [a Patrizia]
  • Rosario 'O Nano è ccosa mia! Si ha accise 'O Principe c' 'a fazzo paga', ma si coccheduno 'o tocca senza 'o permesso mio 'o faccio anghiottere 'e mmane 'nu dit' â vota! (Ciro) [agli altri scissionisti]
  • Teresa: 'O frato tuojo, te stai scavanno 'a fossa! [riferita a Ciro]
    Rosario: 'A fossa? Fratemo? Si avess' 'a scegliere tra te e isso, scegliesse sempe a isso, Teresella.
  • Saccio sulo ca 'O Principe nun teneva l'uocchie pe' vede' 'o mmale! (Azmera)
  • [Al cimitero]
    Ciro: T'arrecuorde quanno ce simmo conosciute?
    Rosario: 'A festa 'e Sant'Antonio... coccosa comme vint'anne fa! Eremo guagliuncielle.
    Ciro: Tenevemo 'na banda chê cazze assaje, è 'o vero? Stanno tutte cca dinto ll'ammice nuostre... Nicola... [toccando la lapide di un certo Nicola Polla] S' 'o facettero 'e Sasso ô 2006! [dirigendosi poi verso un'altra lapide] 'O Bombolone! Che personaggio! [tocca la lapide di un certo Raffaele Bisaccia] S'annammurò dâ femmena sbagliata. Mo' simmo rimaste sulo je e te! [girandoci verso Rosario] 'O ssaje che penso? L'hê accise tu [a 'O Principe] pecché ire geluso 'e isso e me.
    Rosario: Je nun so' stato. Tu m'hê ditto ca m'avev' 'a fida' e je me so' fidato!
    Ciro [mettendogli le mano dietro al collo]: Rosa', je nun te voglio veni' a truva' cca dinto. [lo abbraccia] Piglia a Teresa e figliata e vattenne!
    Rosario: Guardame 'nfaccia, Ceru', songo je! L'alleate noste se vasano 'mmocca e se sparano 'ncapa. Simmo nuje 'e guagliune 'e Secondigliano, l'amm' 'a rrompere 'st'alleanza, amm' 'a remani' je e te!
    Ciro [allontanandosi]: Nunn'a rompo 'st'alleanza, Rosa', né pe' tte, né pe' nisciuno!
    Rosario [avvicinandosi a Ciro]: Tu nun me cride a mme si te dico ca nun so' stato je, eh?
    Ciro [fermandosi e guardando in faccia a Rosario]: Nun sî stato tu? Allora l'aggi' 'a pruva'. È juta troppo annanze sta cosa, ha 'ntussecate a tutte quante, pure a mme. Si t'aggi' 'a salva' 'a vita, te n'hê ji'! [e se ne va]
  • Rosario [prendendo la mano di Teresa]: Me dispiace, Tere'! Je nun te vuleva ddicere chillo ca t'aggio ditto.
    Teresa: Quanno ddoje s'appiccicano, dicenno sempe 'nu sacco 'e cose!
    Rosario: Je 'o ssapevo!
    Teresa: Che ccosa, Rosa'?
    Rosario: È stato isso!
    Teresa: È stato isso a fa' che?
    Rosario: È stato isso a accidere a Debora. Ha accise 'a mamma da figlia soja. Je comme putevo pensa' ca se faceva scrupole a tradi' a 'nu frate?!
    Teresa: Ciro hê acciso a Debora? E tu 'o ssapive? Tu l'hê aiutate? [Rosario beve da un bicchierino e se ne va]
  • Maria Rita: Tengo sulo a te, papà!
    Ciro [prendendole il viso tra le mani]: Je sto sempe cu' tte! E nunn'è 'o vero ca tiene sulo a mme, tiene 'nu sacco d'amice. Songo je ca tengo sulo a te!
  • Nun te bagna' 'e scarpe! (Rosario) [ultime parole alla figlia Simonetta, prima di essere ucciso da due killer]
  • Facite chillo ca vulite vuje, arrevutate 'o quartiere, purtateme 'o nomme 'e chi m'ha acciso a fratemo! (Ciro) [riferito a Rosario]
  • Teresa: Nun aggio avuto 'o tiempo e ce fa' pace. [con Rosario] Nun m'o pozzo peduna'.
    Ciro: 'O trovo je, Tere'! [Teresa gli dà uno schiaffo]
    Teresa: Je saccio chillo ch'ê fatte! Je saccio tutte cose! Sî tu ca ancora nunn'o ssaje e ca nun hê capite qual è 'o prezzo pe' tutte chisto! Rosario era ll'unico ca te vuleva bbene pe' chillo ca sî! Mo' 'o vero sî sulo tu, Ciro! Sî sulo câ cuscienza toja!
    Ciro: Pô momento tu e 'a criatura ve ne jate. Fino a quanno nun aggio truvato chillo ca ha acciso a Rosario, nun state tranquille. Ve ne jate e tu te staje zitta! È meglio pe' tutte quante!
  • [Tutti gli scissionisti, convocati da Ciro, stanno attorno a una tomba vuota nella quale si trova Angelo Sepino, costretto da Ciro a confessare]
    Ciro: 'O sapivono ca 'O Principe s'accattava 'a robba 'a mano 'e Gennaro? Fora 'a ll'accuorde noste? Pe' chisto teneva tutte chille sorde! Teneva raggione Rosario. Aveva capite tutte cose, nun se fidava. Gennaro 'o vuleva fa crescere e ô momento buono arrevutava 'o tavolo. E nunn'è stato 'O Nano 'a accidere 'O Principe. È stato Pietro Savastano. Pure si 'o ssapeva ca isso era 'o cumbariello dô figlio. E arreto â morte dô Nano, sempe Pietro Savastano!
    'O Mulatto: E pecché contro ô figlio sujo?
    Ciro: Pecché vo' cummanna' isso sulo! Nun vo' nisciuno avvicino, manco 'o figlio! Arrivate a 'sto mumenno, je veco sulo ddoje strade. Una addo' stamme tutte unite e ce jocammo 'sta partita cô padre e cô figlio. N'ata ce porta into a 'na fossa comm'a chesta, tutte quante. Amm' 'a sulo ddecidere.
  • [Ciro e la figlia sono sulla spiaggia al tramonto]
    Maria Rita: Papà... pecché m'hê purtata cca?
    Ciro: Cca è do' è morta mamma toja. [le prende il viso in mano] Vulevo ca 'o ssapive. [le dà la mano]

Episodio 9[modifica]

  • Pe' fa 'a guerra l'esercito ha da essere unito e pe' essere unito 'e surdate hanno essere cuntente. (Scianel) [a Ciro]
  • Quanno Lelluccio s'è 'nnamurato 'e te, m'ha purtato dint'ô ristorante do' faticave tu, pecché vuleve ca te canuscesse. 'O ssaje c'aggio pensato 'a primma vota ca t'aggio vista? "Chesta è propio 'na cammarera!" Ma me so stata zitta pe' rispetto a isso. Anze aggio ditto accussì: "Me piace!" Nunn'era 'o vero. Sulo 'na cammarera comm'a te puteva pensa'... 'e ce mettere 'e corna a chillo principe dô figlio mio cu chill'omme 'e mmerda. E mo' comm'a mettimmo nomme, eh? Comme l'accunciammo 'stu fatto, ah Marine'? Comme l'accunciammo ca tutte quante sanno ca figliemo tene 'e ccorna? Hm? Aggio aspetta' ca Lelluccio esce e amm' 'a decidere che n'amm' 'a fa 'e te! (Scianel) [a Marinella]
  • Lelluccio: Sî cuntenta ca so' turnato, è 'o vero? Si vede propio! [mettendole la mano al collo come per strozzarla]
    Marinella: Mi fai male!
    Lelluccio: Tu hê fatte male a mme!
    Marinella [riuscendo a malapena a parlare]: Lasciami, ti prego!
    Lelluccio: Ancora aggi' 'a senti' nisciuna parola 'e scusa, però!
    Marinella: Scusami. Nunn'è stata facile tutto 'stu tiempo senza 'e te! Aggio fatto 'na strunzata, ti prego, perdonami.
    Lelluccio: 'O ssaje che fine ha fatte chillo piezz' 'e mmerda ca te lo metteva mmocca? L'hanno sparato mmiezzo 'e palle! È muorto comme 'nu cane, è muorto!
    Marinella: Me faje schifo! [divincolandosi] Sî 'a chiaveca 'e tutte l'uommene! Me vuo' accidere? Accideme! Je già so' morta! So' sett'anne ca me tenite murata viva cca dinto, cu' 'stu sciato 'e morte [urlando] e chella cessa 'e mammata ca me sta sempre 'ncuollo! 'A vuo' sape' 'na cosa? Fa' âmmore cu Mario è stata l'unnica cosa bona c'aggio fatto into a tutto 'stu tiempo! [Lelluccio le dà uno schiaffo]
    Lelluccio: Je nun ce torno 'ngalera pe 'na zoccola comm'e tte!
  • [Scianel sta giocando a un rumoroso giochino sul suo cellulare mentre un suo scagnozzo immerge la testa di 'O Track, ferito a sangue, in una vasca piena d'acqua, tirandola fuori poco prima che possa annegare]
    Scianel: Accussì hê accise a fratemo [Zecchinetta] int'ô cesso dâ casa soja, ah? ['O Track tossisce e sputa dell'acqua, lo scagnozzo lo spinge di nuovo con la testa sott'acqua, poi lo ritira fuori. Mentre 'O Track tossisce Scianel si avvicina] E po'? E po' l'hê sparate 'na botta 'ncapa, è accussì? E a quanto sta 'na botta? 'N'euro? Doje euro? E je avess' 'a spendere tutte sti storde pe' tte? Nun t' 'o mmierete!
    'O Track [ultime parole]: 'O ssaje 'na cosa? M'è piaciuto a accidere a frateto! [tossisce] Chella merda 'e Zecchinetta!
    Scianel: E fatte 'n'ata bevuta d'acqua, va. [lo scagnozzo spinge di nuovo la testa di 'O Track nella vasca ma questa volta lo mantiene sott'acqua il tempo sufficiente per farlo annegare]
  • 'A vuo' sape' 'a verità, nanne'? 'E femmene nun so' fatte pe' fa' 'e mugliere. È un mestiere difficile assaje, ma c' 'o fanno 'mpara'. E che ti credi, che nun me fosse piaciuto pure a mme, a me fa' 'na vita mia, 'e cazze mieje? Je so' sempe stata 'na femmena libbera, ma a forza 'e carocchie m'hanno fatto cala' 'e 'scelle... e a finale so' stata 'na brava mugliera e 'na buona mamma. Puo' impara' pure tu. Marine', ce sta sultanto 'na manera pe' 'na femmena, si o vero vo' essere libera: nun ha da tene' nisciuno marito o nun l'ha da tenere cchiù.[1] (Scianel) [a Marinella]
  • Sai 'na cosa, Marine'? A Poggioreale ce steva n'ammico, se chiamma Ciro. Diceve sempe ca ereno ddoje 'e mumente ca n'omme pò sta felice cu 'na femmena: quanno s' 'a sposa e quanno l'accide! (Lelluccio)
  • Si vence pateto sarraje sempe 'nu criaturo. 'O figlio scemo. Oh, je e tte avessemo arrevutato 'o munno, tu 'o ssaje. Hê vuluto fa' tu sulo e è juta malammenne. Tenimmo n'ata possibilità. Pienzece! (Ciro) [a Genny]

Episodio 10[modifica]

  • Scainel: Don Pietro e io vi ringrazio che site venuto fino e cca.
    Pietro: Che me vuleve ddicere?
    Scianel: Guagliù! [fa un cenno con la testa e i suoi scagnozzi escono] Ca ce site mancato assaje a tutte quante!
    Pietro: 'A verità è ca penzavate 'e fa' senza 'e me... ma 'ate capite ca nunn'è cosa. [si siede]
    Scianel: Vabbuò, aggio capito, ja'! Levammo 'e chiacchiere a miezzo! [si siede] 'A mugliera 'e figliemo, chella granda cessa, primma ha cercate 'e fa accidere a figliemo da 'e guagliune dô Vico... e po' è juta addo' 'e gguardie... pe' me canta'... pecché avevo ucciso a Marettiello, l'autista.
    Pietro: E 'a me che vuo'?
    Scianel: Ca ve pigliate n'ata vota o puosto vuosto. Pe' via 'e ll'alleanza stammo dinto a 'stu burdello! Pe' ll'alleanza e pe' chillo 'nfamme... Ciro Di Marzio, s'ha da affoga' dint'â merda soja!
  • Patrizia: Isso [Genny] nun è scemo!
    Pietro: Nun l'aggio mai ditto!
    Patrizia: Eh, ma 'o pensate! Si me pozzo permettere, vuje a vostro figlio nun 'o ssapite capi'. Isso è comm'e vuje.
  • Je aggio avuto 'nu regalo. M'hanno arapute ll'uocchie sopra a coccosa ca je tenevo annanze e nun vedevo. Saccio chi è 'o trammite 'e Pietro Savastano. È 'na guagliona, 'a nipote 'e Malammore. Essa nun 'o ssape, ma da chisto mumento tutto chillo ca dice, je 'o sento. [indicandosi la testa] At' 'a sta' tranquille, l'aggi' 'a fa' segui' n'ato ppoco. Adoppo a Pietro Savastano 'o facimmo magna' da 'e cane... e cacciato a isso... a nuje 'e Scianel, dô figlio sujo ce passa pô cazzo! (Ciro) [ai membri residui degli scissionisti]
  • Ciro: C'hê pigliate pô culo a tutte quante, eh Patrizie'?
    Patrizia: Patrizie' me chiamma sulo chi mme conosce!
    Ciro: Je te saccio meglio 'e chillo ca pienze!
  • Ciro: Nun ce steva 'o padrone tuojo! L'hê avvisato, nunn'o saccio comm'hê fatte ma l'hê avvisato. [punta la pistola contro Alessio, il fratello di Patrizia]
    Alessio: C'hê ditte 'na strunzata... e mo' lloro c'accideno!
    Patrizia [mettendosi davanti al fratello]: Songo je l'ambasciatore, è a me ca è accidere!
    Ciro: Tiene ragione, chisto è chillo c'aggi' 'a fa'. Chisto è chillo che fanno 'e killer, 'e surdate, 'a ggente comm'a nuje. [a un suo scagnozzo, riferendosi a Alessio] Portalo fora! [ai suoi scagnozzi, riferendosi ad Alessio e all'autista di Patrizia] Purtatele fora! [gli scagnozzi escono dalla stanza portando con sé Alessio e l'autista. Ciro punta sempre la pistola contro Patrizia.] 'I muorte so' assaje. Tutte 'e muorte ca m'aggio lasciato arreto 'e spalle... me veneno a cerca' a notte... alluccano, nun me danno pace. Pe' chisto ca je nun posso accidere cchiù. [abbassa la pistola] Chesta è 'a differenza tra isso e mme! [se ne va]
  • Genny: Quanno hê acciso a 'O Principe e 'O Nano nun c'hê penzato 'nu mumento primma 'e te mettere contr'a mme!
    Pietro: 'A stessa cosa ch'ê fatto pure tu! Ma è normale, no? Secondigliano è cchiù importante 'e tutte cose! [...] Che simmo je e te? Simmo 'nu padre e 'nu figlio. 'Nu figlio ca ha pruvato a se fottere 'o padre... e 'nu padre ca s'ha futtuto 'o figlio! Ce simmo 'ncuntrate pecché vulive capi'? Nun ce sta niente 'a capi'. Secondigliano è 'a mia, 'e nisciun'ato.
  • Ciro: L'aggio chiammato je a Lelluccio. L'aggio fatto veni' pecché isso ha provato ncopp'â pella soja che significa a se fida' n'ata vota dê Savastano. Nun esistono alleate, 'a parola nun conta, manco 'o figlio sujo conta, o no? [rivolgendosi a Lelluccio]
    Lelluccio: Fino a ajere Savastano s'è sparato 'nfaccia chê guagliune dô Vico, ogge chille bastarde s'hanno vendute a mammà.
    Ciro: E dimane pure chille dô Vico so' de troppo. Una cosa è importante pe' Savastano. Isso. Ha da cummanna' sulo isso.
  • So' stanco, Patri', ma nun me pozzo ferma'!

Episodio 11[modifica]

  • Bongiorno! Ma che d'è, nun ce sta nisciuno cca dinto? Sasà! ('O Mulatto) [ultime parole prima di essere ucciso a tradimento da uno dei suoi scagnozzi]
  • [Malammore insieme a un suo uomo si avvicina a 'O Cardillo e Capa 'e Bomba]
    Malammore: Don Pietro si congratula. [per l'uccisione di 'O Mulatto]
    Capa 'e Bomba [dopo aver passato la sigaretta a 'O Cardillo]: Sì, ma mo' 'nzieme ê congratulazioni, vulimmo 'na piazza!
    Malammore: 'Na cosa â vota. Primma c'amm' 'a fa' Rafaele! [Lelluccio] E l'amm' 'a fa' senza fa' burdello, pecché sta chieno 'e polizia. Si no, nun vendimmo cchiù 'nu cazzo.
    'O Cardillo: 'A polizia vaje e vene, Malammo'!
    Malammore: Sì, ma finché ce sta 'a ggente nun magna... e nuje 'a ggente l'amm' 'a purta' dâ parte nosta, hê capite? [Capa 'e Bomba e Cardillo annuiscono. Poi Malammore si rivolge a Capa 'e Bomba] Aggio saputo ca t'è nato 'nu criaturo. [Capa 'e Bomba annuisce] Auguri. [porgendogli un regalo] Jammocenne! [rivolto al suo uomo e se ne va insieme a lui]
    Capa 'e Bomba [rimasto solo con 'O Cardillo, dà un'occhiata al regalo]: Cioè chillo è nato ajere, chiste cca già sanno pure 'o nomme! Comme l'aggi' 'a piglia' 'sta cosa, 'o Cardi'?
    'O Cardillo: Piglialla comm'a 'nu segno! Ammo fatto 'a scelta giusta, nun te preoccupa'!
  • Accidono a chi nun sape tene' l'uocchie apierte, a chi nun sape chi tene attuorno. Sapite je che veco? A ddoje ca se stanno cacanno sotto! Simmo cchiù forte, tenimmo 'n'esercito. Nun amm' âve' paura. L'unnica cosa ca ce po' fottere è 'a paura. (Ciro) [a Lelluccio e 'O Zingariello]
  • Guagliu', c'aggio pensato assaje. È arrivato 'o mumento ca turnammo â casa. Chella 'e patemo ['O Zingaro], 'a nostra... e chella do' coccheduno 'e vuje steva primma ca succedeva 'o burdello chê Savastano. Amm' 'a fa' 'nu passo arreto... e l'amm' 'a fa' mo' ca tenimmo ancora coccosa 'a c'offri'. ('O Zingariello) [ai suoi uomini]
  • ['O Zingariello è stato condotto nella nuova dimora di Don Pietro per avere un confronto con il boss]
    'O Zingariello: Ammo sbagliate tutte cose, Don Pie'! Ma nun tenevemo scelta...
    Pietro: N'ommo 'na scelta 'a tene sempe, Zingarie'. E tu comm'a Scianel, hê fatte 'a scelta sbagliata. Te sî miso cu' chi ha acciso a pateto. ['O Zingaro] Te sî vennuto l'anema, mo' 'a me che vaje truvanne?
    'O Zingariello: 'O perdono! 'O perdono e 'a protezione vosta. Je 'a piazza mia...
    Pietro: 'A piazza toja nun è maje stata 'a toja!
    'O Zingariello: Ve la riconsegno, Don Pie'.
    Pietro [si mette gli occhiali, si alza e si siede più vicino a 'O Zingariello]: Famme capi' 'na cosa. Tu viene a cca a mme chiedere 'o pperdono e m'uoffre in cambio 'na cosa ca già è 'a mia? O ca ogge o dimane me pigliavo 'o stesso? 'O perdono e 'a protezione te l'hê guadagna', Zingarie'! Mi devi portare chella merda 'e Ciro Di Marzio. ['O Zingariello annuisce intimorito]
  • [Alfredo Natale porta il funzionario pubblico in un posto isolato con l'intento di spaventarlo per ordine di Avitabile. I due scendono dall'auto.]
    Alfredo: Muovete ja!
    Funzionario pubblico [ultime parole]: Ma sei sicuro che sta qui Avitabile?
    Alfredo: Ve sta aspettanno dinto. Vie'. [il funzionario si rende conto che la situazione è strana e scappa] Oh! [Alfredo lo raggiunge e lo butta a terra] Addo' cazzo vaje, strunzo? [sbattendolo con la testa a terra, Alfredo uccide per sbaglio il funzionario]
  • Ce pienze si avessemo truvato a Don Pietro? Bum, bum, bum!... e fernesse tutte cose! (Pitbull)
  • ['O Zingariello che non è riuscito a catturare Ciro torna da Don Pietro]
    'O Zingariello [ultime parole]: Io quello che potevo fare l'ho fatto. Sulo ca chillo strunzo se sta troppo accorto.
    Pietro: E c'ammo pruvato e ce pruvammo ancora. Ma nun te preoccupa', pe' tte nun cagna 'nu cazzo. [Malammore comincia a strangolarlo con una corda, 'O Zingariello prova a divincolarsi ma infine perisce sotto gli occhi compiaciuti di Don Pietro]
  • Genny: Chillo ca mme fa strano è ca è 'o matrimonio nuosto però je e tte nun canuscimmo a nisciuno. [si alza] Però chist'è! Me vaco a fa' 'na doccia, ja'.
    Azzurra [lo ferma]: Genna'... tu guarda a me e basta... e vedrai che anche in mezzo a tutta quella gente sarà il nostro matrimonio.
  • [A Roma di sera, Genny e Ciro sono seduti sulle scale di un edificio]
    Ciro: 'O tiempo sta fernendo!
    Genny: Ah, 'o ssaje pure tu ca aspetto 'nu criaturo? O te riferisce ô matrimonio?
    Ciro: Pateto sta scassanno tutte cose.
    Genny: È sulo n'ato modo pe' ddicere ca staje perdenno, Ciru'!
    Ciro: Stammo perdenno tutte quante, Genna'... ma tu staje perdenno cchiù assaje. Abbascio nun se capisce manco 'o cazzo. Sta 'a polizia a tutte 'e pparte, morte in giro... nun se venne cchiù 'nu piezzo.
    Genny: E tu pienze ca tengo quacche problema a vennere 'a rrobba mia? Ciru', 'o munno è grande! E a mme 'e Secondigliano nun me ne fotte 'nu cazzo!
    Ciro: È 'na strunzata ca nun te ne fotte 'nu cazzo! Pecché tu 'o ssaje... comme va va... pe' tte va malammente. Si pateto perde, tutte quante diceno ca 'a colpa è 'a toja pecché 'e sfasciato tutte cose. Si vence mmece... e significa ca era turna' papà p'accuncia' 'e ccose. Tiene 'na sola possibilità, Genna', 'a possibilità toja songo je! 'O tiempo è poco.
    Genny [si alza]: Famme gli auguri, Ciru'!
    Ciro [avvicinandosi a Genny]: Je a tte te conosco. Tu sî comm'a mme. 'Sta cosa te sta magnanno 'a dinto! Comm'a 'nu veleno. Te sta cunsummanno.
    Genny: Grazie 'o stesso, Ciru'! [e se ne va]
    Ciro: Genna', sî comm'a mme.
  • Genna', ti affido la cosa più preziosa che c'ho al mondo. (Giuseppe Avitabile) [dopo aver accompagnato Azzurra all'altare]
  • A noi, amore mio, alla vita che ci aspetta. (Azzurra) [brindando con Genny]

Episodio 12[modifica]

  • [Lelluccio sta sniffando cocaina mentre è seduto a un tavolo con due suoi uomini in un appartamento al primo piano di un palazzo. Intanto fuori dall'edificio alcuni uomini stanno cambiando la luce di un lampione con l'ausilio di una gru.]
    Lelluccio: M'ha distrutto! C'ha accise a livello 'e tutte cose, c'ha accise! E a Ciro mo' n'o chiammo... e nun jesco nemmeno pe' lo ji' a truva'. Chillo dice ca amm' 'a fa' 'a guerra, ma quala guerra? [continua a sniffare, poi sente il rumore della gru e dice a uno dei suoi due uomini] Ma che cazzo è tutto 'stu burdello? Va vide 'nu poco, va'!
    Uomo [ultime parole affacciandosi alla finestra]: No, nunn'è nniente, stanno cagnanno 'e lluce mmiezzo 'a via. [si siede] Pure Malammore te vuo' parla'!
    Lelluccio [ultime parole]: Comm'ha parlato cô Zingariello, sì?! Che cazzo ce tengo 'a dicere, eh?! Nun tengo a ddicere niente a nisciuno! Vamme piglia' 'na birra, va'! [il suo uomo si alza. Poi improvvisamente tutti e tre vengono crivellati dai colpi dei mitra attraverso la finestra. A sparare sono stati gli uomini che fingevano di aggiustare la luce del lampione.]
  • [Genny va a colloquio con Giuseppe Avitabile in prigione]
    Giuseppe Avitabile: M'hê fatto chillo sgarro. M'hê lasciato sulo a me cu l'invitate e te ne sî juto pe' conto tuojo.
    Genny: Nunn'è 'nu sgarro ca aggio fatto a tte. Ma je Azzurra nunn'a voglio spartere cu' nisciuno.
    Giuseppe Avitabile: Mo' sta tutte cose mmane a essa.
    Genny: Buono accussì!
    Giuseppe Avitabile: E po' ce sta n'ato fatto. Cca dinto nun ce sta maje niente 'a fa'. C'antussecammo câ televisione. M'aggio visto 'nu film... cu chill'attore nire. Isso fa l'istruttore 'e polizia e po' ce sta n'ato ca fa a recluta. Ma non l'aggio potuto fini' pecché 'e guardie scassavano 'o cazzo. Tu hê capite a che so' ridotto, Genna'?
    Genny: Damme quacche ata informazione, magare je l'aggio visto e te posso dicere coccosa.
    Giuseppe Avitabile: So ddoje poliziotti dâ Narcotici. Ma nun aggio capito si l'istruttore nunn'è chillo ca te voleno fa' credere o si è 'a recluta ca nunn'è bona. Vide, l'hanno fatto 'nu pare 'e juorne fa. Genna', famme 'nu favore, truovamme 'stu film. M'è rimasto 'ncanna. Voglio sape' chi è 'o 'nfame.
    Genny: Nun te preoccupa', t' 'o trovo je.
    Giuseppe Avitabile: Statte bbuone, Genna', va! [i due si salutano]
  • E c'amm' 'a organizza' diversamente rispetto ô passato. 'A polizia nun tene uommene a sufficienza pe' sta 'ncuollo a tutte quante nuje. 'Na cosa è 'nu presidio fisso e n'ata cosa è 'o controllo dô territorio. 'O territorio sta mmano a nuje e c'amm' 'a fa vede'! 'A droga nun s'hann' 'a veni' a piglia', c' 'a purtammo nuje. È 'a dummanna ca fa 'o mercato, o no? E pâ droga 'a dummanna nun manca maje. (Pietro)
  • [Azzurra e Genny sono a tavola ma Azzurra mangia poco]
    Genny: Che d'è Azzu', nun te piace?
    Azzurra: Sono giorni che penso sempre alla stessa cosa.
    Genny: A che ccosa?
    Azzurra: A quello che è successo a mio padre, Gennaro. Quelli che sapevano di Alfredo Natale si contano sulle punte delle dita. Tu eri con me quanno ne stevano parlanno.
    Genny [smettendo di mangiare e fissando Azzurra]: E quindi?
    Azzurra: Sî stato tu?
    Genny [si pulisce la bocca col fazzoletto]: Tuo padre m'ha offerto 'n'alleanza do' je fosse state sempe 'o socio minoritario. E a mme 'sta cosa nun me piaceva, Azzu'! [Azzurra si alza da tavola, Genny la ferma] Nuje nun simmo nati p'essere 'e nummere ddoje, Azzu'! [toccandole il pancione] Uhè! Je e te amm' 'a essere 'e protagoniste dô futuro nuosto. Sulo nuje. [Azzurra fa un cenno di sì con la testa e se ne va]
  • Io tradisco al sangue mio per me e per lui. [riferita al bambino che sta aspettando] Non te lo scordare mai. (Azzurra)
  • Pietro: Allora?
    Genny: Hê accise a 'na criatura [Maria Rita, figlia di Ciro], chesta è 'na cosa ca nisciuno te face passa'!
    Pietro: A me m'ha accise a Imma, ca era tutta 'a vita mia! [va a sedersi] Tu mo' hê turna' Genna', 'o posto tuojo sta cca!
    Genny: Da quanno è succieso 'stu burdello je 'a rrobba te l'aggio fatta arriva', ma n'aggio viste n'euro!
    Pietro: Ma che cazzo staje dicenno? T'aggi' 'a pava'? Tu mo' dagli amice nuostre 'e l'Honduras accatte 'a rrobba pe' m' 'a da' a mme!
    Genny: L'amice noste... Siente, 'a casa mia sta 'a n'ata parte! E je 'a rrobba ca te faccio arreva' la voglio essere pavata!
    Pietro [alzandosi dalla sedia]: Lassa perdere 'sta strunzata 'e Roma! 'A robba nosta l'ammo sempe vennuta cca, e si 'o voleno s' 'o veneno a piglia' cca!
    Genny [scuote la testa]: Tu nun vuo' capi' ca 'e ccose so' cagnate.
    Pietro: Nunn'è cagnato 'nu cazzo. Tu sî 'o figlio 'e Pietro Savastano, niente ato 'a fora a chisto! [Genny se ne va]
  • [Pitbull e un altro uomo sono entrati a casa di Ciro ma non avendo trovato nessuno dentro, sono saliti in terrazza, dove Ciro se ne sta in disparte]
    Pitbull: O Ci'! Ci'!
    Ciro: At' 'a ffa 'na cosa pe' mme.
    Pitbull: Tutte chillo che vuo' tu.
    Ciro: Je me n'aggi' 'a ji' da cca.
    Pitbull: M' 'o vveco je, t'organizzo tutte cose!
    Ciro: Me n'aggi' 'a ji' sulo!
    Pitbull: Ma che stai dicenno?
    Ciro: È fenuta pe' mme. Ha vinciuto isso! Pigghiate e sorde dint'â cassaforte... spartitaville... po' ognune pâ strada soja. [si allontana un po'] Jatevenne! [Pitbull e l'altro se ne vanno]
  • [Patrizia sta guardando un album fotografico della famiglia Savastano]
    Patrizia: Genny, era propio 'nu bello criaturo... te sumigliava assaje... ma tene ragione quanno dice ca s'è fatto omme.
    Pietro: Che vuo' dicere?
    Patrizia [soffermandosi su alcune foto di Imma]: Ca 'e figlie e 'e muorte s'hann' 'a lassa' ji'. [chiude l'album si alza e si avvicina a Pietro] Pe' tte aggio fatto 'o surdato, aggio tradite frate e sore, so' disposta a muri', aggio pure pruvato a fa' a mugliera ma 'a controfigura 'e 'nu fantasma n'a saccio fa!
  • [Patrizia si è appena fatta una doccia e, con un asciugamano addosso, si sta asciugando i capelli allo specchio nella sua camera]
    Pietro [entrando]: Scusame si so' trasuto. Te vuleva guarda'.
    Patrizia: E ch'ê viste?
    Pietro [abbracciandola da dietro e specchiandosi con lei]: Ca puo' tenne' e sorde, puo' cummanna'... ma si nun sî propio 'na criatura, 'o ssaje pure tu quello che vedi. 'Nu viecchio ca ha quase fernuto 'e campa'... e 'na guagliona ca è bbella... e fforte... e tene tutta 'a vita 'nnanze.
    Patrizia [si gira verso di lui e lo abbraccia]: Nun dicere accussì.
    Pietro: E da quann'è ca te fa paura 'a verità? [tirando fuori un anello dal pantalone] L'affare ca te propongo nunn'è bbuono. T'hê piglia' 'nu viecchio cu' tutte 'e fantasme suoje. Che te ne vene? Niente. [le mette l'anello in mano] Apparte 'o fatto 'e sape' ca si 'stu viecchio camina ancora è pecché ce staje tu.
  • [Nel cimitero, Pietro si trova nella cappella della sua famiglia, seduto accanto alla lapide di sua moglie]
    Pietro [parlando alla lapide della moglie] M'hê perduna', Immare'. Nun ce 'a faccio cchiù a sta' sulo. [dopo essere rimasto per un po' di tempo davanti alla lapide, si alza, si gira e inaspettatamente vede Ciro, immobile, con una pistola in mano, di fronte all'uscita della cappella. Quindi esce e si avvicina a Ciro.] Uhè, Ciru'.
    Ciro [visibilmente scosso]: 'On Pie'.
    Pietro [si toglie gli occhiali]: 'A fine dô juorno sta tutta cca. [ultime parole]
    Ciro [annuisce]: Sta tutta cca. [spara in testa Pietro uccidendolo]

Citazioni su Gomorra – La serie[modifica]

  • Ecco perché io sto dalla parte di Gomorra, che indaga il male per superarlo. Sono grata a Saviano che ci sta provando, riconoscente verso Stefano Sollima (e gli altri registi) e gli attori che si sono assunti una responsabilità immensa e lo hanno fatto con consapevolezza e talento. Tutti loro hanno avuto un coraggio nient'affatto scontato: hanno messo in scena il male e lasciato a noi il compito di decidere dove sta il bene. (Ilda Boccassini)
  • «Gomorra. La serie» è una corsa spettrale, livida, notturna, che spaventa e seduce, come fosse il racconto di una civiltà esausta, senza redenzione. (Aldo Grasso)
  • Ho seguito con qualche sensazione di orticaria Gomorra. Se devo dire come la penso, a me non piace. [...] Non dobbiamo occultare la verità o la realtà ma non mi piacciono queste operazioni furbesche. Perché tu devi proporre l'immagine della realtà e della realtà campana, di cui fa parte anche la camorra, ma non puoi proporre lavori che, al di là delle intenzioni, oggettivamente rischiano di proporre modelli negativi. [...] rischia addirittura di mitizzare i delinquenti [...]. Viviamo un tempo delicato e ci sono persone che possono ricavare da alcune immagini modelli di comportamento. Non credo che la tv debba fare un'opera pedagogica e sostituirsi alla famiglia, alla scuola, ma ci vuole misura in tutto. Presentiamo le immagini che vogliamo, ma presentiamo tutta la realtà anche con immagini di speranza e modelli positivi. E diciamo, quando parliamo di Gomorra, che il destino di quelli che sembrano personaggi cinematografici, nella realtà è fatto di due cose: o la morte o il carcere. Se diciamo anche queste due cose a me va bene presentare tutte le gomorre di questo mondo. Ma se alla fine qualche personaggio dice, guardate che quelli che avete visto qui, nella vita reale avranno due soli sbocchi: o la morte o il carcere. Così diamo un'immagine della realtà completa e non facciamo cose che mi sembrano un po' pelose e un po' ipocrite. (Vincenzo De Luca)
  • Il problema è un altro, sottinteso al titolo. Contrariamente alla natura del libro, che si basa su vicende reali, quella trasmessa su Sky è una fiction. Ma questa differenza non viene percepita. Le persone che vedono Scarface non credono che quello sia il volto di Miami e della Florida, perché sanno che è un'opera inventata. Invece nel caso di Gomorra c'è un corto circuito tra i fatti raccontati nel libro attraverso la mediazione letteraria di Saviano e la creazione verosimile ma fantasiosa della serie tv. Gli autori hanno fatto una scelta legittima, quella di prendere spunto da un pezzo della realtà napoletana e impostare una visione intrisa di verosimiglianza. Ma non viene mai sottolineata la distanza tra le pagine di Saviano, che dieci anni fa hanno dato un contributo importante e originale nel far conoscere le dinamiche della camorra campana, e la narrazione televisiva che va in onda oggi. La stessa ambiguità va tenuta presente nel momento in cui si valuta il rischio di emulazione verso i personaggi dello schermo. Io non ritengo che la serie tv spinga verso l'emulazione. Certo, non ci sono figure positive nella saga dei Savastano ma è una caratteristica comune ad altre fiction: ne esistono di molto più violente, con personaggi decisamente spietati. So che i ragazzi che tendono a identificarsi con i modelli di Genny e Ciro non hanno bisogno certo di ispirarsi a camorristi della televisione, perché crescono a contatto con la presenza criminale: è uno degli aspetti più drammatici della condizione giovanile in alcune zone della Campania, dove spesso mancano gli stimoli a crescere nella legalità e le alternative al richiamo dei clan sono rare. Allo stesso tempo [...] c'è una fascia di pubblico in cui la visione di Gomorra innesca una riflessione e contribuisce a scuotere le coscienze. (Raffaele Cantone)
  • La forza della prima serie è stata proprio aver puntato su volti poco noti, quasi mai visti in tv, ma potentissimi. E che oggi sono icone. Caratteristica che è rimasta anche in questa seconda serie, soprattutto per i ruoli minori, con giovani rivelazioni. Credo che sia il prodotto televisivo di maggiore qualità visto in Italia. (Gianfranco Gallo)
  • La serie ha questo di sconvolgente: l'inchiesta di Roberto Saviano raccontava il male generato dalla criminalità organizzata; qui, invece, il male perde i contorni rassicuranti dell'estraneo e ne acquista di più familiari, quelli che ci appartengono. Tutto ciò è merito della scrittura capace di trasformare le vele di Scampia in una lunga veglia nelle tenebre, in un'intollerabile monotonia del male. (Aldo Grasso)
  • La serie di Gomorra ci mette in guardia contro il male, ci spinge contro un muro, non ci fornisce alibi (tanto c'è il poliziotto buono, il pm antimafia, i preti antimafia etc...), ci costringe a guardarci dentro. Saviano (e gli autori che insieme a lui hanno scritto la sceneggiatura) ha capito che solo partendo dal male assoluto, dall'assenza di bene, può nascere il motivo autentico di rinnovamento. Ci invita a guardare con occhi sgombri da preconcetti e false ipocrisie e cioè che la realtà del sud, di Napoli, di Secondigliano, di Scampia... è anche quella rappresentata da Gomorra. Il degrado urbano non nasce dalla serie, preesiste. La capigliatura di Genny e degli altri giovani personaggi siamo abituati a vederla da anni non solo nei quartieri, nei rioni di Scampia, ma al Nord, in America, così come l'abbigliamento degli attori: Gomorra riproduce la realtà, altro che rischio di emulazione. Rappresentare il male non significa infangare il sud. Anzi, lo spirito della serie è proprio quello, lo ripeto, di rappresentare il male in tutte le sue sfaccettature per arrivare al rinnovamento. (Ilda Boccassini)
  • Le telecamere di Gomorra sono state spietate, catturando la realtà per quella che è. Storcere il naso significa non dare alcuna speranza a quelle periferie. L'ammalato per curarsi veramente ha bisogno di essere consapevole di ciò che ha. Deve saperlo per decidere come salvarsi. (Marco D'Amore)
  • Sono stato tante volte a Scampia, non come Ciro ma come Marco. Lì ho conosciuto tante famiglie, ho stretto amicizie con la parte sana di quel quartiere che è molto estesa. Per loro Gomorra rappresenta un grido di speranza. (Marco D'Amore)
  • [Sulle polemiche] Stucchevoli. Solo per Gomorra si sono scatenati i censori di turno. Leggo anche di critiche da parte di colleghi, ma è solo invidia perché non c'è un solo attore che non vorrebbe far parte del cast. E aggiungo che la produzione è di una serietà incredibile: non ci sono raccomandazioni che tengano, la scelta è solo artistica. (Gianfranco Gallo)

Roberto Saviano[modifica]

  • Non immaginavo, quando iniziai a pensare di poter costruire una serie televisiva dalle storie scritte in Gomorra, che davvero saremmo arrivati a costruire un progetto come quello che è andato in onda su Sky. Che saremmo riusciti a condensare in uno spazio limitato il maggior numero di informazioni, dettagli. Dettagli, di questo è fatto il racconto di Gomorra. Di dettagli reali, di dettagli presi dalle inchieste, dai verbali delle intercettazioni, dalla cronaca quotidiana. Dalla cronaca attuale e da quella che ormai appartiene alla storia. A una storia che per me, per noi, non è affatto lontana, anche se sono in molti a volerla dimenticare perché è più facile in questo modo guardare in faccia i propri fallimenti.
  • Il nostro punto di partenza era questo: il peggior modo di raccontare il bene è farlo in modo didascalico. Tutti cattivi? Sì, in quel mondo non ci sono personaggi positivi, il bene ne è alieno. Nessuno con cui lo spettatore può solidarizzare, nel quale si può identificare. Nessun balsamo consolatorio. Nessun respiro di sollievo. Lo spettatore, in maniera simbolica, non doveva avere tregua, come non ha tregua chi vive nei territori in guerra. Quindi la visuale doveva essere unica. Nessuna salvezza per nessuno. Polizia, società civile, sono state messe in secondo piano perché così è nella testa dei personaggi che raccontiamo. Quindi nessuna via di fuga narrativa, nessuna quota di bontà pari a quella della cattiveria. Non una serie in cui ci sono " il cattivo irredimibile, il cattivo che si redime, un buono con delle ombre e il buono redentore". Con la storia di sangue e la storia d'amore. Questa dialettica così classica e così scontata non serve più a un paese che è andato culturalmente oltre. Ecco perché abbiamo scelto un modo diverso di raccontare, non l'unico, non il più giusto, ma certamente diverso. Condivido la critica che spesso viene mossa alle serie italiane – e soprattutto ai direttori di rete che le scelgono – di essere costruite come se qualcuno le avesse masticate prima di darle in pasto ai telespettatori per evitare che possano strozzarsi. Noi non volevamo costruire storie masticate, ma storie difficili da digerire, di quelle che ti tornano in mente il giorno dopo e ancora devi forzarti a scrollartele di dosso.
  • L'accusa più elementare di solito riguarda l'empatia, l'immedesimazione con personaggi negativi. "I ragazzi – dicono i critici severi – che guarderanno la serie emuleranno le loro gesta". Ma non è vero: l'immedesimazione non avviene con la realtà, ma con una sua rappresentazione. Non c'è nulla di male. È proprio questo il meccanismo narrativo che faceva scattare la catarsi, la purificazione, nel teatro elisabettiano e prima ancora in quello greco. Comprendere il male per riconoscerlo, per conoscerlo. Quanto di loro c'è in me? Mi comporterei allo stesso modo? Non lo faccio per codardia o per coraggio? Se non conosciamo la storia di chi compie atti atroci, se non conosciamo la storia di chi sceglie il male, come possiamo conoscere il bene? Come possiamo scegliere il bene? Ma – affermano gli sdegnati censori – Napoli è il sole, il mare, la cultura, i frutti di mare e la pizza più buona del mondo, le canzoni, Enrico Caruso e Villa Pignatelli. Caravaggio e San Domenico Maggiore. Parla di questo no?

Commenti dai giornali esteri[modifica]

  • Come un livido sul corpo sociale, una luce livida si allunga sulla trama del piccolo schermo.[2] (The Variety, Stati Uniti)
  • Dimenticate i Sopranos, ecco i Savastanos.[3] (Der Spiegel, Germania)
  • Gomorrah non è distante dalla Baltimora del superlativo The Wire o dalla Brooklyn di Quei bravi ragazzi di Scorsese.[3] (Guardian, Regno Unito)
  • I 12 episodi della serie segnano la fine di ogni romanticismo sulla mafia.[4] (Frankfurter Allgemeine, Germania)
  • Il nostro eroe Ciro e il suo mentore nel crimine Attilio sono gangster alla maniera di Tarantino, a cui piace mettere il becco su tutto e tutti.[3] (Indipendent, Regno Unito)
  • Per quanti pensano all'Italia e al suo romanticismo, questo è un altro effervescente antidoto.[3] (Daily Telegraph, Regno Unito)
  • Questo eccellente adattamento televisivo del racconto criminale di Roberto Saviano scava molto più a fondo del film del 2008 diretto da Matteo Garrone. Sollima allude alla natura sistemica della camorra, che identifica come l'altra faccia del capitalismo.[2] (The Variety, Stati Uniti)
  • Si immerge nell'ultrarealismo, come un documentario ritmato da un rap corrosivo in salsa napoletana.[4] (Le Monde, Francia)

Note[modifica]

  1. Cfr. post sulla pagina ufficiale Facebook di Roberto Saviano, 8 giugno 2016.
  2. a b Citato in Il fenomeno della serie Gomorra visto dagli americani, Rai.it.
  3. a b c d Citato in È Gomorra-mania, debutto trionfale in Gran Bretagna e Germania per la serie italiana, Repubblica.it, 6 agosto 2014.
  4. a b Citato in Gomorra – La serie: alla conquista della Francia, Sky.it, 19 gennaio 2015.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]