Proverbi tarantini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
  • 'A bravura de mèste Uccio, ca diéde 'nu sckaffe ô ciucce
  • Acchie u fesse e inghìe u sacche. (trova il fesso e riempi il sacco)
  • 'A fatìe ca se chiame cucuzze, a mme me féte e a tte te puzze. (La fatica si chiama zucchina, a me puzza e a te pure = La fatica ha un nome, non mi va di lavorare e neanche a te.)
  • 'A jaddine face l'ove e a' jadde l'uscke 'u cule
"La gallina ha fatto l'uovo e al gallo brucia il culo"
  • 'A Madonne sape a cci porte le recchíne!
La Madonna sa chi porta gli orecchini
  • A mmëzzadije, ci sté a ccáse d'ôtre cu pigghie vije
"A mezzogiorno chi si trova in casa d'altri dovrebbe tornare alla propria"
  • Amice e ccumbáre se pàrlene chiare
Amici e compari parlano francamente, tra loro
  • Astipe 'a zampogna pe' qquanne abbesògne
  • Avisse fatte 'nu puèrche quanne hé nate! Alméne sté mangiamme sasizze!
"avessi avuto un maiale almeno ora staremmo mangiando salsicce" (si riferisce ad un figlio nullafacente)
  • Chidde se recordane le vigne de 'mminze a' chiazze
  • Ci nasce tunne nò mmore quadráte
Chi nasce rotondo, non muore quadrato', come dire che le persone non cambiano.
  • Ci sparte ave 'a mègghia parte
Chi fa le divisioni, ottiene la parte migliore
  • Ci téne lènghe, vé 'nzardègne!
"chi tiene lingua va in sardegna" (chiedendo le cose si riesce ad arrivare anche in Sardegna)
  • Ci tutte l'acjidde canuscèssere 'u gràne!
"Se tutti gli uccelli conoscessero il grano..."
  • Da niende-niende a ttande-tande
  • "E va bene", disse Donna Lena, quanne viddìe 'a figghie, 'a sèrve e a iatta préne!
  • Fatìe e ffatìe, e a' sére páne e ccepòdde (Fatica e fatica, a cena solo pane e cipolla = tanto lavoro per ottenere poco.)
  • Fa' tu e ffa' chiòvere
"fai tu e fai piovere" (se insisti tanto fai tu e levati davanti agli occhi!)
  • Furne vècchie addevènde furne onoráte
(le persone anziane diventano persone "venerate")
  • Ha chiovúte 'a mèrde e nen ha 'nzeváte a ttutte! (Ha piovuto ininterrottamente, eppure alcuni sono rimasti salvi! = la sfortuna non sempre colpisce)
  • Ha lassáte Criste pe' scé a lle cozze
Ha lasciato Cristo per andare alle cozze
  • Ié mègghie ci t'onòre ca ci te sazie
  • L'anèddere so' cadute, ma le dìcete so' rumaste.
  • Le corne de le signure so de vammàce, chidde de le puveriedde so' de noce
"Le corna (le colpe) delle signore sono di ovatta, quelle delle poverette sono di legno di noce"
  • Mègghie 100 zite ca 'nu male marite (Meglio cento fidanzati che un marito geloso = meglio restare nella propria condizione di nubile)
  • Mègghie 'na catáre 'nguèdde ca 'n'onze 'ngule
  • Mazze e ppanèlle fanne le figghie bèlle (Un po' di botte plasmano dei figli educati.)
  • 'Na vote ié fèste a Ppalasciáne
" Una volta è festa a Palagiano" (o meglio: non è sempre festa a Palagiano)
  • N'è fritte de vurpe!
  • Nò sputà' 'ngiéle ca 'mbacce t'arríve
Non sputare in cielo, perché poi ti arriverà in faccia
  • Pe' ccanòscere 'nu crstiáne t'ha mangià' sette sacche 'e sále
"Per conoscere una persona devi mangiare sette sacchi di sale" (Non è mai possibile conoscere pienamente una persona)
  • Quanne Criste sté 'ngroce, sule tanne ièsse 'a voce.
  • Quann'u marite arriv'a quarandine, lasse 'a mugghiére e sse ne vé a' candine, quanne a mugghiére arriv'a quarand'anne, lasse 'u marite e sse pigghie a Ggiuànne.
"Quando l'uomo ha quarant'anni lascia la moglie e va ad ubriacarsi; quando la moglie ha quarant'anni lascia il marito e se ne va con Giovanni"
  • Scenne venenne, melune cugghiénne. (Andando in un viaggio e ritornando, si raccolgono meloni = si fa un nuovo bagaglio di esperienze).
  • Squagghiáte 'a néve appàrene le strunze! (Scioltasi la neve compaiono gli stolidi.)
  • Sté frisce 'u pèsce e ssté tremènde 'a iatte
" Friggi il pesce e tieni d'occhio la gatta"
  • T'agghie chiamate a ccoppe e te n'isse a bbastúne?
"Ti ho chiamato a coppe e sei uscito a bastoni?"
  • T'agghie a crèscere e t'agghie a perdere (Prima ti devo crescere e poi ti devo "perdere" = metafora per un genitore che cresce il figlio e poi si vede non adeguamente appagato per il lavoro fatto, oltre che il figlio andrà via.)
  • T'agghie a purtà a lle firre vicchie! Vedime ... m'u donne 'nu cupèrchie? (Ti devo portare tra i rottami! Vediamo... me lo danno un coperchio? = Spesso dai rottami o dall'immondizia si trova sempre qualcosa di utile.)
  • 'U cáne asckuáte áve paure dell'acqua frèdde
  • 'U ciucce s'ha carescià e u ciuccie s'ha futte (L'asino deve portare [il carro] e a lui toccano tutte le fatiche.)
  • 'U príse cchiù 'u ggire e cchiù féte. (Più gira il vaso [dove una volta si facevano i bisogni] e più è maleodorante = più si persiste in una situazione, più questa si aggrava.)
  • Viste ceppóne ca páre baróne

(Vesti un poveraccio come si deve e anche lui sembrerà un uomo dell'alta nobiltà)

  • Zumbe 'u cetrúle e sspicce 'ngule a ll'ortoláne
  • Quanne è Scerròcche, scénne Peppe e nghìane Rocche; quanne è Tramuntàne, Peppe scénne e Rocche nghìane. (Ognuno si fa i fatti suoi).

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]