The Nun - La vocazione del male

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

The Nun - La vocazione del male

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Nun

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2018
Genere Horror
Regia Corin Hardy
Soggetto Gary Dauberman e James Wan
Sceneggiatura Gary Dauberman
Produttore Peter Safran e James Wan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Nun - La vocazione del male, film statunitense del 2018 con Taissa Farmiga, regia di Corin Hardy.

Incipit[modifica]

Ho avuto una premonizione sulla tua morte. Abbiamo entrambi visto lo stesso spirito disumano. Il demone del tuo quadro è reale! (Lorraine Warren)

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Tutti in questo villaggio fanno finta che l'abbazia non esista. Anche solo a parlarne si rischiano dei guai. (Maurice Theriault)
  • Faccio parte di una... ristretta cerchia a cui la Chiesa si affida per.. occuparsi di... questioni insolite. (padre Burke)
  • Sorella! Non possiamo smettere di pregare neanche per un secondo. Questo convento pratica l'adorazione perpetua da secoli. Preghiamo a turno per non interrompere mai la veglia. (suor Oana)
  • In qualunque modo l'uomo avesse chiamato quella creatura demoniaca, quello doveva essere il suo nome. Valak! Il profanatore, il sacrilego, il marchese dei serpenti. (padre Burke)
  • L'hai vista anche tu? Io l'ho vista vagare nei corridoi di notte, tutti l'abbiamo vista. Sembra una di noi, ma non lo è. È un essere malvagio, si trasforma per ingannarci facendo leva sulle nostre debolezze. Assume le sembianze di una suora per nascondersi nel convento e corromperci tutte. Temo che il portale si sia riaperto, ecco perché sorella Victoria ha commesso l'estremo peccato... (suor Oana)
  • Il male è sempre più potente, prendi le tue cose e raggiungimi nella cappella. Solo pregando riusciremo a superare la notte. Forza! Vai! Adesso! (suor Oana)
  • Le mie visioni, adesso so che sono un miracolo di Dio, e mi sento pronta a consacrarmi a lui. (suor Irene)
  • Finit hic Deo, Dio finisce qui! (padre Burke)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • padre Burke: Sarà una questione di pochi giorni al massimo. Mi è stata raccomandata per questo viaggio vista la sua conoscenza del territorio.
    suor Irene: Il territorio?
    padre Burke: Sì, la Romania.
    suor Irene: Non sono mai stata in quella parte del mondo.
    padre Burke: Davvero?
    suor Irene: Deve esserci un errore, mi dispiace averla fatta perdere tutto questo tempo.
    padre Burke: No, no, non deve dispiacersi, ogni decisione che prende il Vaticano è motivata. Avranno certamente avuto le loro ragioni per scegliere lei.
  • Maurice Theriault: Da qui proseguiremo a piedi. Il cavallo non andrà oltre.
    padre Burke: Forse è ora che ne compri uno nuovo.
    Maurice Theriault: Non il cavallo Padre, ma quello che c'è là. Ha paura, dicono che è un posto maledetto, anche il cavallo la vede così.
  • Badessa: Cos'è che volete?
    padre Burke: Sono Padre Anthony Burke, e lei è Suor Irene. È lei la reverenda madre?
    Badessa: Sono io. Tu non hai ancora preso io voti...
    suor Irene: ...No.
    Badessa: Perché siete qui padre?
    padre Burke: Veniamo per conto di Roma, per indagare sulla recente morte nel convento.
    Badessa: Recente morte?
    Maurice Theriault: Una delle suore. L'ho trovata qui fuori... appesa per il collo.
    Badessa: Vraiment? E vous l'avez enterré aussi?
    padre Bourke: Puoi lasciarci soli per favore?
    Badessa: Anche voi dovreste andarvene.
  • padre Burke: Che visioni erano?
    suor Irene: Differenti. Non erano mai le stesse. Ma... quando terminavano, mi restava nella mente sempre la stessa frase.
    padre Burke: Sempre la stessa frase? Quale?
    suor Irene: Maria mostra la via.
  • suor Irene: Sorella Oana, puoi raccontarmi la storia di questa abbazia?
    suor Oana: Fu eretta da un duca, durante il medioevo. Il duca di Santa Cârţa, scrisse innumerevoli testi in merito alla stregoneria e sui rituali per invocare le forze del male. E il maligno approfittò di lui per aprire un varco e permettere a un orrobile demone di giungere tra noi. Ma la Chiesa assaltò il castello, sigillarono il varco usando un'antica reliquia che conteneva il sangue di Gesù Cristo. La Chiesa prese possesso del castello e così ebbe inizio la nostra preghiera ininterrotta per impedire al demone di tornare. Per secoli funzionò e il demone fu arginato, finchè durante la guerra i bombardamenti colpirono l'abbazia e il demone trovò un nuovo modo per attraversare il varco.
  • suor Irene: Il varco è nella cripta. Ma non possiamo chiuderlo senza la reliquia. Il sangue di Cristo.
    Maurice Theriault: Cristo?! Gesù Cristo?
  • Maurice Theriault: Non dovremmo dire una... preghiera o qualcosa prima?
    padre Burke: C'è un tempo per pregare, e un tempo per agire. Ora è tempo di agire.
    Maurice Theriault: Ma a me sembra sia ancora tempo di pregare padre.
  • suor Irene: Nelle tue mani Singore, affidiamo umilmente le tue servitrici: le suore di Santa Cârţa. Ti hanno servito in questa vita con forza e fede, proteggile ora da ogni male, e lasciale vivere con te nella perfetta grazia eterna. Amen.
    Maurice Theriault: Credevo non fosse più un luogo sacro.
    suor Irene: Lo è ora.

Altri progetti[modifica]