Young Black Jack

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Young Black Jack

Serie TV anime

Immagine Young Black Jack logo.png.
Titolo originale

ヤング ブラック・ジャック
Yangu Burakku Jakku

Lingua originale giapponese
Paese Giappone
Anno

2015

Genere drammatico
Episodi 12
Regia Mitsuko Kase
Sceneggiatura Ryōsuke Takahashi

Young Black Jack, manga scritto da Yoshiaki Tabata e disegnato da Yūgo Ōkuma, dal quale è stato tratto un anime. È un prequel di Black Jack di Osamu Tezuka.

Citazioni tratte dalla serie[modifica]

Episodio 2, Rapimento[modifica]

  • Nessuno al mondo vuole davvero morire! La morte si cerca solo quando non si ha altra scelta... (Yabu)

Episodio 3, Disertori[modifica]

  • Anch'io in passato... sono stato abbandonato... È per questo... È per questo che io... non riesco ad abbandonare nessuno...! (Hazama)

Episodio 5, In Vietnam – Seconda parte[modifica]

  • Le notti vietnamite sono afose, e torbide come il fango. Tuttavia, le loro stelle... brillano più numerose di quelle di Tokyo. (Narratore)

Episodio 7, Rivoluzione indolore – Prima parte[modifica]

  • DPTS. Abbreviazione di "Disturbo Post-Traumatico da Stress". Tra tutti i traumi psicologici, quelli causati dalla guerra sono esclusivi del genere umano. Scaturiscono dal terrore ineluttabile incontrato sul campo di battaglia... o dai rimorsi di coscienza che ci attanagliano. (Narratore, nelle anticipazioni all'episodio successivo)

Episodio 8, Rivoluzione indolore – Seconda parte[modifica]

  • La crescita va di pari passo con la sofferenza, e non è detto che porti necessariamente a dei frutti. (Narratore, nelle anticipazioni all'episodio successivo)

Episodio 9, Il racconto della miseria – Prima parte[modifica]

  • La luce dà origine all'ombra. E più la luce brilla forte, più l'ombra che produce è fitta e oscura. A volte, è nera come le tenebre. (Narratore, nelle anticipazioni all'episodio successivo)

Episodio 10, Il racconto della miseria – Seconda parte[modifica]

  • Tutte le volte che mi trovo davanti un paziente che rischia di morire... rivedo in lui mia madre. (Hazama)

Explicit[modifica]

Così un giorno abbandonai il nome di Kuroo Hazama... e divenni Black Jack. (Narratore)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]