Zelig (film)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Zelig

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Zelig

Lingua originale inglese
Paese Usa
Anno 1983
Genere Commedia
Regia Woody Allen
Sceneggiatura Woody Allen
Produttore Robert Greenhut
Interpreti e personaggi

Zelig, film del 1983 diretto e interpreato da Woody Allen e con Mia Farrow.

Frasi[modifica]

  • Sto seguendo un caso interessante. Ho in analisi due coppie di gemelli siamesi che soffrono di sdoppiamento della personalità. Vengo pagato da otto persone. (Leonard Zelig)
  • Leonard Zelig veniva spesso picchiato dai genitori. La famiglia Zelig abitava sopra a un bowling, ma erano spesso gli avventori del bowling a protestare per il troppo rumore. (Narratore)
  • Ho 12 anni. Vado alla sinagoga. Chiedo al rabbino qual è il significato della vita. Lui mi dice qual è il significato della vita. Ma me lo dice in ebraico. Io non lo capisco, l'ebraico. Lui chiede 600 dollari per darmi lezioni di ebraico. (Leonard Zelig)
  • Mio fratello mi picchiava, mia sorella picchiava mio fratello e me, mio padre picchiava mia sorella, mio fratello e me, mia madre picchiava mio padre, mia sorella, mio fratello e me, i vicini di casa picchiavano la mia famiglia, l'altro isolato picchiava i vicini di casa che picchiavano la mia famiglia che mi picchiava... (Leonard Zelig)
  • Da ragazzo, Leonard Zelig è tiranneggiato spesso dagli anti-semiti. I suoi genitori, che non prendono mai le sue parti e lo incolpano di tutto, stanno con gli anti-semiti. (Narratore)
  • Si deve essere sé stessi, fare le proprie scelte morali... anche quando richiedono vero coraggio. Altrimenti si è come robot, o lucertole. (Leonard Zelig)
  • Zelig ha venduto la storia della sua vita a Hollywood per una grossa somma di denaro. Quando scoppia lo scandalo i produttori chiedono indietro i soldi. Zelig può restituirne solo la metà, il resto è già stato speso. Offesissimi, gli ridanno indietro solo metà della sua vita. Si tengono i momenti migliori e a lui rimangono solo le ore dei pasti e del sonno. (Narratore)
  • Certo che sono un medico... Anzi devo proprio andare. Sai, tengo un corso sulla masturbazione... Se no cominciano senza di me... (Leonard Zelig)
  • Non l'avevo mai fatto prima d'ora. Vi dimostra quel che potete fare se siete completamente psicotici. (Leonard Zelig)
  • Sul letto di morte, Morris Zelig dice al figlio che la vita è un incubo di dolore senza nessun senso, e l'unico consiglio che gli lascia è: conservare bottiglie vuote. (Narratore)
  • In fin dei conti, non fu l'approvazione delle masse, ma l'amore di una donna, a cambiare la sua vita. (Narratore)
  • Se Zelig fosse psicotico o solo estremamente nevrotico, era un problema che noi medici discutevamo in continuazione. Personalmente mi sembrava che i suoi stati d'animo non fossero poi così diversi dalla norma, forse quelli di una persona normale, ben equilibrata e inserita, solo portata all'eccesso estremo. Mi pareva che in fondo si potesse considerare il conformista per antonomasia. (Bruno Bettelheim, se stesso in un cameo del film)

Altri progetti[modifica]