Vidiadhar Surajprasad Naipaul

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Medaglia del Premio Nobel
Per la letteratura (2001)
Vidiadhar Surajprasad Naipaul

Vidiadhar Surajprasad Naipaul (1932 – 2018), scrittore britannico nato a Trinidad e Tobago, premio Nobel per la letteratura.

Citazioni di Vidiadhar Surajprasad Naipaul[modifica]

  • Odiare l'oppressione, ma temere gli oppressi.[1]
  • Senza la scrittura, ogni cosa diventerà insipida. Leggere non avrebbe più senso, perché uno scrittore legge con uno scopo.[1]
  • Io sono il tipo di scrittore che la gente pensa che gli altri stiano leggendo.
I am the kind of writer that people think other people are reading.[2]
  • Vorrei una prosa trasparente, non voglio che il lettore inciampi su di me; voglio che lui veda attraverso le mie parole ciò che sto descrivendo. Non voglio che lui dica "Oh, santo cielo, com'è scritto bene!": sarebbe un fallimento.
I wish my prose to be transparent—I don't want the reader to stumble over me; I want him to look through what I'm saying to what I'm describing. I don't want him ever to say, Oh, goodness, how nicely written this is. That would be a failure.[3]

Sull'ansa del fiume[modifica]

Incipit[modifica]

Il mondo è quello che è; non c’è posto per le nullità, per chi permette a se stesso di diventare una nullità.

Citazioni[modifica]

  • In fondo, plasmiamo noi stessi in base all'idea che abbiamo delle nostre possibilità.
  • Nei momenti di panico tutti sanno essere risoluti; per agire durante un boom bisogna essere forti.
  • Un governo che non rispetta le proprie leggi può facilmente mancare di rispetto anche a te.
  • Una caratteristica dei grandi leader: saper intuire i bisogni della propria gente prima che vengano espressi. Ci vuole un africano per governare l'Africa – le potenze coloniali non l’hanno mai capito davvero.

Citazioni su Vidiadhar Surajprasad Naipaul[modifica]

  • Non approvo la visione politica del mondo di Naipaul. Considero il suo punto di vista troppo antiquato, elitario e moralista. Penso tuttavia che sia una personalità intelligente, incisiva e abbia uno stile impareggiabile. (Diana Abu-Jaber)

Note[modifica]

  1. a b Citato in Paolo Lepri, Un fuga senza fine, Corriere della sera, 6 dicembre 2004, p. 25.
  2. Da Radio Times, 14 marzo 1979; citato in Aa. Vv., Oxford Dictionary of Humorous Quotations, a cura di Ned Sherrin, Oxford University Press, 2008.
  3. Dall'intervista di Jonathan Rosen e Tarun Tejpal, 'V. S. Naipaul, The Art of Fiction No. 154, The Paris Review, n. 148, autunno 1998.

Bibliografia[modifica]

  • V.S. Naipaul, Sull'ansa del fiume, traduzione di Valeria Gattei, Adelphi, 2015.

Altri progetti[modifica]