Vincenzo Nibali

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Nibali

Vincenzo Nibali (1984 – vivente), ciclista italiano.

Citazioni di Vincenzo Nibali[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Il mio unico pensiero durante una gara è non aver paura di fare mosse decisive. Se si pensa troppo, se si inizia a giocare con il tempo, allora è finita. Bisogna non aver paura e seguire il proprio istinto. Ecco come ho costruito tutte le mie vittorie più belle.[1]
  • Sono contento, a Parigi sarà il momento più bello della corsa, con l'Arco di Trionfo e la premiazione. L'emozione di arrivare a Parigi è da pelle d'oca, inspiegabile. Quando sono venuto qui per disputare il primo Tour della mia carriera sono rimasto stregato dall'atmosfera dell'ultima giornata, dal giro d'onore, dal tifo della gente... È un po' tutto irreale, devo abituarmi lentamente. Il pensiero di aver vestito la maglia gialla dalla seconda giornata fino alla fine è stato logorante, non è stato facile per niente. Ora voglio godermi questi momenti con la mia famiglia e con i miei amici.[2]
  • Da grandi sconfitte spesso nascono grandi vittorie.[3]
  • La gente, al di là di come andava questo Giro d'Italia, mi voleva comunque bene e allora ho capito che dovevo correre il più tranquillo possibile perché comunque andava la gente mi vuole bene uguale e questo sicuramente mi ha fatto riflettere tantissimo in questi giorni.[4]
  • Il Principe [del Bahrein] ha deciso di investire nel ciclismo per pura passione. Era venuto al Giro dell'anno scorso in forma privata e alla fine della tappa di Andalo (dove ero andato male) mi aveva guardato negli occhi: sei il corridore adatto per costruire una squadra, mi aveva detto. [5]
  • [Dopo la vittoria della 16ª tappa del Giro d'Italia 2017] Si, adesso lo posso anche dire: è stata la mia vittoria più bella. Tutte le vittorie lo sono ma, sai, quando ti aggiudichi la tappa che prevede una scalata del Mortirolo e due dello Stelvio...[6]
  • [Sul Giro d'Italia 2016] Mai pensato di ritirarmi, proprio in quella corsa sono riuscito a resettare e a mettermi alle spalle due anni difficili. Il fatto è che il Tour del 2014 mi aveva cambiato la vita, ho sofferto tantissimo di testa, ho pagato un grosso scotto. Il Tour mi ha completamente travolto, ha mutato anche l’approccio con i media. In quel Giro ho capito che quel che dovevo fare era andare per la mia strada e così ho fatto.[7]

Citazioni su Vincenzo Nibali[modifica]

  • Caro Vincenzo [...] con grande piacere ho assistito alla sua vittoria di tappa, a Bormio, lo scorso anno, dopo avere scalato lo Stelvio al Giro d'Italia. Voglio salutarla a nome del Comune di Huez e mostrare la nostra ammirazione per il suo coraggio e per avere concluso la tappa dell'Alpe d'Huez, nonostante i forti dolori. Deploro davvero la sua caduta e ancora più il suo ritiro, spero sinceramente di rivederla nuovamente affrontare le 21 curve dell'Alpe d'Huez. Le auguro una pronta guarigione e non vedo l'ora di vederla difendere i colori italiani sulle strade di tutto il mondo.[8] (Jean-Yves Noyrey, sindaco di Huez)
  • [Sulla vittoria del Tour de France 2014] Ha vinto da finisseur a Sheffield, da scalatore sui Vosgi, sulle Alpi, sui Pirenei, ha vinto a nord, a est, a sud. (Gianni Mura)
  • Il problema è che non è un personaggio mediatico. Glielo dico sempre. Un campione così dovrebbe essere il leader di tutto lo sport italiano di oggi. Invece è troppo modesto, timido, riservato, quasi al limite dell'introverso. In realtà non lo è, ma l'impressione che arriva è quella. Dove lo troviamo un corridore così? Lui ha vinto due volte il Giro d'Italia, una volta il Tour de France, la Vuelta a España, la Milano-Sanremo e due volte il Giro di Lombardia. L'ultimo corridore ad aver vinto Milano-Sanremo, Giro di Lombardia e grandi giri è Eddy Merckx. L'ultimo ad aver vinto Tour de France e Milano-Sanremo, due corse così diverse, è Laurent Fignon. Nibali ha un palmarès unico. Purtroppo non è molto amato, anche tanti italiani non lo apprezzano fino in fondo. Molti rammentano, ad esempio, che lui ha vinto il Tour de France perché Contador e Froome sono caduti. Anche Merckx, però, vinse la Grande Boucle perché Ocaña cadde sui Pirenei, altrimenti avrebbe interrotto la serie. Questo, però, nessuno lo ricorda. È sempre successo così: anche Nencini vinse il Tour de France perché Roger Rivière cadde in un burrone. (Beppe Conti)

Note[modifica]

  1. Citato in Il programma di Vincenzo Nibali: Tour de France su tutto con un occhio alla Sanremo, DirettaCiclismo.it, 30 dicembre 2013.
  2. Citato in Nibali si prende il Tour de France": Ora non è più un sogno, ho vinto", LaStampa.it, 26 luglio 2014.
  3. Dall'intervista di Alessandra De Stefano nel corso del programma televisivo Diretta Giro d'Italia 2016, RaiSport 1, 24 maggio 2016.
  4. Dal programma televisivo Processo alla tappa, Raisport, 28 maggio 2016; citato in Giro 2016, Nibali trionfa in Rosa a Torino, EpochTimes.it, 30 maggio 2016.
  5. Dall'intervista di Gaia Piccardi, Il nuovo Nibali sfida i misteri di Quintana. «Lui l'uomo da battere», Corriere della Sera, 1° maggio 2017, p. 49.
  6. Citato in Luigi Panella, Giro d'Italia, Nibali si prende lo Stelvio. Dumoulin, mal di pancia e accuse: "Sono stato ingannato", Repubblica.it, 23 maggio 2017.
  7. Citato in Ciro Scognamiglio, Nibali: "Giro, quanto mi manchi. Tabelle? Ora no, voglio la libertà", Gazzetta dello Sport, 9 maggio 2020
  8. Da Ciclismo, Nibali operato: ora via al recupero per il Mondiale, Repubblica.it, 31 luglio 2018.

Altri progetti[modifica]