Utente:Pegasovagante/Sandbox/Emanuele Repetti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Emanuele Repetti

Emanuele Repetti (1776 – 1852), geografo, storico e naturalista italiano.

Dizionario geografico fisico storico della Toscana, contenente la descrizione di tutti i luoghi del Granducato, Ducato di Lucca, Garfagnana e Lunigiana[modifica]

Incipit del Proemio all'Appendice[modifica]

La storia politica della Toscana al pari di quella dell'Italia, e dicasi pure d'Europa tutta nei secoli intorno al mille, per l'ocurità dei tempi e per la barbarie de' costumi paragonare si potrebbe alla mezza notte dello spirito umano. (Supplemento, p. III).

Incipit dell'Introduzione, Parte I, Capitolo I[modifica]

Le Isole dell'Arcipelago toscano sono otto, due delle quali, la Palmaria e la Capraja, spettanti al Regno Sardo; le altre sei al Granducato. Di queste sei due sono disabitate dagli uomini, Monte Cristo e Giannutri, due altre appena abitate da guarnigioni militari e da pochi uomini di mare, Gorgona e Pianosa, e le altre due maggiori per estensione, Giglio ed Elba, abitate da molte famiglie e ridotte in corpo di comunità. (Supplemento, p. ).

Citazioni[modifica]

  • Campi[1] nel Val d'Arno fiorentino [...]. La natura del suolo suggerisce da sè medesima all'agronomo la coltura che esso richiede. Campi sativi, feraci, e produttivi del più squisito e delicato frumento che la terra produca, meritarono a questa campagna il nome che da tanti secoli conserva. (pp. 413, 415).

Dizionario corografico-universale dell'Italia, sistematicamnete suddiviso secondol'attuale partizine politica d'ogni singolo Stato italiano, compliato da parecchi dotti italiani[modifica]

Incipit[modifica]

Il vero confine geografico della Toscana antica, o piuttosto di quella ai tempi della repubblica di Roma, è tuttora sconosciuto, perocchè mancano notizie e testimonianze autorevoli per sapere quali furono popoli aborigeni dell'Etruria, e fino dov'essi occuparono la giogana dell'Appennino tra le sorgenti della Magra e quelle del Tevere. Ignorasi pure tuttora fino a qual punto allora di estendesse, a partire dalla costa dell'Appennino meridionale, la dimora de' Toscani innanzi che in cotesta contrada si propagassero le varie razze de' Liguri, vinti poscia ed espulsi dall'Appennino del Mugello, di Pistoja, del Frignano ecc. dalle romane legioni. Imperocchè dalla nuda e passeggiera esposizione di quanto fu scritto da Polibio, da Dionisio di Alicarnasso, da T. Livio, da Strabone e per incidenza da Cornelio Nepote e da Cicerone, a stento si potrebbe arguire quali fra i monti che servono da contrafforte all'Appennino Etrusco furono abitati nei primi secoli di Roma dai Liguri, quando essi confinavano con la provincia estrema degli Umbri della tribù Sapinia (di Sarsina).

Citazioni[modifica]

Bibliografia[modifica]

  • Emanuele Repetti, Dizionario geografico fisico storico della Toscana, contenente la descrizione di tutti i luoghi del Granducato, Ducato di Lucca, Garfagnana e Lunigiana, Firenze,
  • Emanuele Repetti, Dizionario..., in: AA.VV., Dizionario corografico-universale dell'Italia, sistematicamnete suddiviso secondol'attuale partizine politica d'ogni singolo Stato italiano, compliato da parecchi dotti italiani,

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]

Note[modifica]

  1. Oggi Campi Bisenzio.