A casa dei Loud

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

A casa dei Loud

Animazione

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Loud House

Lingua originale Inglese
Paese Stati Uniti
Anno

2016

Genere sitcom animata, Slice of life, comedic television series
Stagioni 5
Episodi 76
Ideatore Chris Savino
Rete televisiva Nickelodeon

A casa dei Loud, serie televisiva a cartoni animati statunitense, prodotta nel 2016 da Nickelodeon.

Prima stagione[modifica]

Incipit[modifica]

Hunter [Pubblicità televisiva]: Credete ai fantasmi? Seguite me, Hunter Spector, cacciatore di spettri, capo dell'Accademia Rinominata e Garantita per Ghostbusters o "ARGGH!", mentre scendo nel luogo più spaventoso di ogni casa: la cantina! Domenica sera alle 8:00 non perdetevelo, o rimarrete per sempre nel buio! ARGGH!
Lincoln: Finalmente ci siamo. Sarà l'ultima puntata dal vivo del più grande! Show! Del mondo! Va bene, so che probabilmente starete pensando "Oh, Lincoln, con dieci sorelle non c'è possibilità che tu riesca a vedere quel programma" e… avreste ragione voi. Tutte le domeniche alle 8:00 è la stessa storia. Ma per stasera ho studiato un piano. [Agguanta il walkie talkie] Cadetto Lincoln chiama Cadetto Clyde! Puoi sentirmi?
Clyde: Qui Cadetto Clyde, ti ricevo forte e chiaro! Sono così emozionato: finalmente riusciremo a vedere ARGGH! insieme! E con "insieme" intendo tu a casa tua e io a casa mia, giusto?
Lincoln: [Al pubblico] È quasi un evento storico, ma abbiamo deciso che è meglio guardarlo separatamente: Clyde si è preso una cotta per mia sorella Lori. È imbarazzante.
Clyde: [Rivolto ad un poster di Lori] Come va, bella?
Lincoln: Clyde? Clyde, mi ricevi?
Clyde: Ehm… è meglio se ti sbrighi Lincoln: sono quasi le 8:00.
Lincoln: Che l'operazione "Distrare le mie sorelle così posso arrivare per primo alla TV e guardare l'ultima puntata speciale dal vivo di ARGGH! (e trovare un nome più corto per questa operazione)" abbia ora inizio. [Piano]
Lola e Lana: Cartoni! Cartoni! Cartoni! Cartoni! Carto-
Lincoln: Avete voglia di… preparare il tè per tutti? [Tira fuori un servizio da tè. Lola è estasiata, ma non Lana.]
Lola: Sì! [Prende il servizio da tè e torna in camera] Certo, Lincoln!
Lana: Ehi, io non ho voglia di preparare il tè per le bambole! Io voglio guardare la TV!
Lincoln: Tu potresti… preparare il tè per loro due. [Tira fuori due rospi]
Lana: Sì! [Prende i due rospi e torna in camera] Grazie, Lincoln!
Lincoln: Ehi, Luan!
Luan: Sto andando di sotto a guardare la TV.
Lincoln: Dovresti prendere la tua videocamera: le gemelle stanno di nuovo litigando.
Lola: Molla! Molla! No, non mi va!
Luan: Avrò una marea di visualizzazioni! [Corre a prendere la videocamera] Grazie, Lincoln!
[Lisa e Lily escono dalla loro camera. Lincoln affera Lily]
Lincoln: Ehi, Lisa! Ti ho risparmiato il viaggio di sotto e ti ho portato le tue cose.
Lisa: Proteine, lattosio, cristalli di clorudio di sodio, saccarosio e gallus obum?
Lincoln: Ehm… vuoi dire farina, latte, zucchero e uova?
Lisa: Tu dici "pomodoro", io dico "Solanum lycopersicum". Grazie. [Torna in camera]
Lynn Jr.: Evvai, due minuti alla partita! Woo!
Lincoln: Ehi, Lynn! Guarda qui: [Tira fuori un pallone da rugby] l'ho riempita con l'elio per il giocatore estremo che vuole di più.
Lynn: Io voglio di più!
Lincoln [Vedendo arrivare Leni]: Ehm… Prendilo! [Lancia il pallone in camera di Lynn] Oh, fa' attenzione, Leni!
Leni: Che c'è? Ho un ragno addosso? Toglimelo, toglimelo, toglimelo, presto!
Lincoln: Peggio! Hai un brufolo sulla punta del naso!
Leni [Correndo in bagno in lacrime]: Allora sono un mostro!
Luna: Ehi, fratello, stasera la musica parlerà a suono di ROCK! Yeah!
Lincoln: Però… [Tira fuori uno strobo fatto a mano] potresti fare un concerto rock con tanto di luci in camera tua.
Luna: È molto meglio! Grazie, Linc! [Prende la torcia-strobo e torna in camera]
Lori: Qualcuno ha visto il mio telefono? Devo commentare il telefilm con gli amici!
Lincoln [Dopo aver mandato un messaggio col telefono della sorella]: Ehi, Lori! Lori, ho trovato io il tuo telefono.
Lori: Dammelo! Quante volte devo dirti di non mettere le tue mani sulle mie cos-
Lincoln: Tre, due, uno… [Il telefono squilla]
Lori: Pronto? Oh, ciao Bobby. No, non ti ho scritto di chiamarmi, ma sono felice tu lo abbia fatto. [Rivolta a Lincoln, mentre torna in camera] Grazie per nulla, babbeo!
[Lily si è addormentata, Lincoln la poggia nella cesta della biancheria]
Lincoln: E sono dieci. [Al pubblico metre si accomoda sul divano] Come stavo dicendo, non sarò il più veloce e forse nemmeno il più forte, quindi, per tenere fuori dai piedi tutte le mie sorelle, conviene avere un piano.
Lucy [Già sul divano]: Hai dimenticato me.
Lincoln: AH! Lucy! La dimentico sempre, Lucy!
Lucy: È la storia della mia vita.

Episodio 1, Cacciatori di spettri[modifica]

  • Lincoln: Cosa ci fai sul divano?
    Lucy: C'è una puntata della mia serie preferita: Vampiri di Malinconia.
    Lincoln: Ma stasera trasmettono l'episodio di ARGGH! di cui parleranno tutti domani a scuola! Ti prego, fammelo vedere! Ti prego dal profondo della mia infelicità!
    Lucy: Mi spiace, Lincoln, ma conosci la regola: sono arrivata per prima.
    Lincoln: Nooooo! [Afferra il telecomando e lo lecca] Ah!
    Lucy [Tirando fuori il vero telecomando della TV]: È quello vecchio che Lily ha buttato nel gabinetto. [Lincoln si pulisce la lingua, poi si mette a piangere] Scusa, Lincoln, ma non perderò i miei Vampiri: Edwin è così freddo e tormentato e misterioso… Ah… Se solo non fosse di un altro secolo.
    Lincoln: "Un altro secolo"! Non preoccuparti, Lucy. Tu guarderai la serie sulla grande TV a colori. Io guarderò il mio programma sulla vecchia e brutta TV in bianco e nero.
    Lucy: Quelli sono i miei colori preferiti.
    Lincoln: Già, così il mio programma sarà ancora più… lugubre.
    Lucy: Lugubre è il mio aggettivo preferito.
  • [Portando la TV in bianco e nero in camera di Lucy] Come fanno due soli colori a essere così pesanti? Ecco a te. Adesso ti metto la spina e poi… così sarai felice… o triste… o qualsiasi emozione sia quella… e io non rimarrò per sempre nel buio. [Collega la spina, ma la corrente salta] Accidenti. (Lincoln)
  • [Barzelletta] Ehi, sapete perché si è spento tutto? Le luci erano stanche! Capita? (Luan)
  • Lori: Ehi, quando mamma e papà sono fuori, sono io il capo. Innanzitutto, contiamoci per assicurarci che non manchi nessuno.
    Lincoln: Unoduetrequattrocinqueseisetteottonovedieci e io. Siamo undici. Ci siamo tutti. Siamo tutti qui, è sicuro.
    Lucy: Avete dimenticato me.
    Lincoln: AH! Posso alzare il salvavita e far tornare la luce prima che Lucy mi faccia venire un attacco di cuore?!
    Lori: Lincoln, sono la più grande, lo farò io! Dov'è il coso del salvavita?
    Lincoln: In cantina.
    Lori [Visibilmente spaventata]: Perché devo farlo proprio io?
    Fratelli Loud: PERCHÉ TU SEI LA PIÙ GRANDE!
  • [Dopo aver ripristinato la corrente]
    Leni: Ragazzi, non riesco ancora a vedere niente!
    Lisa: Prova ad aprire gli occhi.
    Leni: È un miracolo!

Episodio 2, Il messaggio[modifica]

  • LINCOLN! C'è una sola regola in questa casa: stare lontano dalla mia camera! Se ti becco di nuovo qui, ti trasformo letteralmente in un puzzle umano! (Lori)
  • Lana: Non si corre nel corridoio!
    Lincoln: Eh? A che gioco state giocando?
    Lola: Lana, questo qui si permette di parlarci?
    Lana: Siamo le sorveglianti dei corridoi della scuola. Ci siamo esercitando.
    Lola: Se ti vediamo correre di nuovo, per te saranno guai. Abbiamo già rinchiuso Luan per le sue pessime battute.
    Luan [Barzelletta]: Ehi, la conosci quella del ladro che ha rubato un calendario? Gli hanno dato dodici mesi! Capita?
    Lola: Sono altri cinque minuti, stralunata!
    Lincoln: Ok, ok. Allora camminerò a passo regolare. Lo giuro.
    Lana: Non si giura mai!
  • Clyde, che cosa ho fatto?! Ho detto che Lori è una [Assolo di chitarra elettrica], quando in realtà è una [Suono d'arpa]. (Lincoln)
  • Segreteria di Lori: Ehi, Lori, è il tuo caro fratello Lincoln.
    Lincoln: Lori! Nooo!
    Segreteria di Lori: C'è una cosa che vorrei dirti da un po': tu sei…
    Lori: Cancellato. Lincoln, ci sono due regole in questa casa: stare lontano dalla mia camera e non chiamare mai il mio telefono! La mia segreteria non può essere occupata dai tuoi messaggi inutili.
  • Bobby! Solo dodici messaggi, oggi? Credevo ci tenessi a me. (Lori)
  • Lincoln: La prossima volta che avrò un problema con le mie sorelle, parlerò con loro invece di lasciare un messaggio o scrivere una lettera cattiva. A proposito… dov'è quella lettera?!
    Lori [In bagno e sempre al telefono con Bobby]: Se vuoi che ci chiamiamo Lo-bby, dovrai mostrare un pochino più di… uh? [Nota la lettera di sfogo di Lincoln] Cos'è questa? "Perché Lori è la peggiore sorella del mondo". Bobby, ora devo chiudere… VADO A TRASFORMARE LINCOLN IN UN PUZZLE UMANO!

Episodio 3, Lincoln bullizzato[modifica]

  • Clyde: Hai intenzione di affrontare quel bullo?
    Lincoln: Esatto! Ci vedremo alle 3:30 davanti a casa mia e finalmente sistemeremo questa cosa!
    Clyde: Vi prenderete a botte?
    Lincoln: Non sono un tipo manesco, Clyde. Gli farò un bel discorsetto da uomo a uomo. Giusto il tempo di scriverlo.
    Clyde [Nota un biglietto in testa a Lincoln appiccicato con la gomma da masticare]: Guarda, il bullo ti ha lasciato un messaggio.
    Lincoln: Cosa? "Scemo".
    Clyde [Concentrandosi sulla gomma]: Oh, anguria al lime.
    Lincoln: Meglio se le mie sorelle non lo vedano, finiranno con l'intromettersi e peggiorare tutto. Come sempre, del resto.
    Clyde: Ne se sicuro? Forse possono darti una mano. Tua sorella Lori da' ottimi consigli: "mai essere te stesso", mi disse un giorno. Adoro quella ragazza.
    Lincoln: Ah, Clyde. Dolce e innocente Clyde. Non sa proprio che significhi avere dieci sorelle ficcanaso.
  • Luan: Lincoln, senti questa battuta: se avessi il tuo nome mi chiamerei babbuino.
    Lincoln: Non l'ho capita.
    Luan: È solo la battuta finale, mi manca ancora l'apertura.
  • Lincoln [Aprendo la porta di camera sua dopo aver evitato le sorelle]: Fiew. Per poco.
    Lisa: Saluti umano. C'è della liquidam parassifluacifa nella tua zona follicolare.
    Lincoln: Cosa c'è nella mia cosa?
    Lisa: Hai una gomma sui capelli.
    Lincoln: Oh, sì. È probabile che si tratti soltanto…
    Lisa: Suppongo che non sia opera tua, essendo tu dotato di un'intelligenza media. Quindi posso solo dedurre che tu sia stato preso di mira da qualcuno.
    Lincoln: Lisa, non dirlo a nessuno, altrimenti tutte verranno a saperlo!
    Lisa: Tranquillo, il mio cervello non ha tempo per queste inutili stupidaggini.
    Lincoln: Fiew. [Entra in camera e taglia via la gomma ma, subito dopo, tutte le sorelle irrompono in camera sua]
    Lynn: Sei stato preso di mira?!
    Lincoln: Lisa! Credevo che non avresti detto nulla!
    Lisa: No, io ho semplicemente detto che non ho tempo per certe stupidaggini, così le ho passate a Lynn, il cui cervello ha molto più spazio del mio per questo tipo di cose.
    Lynn: Grazie. Aspetta…
  • Lo inviterò qui per un tè e gli farò usare la tazza scheggiata! Sono così cattiva che a volte mi faccio paura da sola. (Lola)
  • Mi sono venuti in mente altri insulti: sei talmente brutto che festeggi Halloween per telefono! (Luan)
  • [Al presunto bullo] Come osi bullizzare Lincoln?! Solo noi possiamo farlo! (Lori)
  • Lynn: Vado a cercare il vero bullo!
    Lincoln
    : No, Lynn! Aspetta! Non è un ragazzo!
    Leni: Che cos'è? Un cane?
    Lincoln: Sigh… è una ragazza. [Tutte quante, meno Lisa, esultano e poi abbracciano Lincoln] Che c'è?
    Lisa: Le emozioni umane, di solito, non mi interessano, però… [Anche lei esulta e abbraccia il fratello]
    Luna: Oh, Lincoln! Per quale motivo non ci hai detto che hai una ragazza?
    Lola: Sì, riesco già a immaginarmela!
    Lincoln: Che state dicendo?!
    Lori: Se è arrivata a fare questo, non serve la sfera magica per capire che ti sta facendo il filo!
    Lincoln: Come vi viene in mente?! Quella mi ha infilato un panino nei pantaloni! Le mie mutande sono state piene di sesamo per giorni!
    Leni: Aww… com'è romantico.
    Lori: Davvero un classico.
    Lincoln: Ma siete impazzite?! Lei mi odia! Oggi la vedrò a scuola e faremo due chiacchiere.
    Lori: Sai, Lincoln, bastano solo due semplici parole.
    Lincoln: Cosa?!
    Leni: Io penso che tu debba darle un bacio.
    Lincoln: COSA?!

Episodio 4, Il video contest[modifica]

  • Se solo una sorella ci ha dato la nostra scena d'oro, con le altre, il primo premio è assicurato! (Lincoln)
  • [I compagni di classe si godono il video di Lincoln]
    Compagno: Questo sì che è spassoso, altro che il video del criceto!
    Compagna: Lincoln, quel video è uno spasso. Il mio voto è tuo.
    Lance: Sì, quando c'è Lucy con la scultura ho riso come un matto!
    Compagna: E perché, quando compare Lori?
    Lance: Parli di Miss Spuzzettona? Avrebbe bisogno di un gastroenterologo.
    Compagna: Forse è un po' imbarazzante.
    Lincoln: "Imbarazzante"?
    Lance: Be', sì. Le mie sorelle mi polverizzerebbero se postassi un video come quello.
    Lincoln: Come hai detto?
    [Clyde e Lincoln fanno ritorno a casa]
    Clyde: Ti prego, non farti polverizzare: dove lo trovo un altro migliore amico, di questi tempi?
    Lincoln: Ah, non preoccuparti: venerdì, dopo aver vinto il premio, cancellerò il nostro video.
    Clyde [Abbracciando Lincoln quando arrivano a casa Loud]: Non si sa mai. È stato bello conoscerti.
    Lincoln: Tranquillo, Clyde: le mie sorelle non sapranno mai nulla. [Apre la porta, trovando tutte le sorelle Loud furiose]
    Clyde: Lo sanno.
  • E tutti pensano che faccia le puzzette! E comunque sono le scarpe che fanno rumore. Senti? [Tenta di fare rumore, ma fallisce] Ecco, ora non lo fanno più. (Lori)
  • Lincoln: Lola! Lana! Vi prego!
    Lola: Non ti inviterò mai più alla mia festa di compleanno! Mai più! [Sbatte la porta]
    Lana [Riapre la porta]: Scusa, ma voglio sbatterla anch'io!
  • Lincoln: Andiamo, sono vostro fratello!
    Lucy: Io non ho fratelli. [Sbatte la porta, la riapre] So di averlo detto più volte in passato, ma questa volta dico sul serio. [Risbatte la porta]
  • Lincoln [Tornando a casa dopo aver caricato un video imbarazzante su di lui]: Spero abbia funzionato. [Apre la porta, trovando tutte le sorelle Loud furiose] Ecco, lo sapevo.
    Lori: Lincoln…
    Lincoln: Lo so di avervi messo in imbarazzo, perciò il minimo che potessi fare era mettere in imbarazzo anche me stesso, così adesso siamo pari.
    Lynn: Pari!? Secondo quale criterio noi siamo pari?
    Lincoln: Ragazze, io stavo solo cercando…
    Lynn: Il tuo video era molto peggio!
    Lori: Già, abbiamo riso come delle matte! [Tutte lo abbracciano]
    Lincoln: Facciamo la pace?
    Lucy: E pace sia, fratello.

Episodio 5, Ragno in fuga[modifica]

  • [Affidando a Lincoln la tarantola della classe] Lincoln, questa è una grossa responsabilità: Frank deve mangiare almeno due volte al giorno e non deve, per nessun motivo al mondo, uscire dalla sua gabbia. Al contrario di me, questo weekend. (Signora Johnson)
  • Lincoln: Sono sicuro che sarà un weekend stupendo!
    Clyde: Non credo che anche Leni la penserà così: te la ricordi ad Halloween?
    [Flashback]
    Leni: Apro io!
    Clyde [Vestito da ragno]: Dolcetto o…
    Leni: AH! Un ragno! [Sparge spray insetticida e scappa via]
    Clyde: Sto bene.
    [Fine flashback]
    Clyde: E poi si nascose in camera per tre settimane.
    Lincoln: Se mi preoccupassi delle mie sorelle ogni volta che voglio fare qualcosa, non farei mai niente.
  • Luna: Leni l'ha visto?
    Lincoln: Ragazze, per l'ultima volta: Leni non lo deve vedere!
    Leni: Vedere cosa?
    Fratelli Loud [Coprendo la teca]: NIENTE!
    Leni: Oh! Non ci credo: state organizzando una festa a sorpresa per me! Oh, fermi, non ditemelo! Voglio essere stupita.
  • Lincoln: Dove sei, Frank, dove sei finito?
    Lola e Lana: Dov'è chi?
    Lincoln: Eccole, qua! Le due gemelline più belle del mondo! Trovate! Ci si vede!
    Lola: Stava parlando di me.
    Lana: Me lo auguro.
  • Leni: Oh, mi serve il latte.
    Lisa [Notando Frank sulla bottiglia di latte]: No, ferma! Sei intollerante ai latticini!
    Leni: No, non è vero: io tollero tutti, lo sapete, anche quelli con la carnagione troppo chiara.
  • Lucy: Siamo qui riuniti per piangere la prematura scomparsa di Frank la tarantola. Un ragno amatissimo da tutti noi.
    Lola: Tranne Leni.
    Lana: L'assassina
    Lori: Già.
    Luna: Già, è stata lei.
    Lincoln: Ragazze, la colpa non è di Leni, è soltanto mia: sapevo che Leni ha paura dei ragni, ma ho portato a casa Frank lo stesso. Non avrei dovuto. Sigh. L'intera classe ora mi odierà, ma è giusto così.
  • Leni [Proteggendo Frank dallo sterminatore]: Non si muova da lì, signore! Se ora ucciderà questo povero ragno, ucciderà anche il futuro di questo ragazzo. Tutti lo crederebbero uno sterminatore di ragni e nessuno si fiderebbe di lui. Sicuro di voler portare questo peso?
    Sterminatore: Wow. A questo non avrei mai pensato. Signorina, lei mi ha appena cambiato la vita.
    Leni e Lincoln: Davvero?
    Sterminatore: Certo che no, paladini dei ragni! Ma adesso me ne vado! Vi lascio il mio conto.
    Lincoln: Leni, sei stata incredibile! Ma, come mai..?
    Leni: Mi ha colpito ciò che hai detto al funerale. E inoltre, forse i ragni non sono così male. Voglio dire, questo è così carino. [Frank strizza tutti e otto gli occhi] No, non è vero. Tienilo, tienilo! Ugh! Mi ha strizzato gli occhi!

Episodio 6, Il regno del caos[modifica]

  • Lincoln: D'accordo, sorelle, ascoltate! Ho come l'impressione di essere il più sfortunato in questa casa
    Leni: Ti riferisci ai capelli bianchi? Sono belli, assomigli al nonno.
    Lincoln: Non sto parlando dei miei capelli, mi riferisco ai lavori di casa! Il mio è molto più duro dei vostri e non è giusto!
    Lori: Ma dai, i nostri compiti sono duri quanto il tuo, se non ancora di più.
    Lincoln: Oh, davvero? Guardate Lisa: che cavolo sta facendo?
    Lisa [Al telefono]: Oh, mi dia un momento, Janis. Tengo la contabilità, Lincoln. Mi ascolti, voglio che storni quell'addebito. Non credo che qualcuno, in questa casa, abbia comprato un auto a Saskatchewan.
    Lincoln: Be', se credete che le vostre mansioni siano così dure, sono certo che qualcuno farà a cambio con me.
    Lori: Scordatelo, Lincoln! L'equilibrio è già delicato in questa casa. Se cominciamo a scambiarci i compiti, potremmo sollevare un vero e proprio vespaio.
    Lana: Che ci sarebbe di male? Sono belle le vespe.
  • Lincoln: Uno, due, tre! Senza pulizie mi sento un re! […] Quattro, cinque, sei, sette e otto! Addio ai rifiuti è il mio motto! […] Nove, dieci, undici e dodici! Porti fuori i residui atomici! […] Tredici, quattordici, quindici e sedici! Ehm… Ehm…
    Lynn Sr.: Tesoro, dobbiamo intervenire?
    Rita: Oh, non ancora: voglio vedere che rima trova con sedici.
  • Janis, quando riavremo i servizi? Tra ventiquattro ore? E se le mando un cestino di muffin? [La corrente viene ristabilita] (Lisa)

Episodio 7, Progetto Loud[modifica]

  • Lincoln [Evitando una trappola di Luan]: Oggi potevi evitarlo.
    Luan [Barzelletta]: Be', se non altro hai fatto la doccia. La secchiata ti ha dato il buongiorno.
  • [Barzelletta] Vedrai che il mio secchio di metterà nel sacco. (Luan)
  • Lori: Che cosa vuoi?
    Lincoln: Lori, potresti, magari, chiudere il telefono e prepararti?
    Lori: Sta calmo, sono abbastanza capace di fare due cose allo stesso tempo.
    [Leni inciampa]
    Lincoln: Leni?
    Leni: Promemoria: mai camminare o masticare una gomma allo stesso tempo.
  • Luan [Barzelletta]: Come si ferma un rinoceronte che sta caricando?
    Lincoln: Devi staccargli la spina!
  • Lynn: Dove caspita sono i miei pattini? Devo giocare a hockey su prato.
    Lincoln: Aspetta, non si usano i pattini nell'hockey su prato.
    Lynn: Nel modo in cui gioco io, sì.
  • Leni: La mia pelle è diventata blu!
    Lisa: Tecnicamente è una sfumatura del ceruleo, ma va bene lo stesso.
    Lincoln: Lisa, che hai combinato!?
    Lisa: Ho solo scambiato la crema di Leni con un unguento di pigmentazione della pelle sperimentale che sto creando.
    Lincoln: E perché non glielo hai detto!?
    Lisa: Perché se glielo avessi detto, non me lo avrebbe permesso.
    Lincoln: Adesso tu vai di sopra e cerchi una soluzione!
    Lisa: D'accordo… sorella bionda 1, scienza 0.
    Lincoln: Può andare come dico io, per una volta?!
    Luna: Non sempre hai quello che vuoi, brother.
    Lucy: Lincoln, ho finito la mia poesia. Si intitola "Fallimento".
    Lincoln: Lucy, non ho davvero tempo per questo.
    Lucy: Fallimento | Non è un'opzione, ma qualcosa di cui mi dolgo. | Come quando, anche se è freddo, io mi sciolgo.
    Lincoln [Nota Lily scorrazzare nuda]: Lily! Perché non hai il pannolino?! E dove sono i vestiti?! [Calpesta qualcosa] Ho trovato il pannolino…
    Lucy: Fallimento | Sai che può provarlo anche un cane. | Perché le scelte che fai, possono essere vane. […] Fallimento | Chissà di chi è la colpa, se il mondo ha fame? | Io non posso far altro che usare delle lame.
    Lincoln: STOP! Ora ho io una poesia per te. Si intitola "Lucy": Nera come la notte, capelli come la pece. | E ora sali in macchina e lasciami in pace.
    Lucy: Delusione… Ancora una volta, il tuo talento poetico mi ha messo al tappeto.

Episodio 8, La vacanza[modifica]

  • Luna: Tu vuoi andare in spiaggia, Lucy?
    Lucy: Tre parole: attacchi di squalo.
  • Lori [Controllando la "crema solare" che Lincoln si è spalmato, ustionandosi]: "Sodio cloridrico; evitare il contatto con la pelle"? Tutto questo ha chiaramente la firma di Lisa.
    Leni: Perciò questo è il nome scientifico di Lisa?

Episodio 9, Il tavolo dei grandi[modifica]

  • Lincoln: Si può cenare in santa pace!?
    Lana: Io preferisco la guerra!
  • Rita: Dimmi, Lynn, come è andato il compito di matematica?
    Lynn: Bene, mamma: sono anche riuscita a disegnare la parentesi graffa.

Episodio 10, Posto dolce posto[modifica]

  • Ah, le gite in auto. Quella tradizione tanto amata dalle famiglie. Domani anche i Loud ne faranno una dopo molto tempo. È un'idea carina, vero? Non se si è in tredici stipati dentro un minivan o, come lo chiamiamo affettuosamente noi, Vanzilla! (Lincoln)
  • Lynn: Giochiamo a "Auto attacco"?
    Lincoln: Come si gioca?
    Lynn: Io ti colpisco ogni volta che io vedo un auto. [Passa una lunga e stracolma bisarca] Oh, tempismo perfetto.
  • Lola: Che cosa stai tramando, Lincoln!?
    Lincoln: Io? Non sto tramando un bel niente. Sto solo schiacciando un pisolino in macchina, come fanno i ragazzi.
    Lori: Ah, sì? E cos'è… [Tira fuori la mappa della macchina trovata in camera sua] QUESTO!?
    Lincoln: Sei entrata nella mia camera!?
    Lori: Non è questo il punto, adesso!
    Lana: Cos'è il "posto dolce posto" e perché lo hai scelto per te!?
    Lincoln: Oh… è… ecco… è il posto peggiore in assoluto dell'auto! Ma mi ci sono messo io per non far stare voi scomode!
    Lucy: Allora perché si chiama "posto dolce posto"?
    Lincoln: Perché io sono dolce?
    Lisa: Secondo i miei calcoli, il "posto dolce posto" è, in realtà, il miglior posto dell'auto per diversi motivi, tra cui ricircolo dell'aria, prossimità ai genitori e mancanza di adesivo masticabile sul sedile.
    Lincoln: Io ci ho messo 8 mesi di studio per capirlo!
    Lisa: Ma guarda un po'…
  • Lincoln: La proprietà si acquisisce con il possesso.
    Lynn: Acquisirai un livido in fronte, tra poco!

Episodio 11, Lezioni di guida[modifica]

  • Lori è l'unica dei figli Loud con la patente, il che vuol dire che gli altri dieci, il passaggio se lo devono guadagnare. (Lincoln)
  • [Armata di martello, chiodi e assi] Devo andare al centro commerciale e ho chiesto un passaggio a Lori. Mi ha chiesto in cambio di farle il letto, ma io credevo che l'avesse. (Leni)
  • L'esame della patente l'ho già dato dodici volte e nessuno vuole più insegnarmi a guidare. Papà è ancora sotto shock per l'incidente dell'idrante, il fattorino e la suora. (Leni)
  • Lincoln: Questa è la freccia! […]
    Leni: Ho capito! La lucina lampeggiante!
    Lincoln: La "lucina lampeggiante"?
    Leni
    : Sì. Quella vicino al coso che gira.
    Lincoln
    : Il coso… Ecco qual è il problema! Non ho parlato con la lingua di Leni!
    Leni: Esiste un paese che si chiama come me?
  • Lori: Ah, eccoti. Non ti serve un passaggio al negozio di fumetti? [Gli passa il cesto della sua roba da lavare] Ecco qui il bucato, è tutto per te!
    Lincoln: No, grazie. Aspetto che Leni che tra poco tornerà dal suo esame di guida sventolando la sua patente.
    Lori: Pff… tanto non ce la farà mai. E ora fammi il bucato.
    Lincoln: Mi dispiace, io sono certo che Leni ce la farà!
    Lori: No, te l'ho già detto, il mio piano è infallibile.
    Lincoln: Aspetta, cosa!?
    Lori: Niente!
    Lincoln: Torna subito, qui! [Afferra un maglione dal cesto] Giuro che farò restringere nell'asciugatrice il tuo maglione preferito se non mi dici subito…
    Lori: NO! E va bene: potrei aver sabotato Leni avendole dato istruzioni di guida sbagliate mentre dormiva, ma è solo perché se Leni prende la patente la mia stanza non sarà più pulita, capisci?
    Lincoln: Ma cosa ti passa per la testa!?

Episodio 12, Chi comanda in casa?[modifica]

  • Lincoln [Sentendo odore di profumo]: Questo è… Oh, no! [Le sorelle escono a sentire meglio il profumo]
    Lucy: Ehi, ma… che cos'è?
    Lincoln: Il profumo della mamma! Significa una sola cosa! [Controlla il calendario: è il giorno dell'uscita dei genitori] Escono! Ho un brutto presentimento.
    Rita [Uscendo]: Lori penserà a voi, ciao!
    Lincoln: Nooo! Lori ha il brutto vizio di comandarci a bacchetta! In questa casa, lei è la Regina del…
    Lori: No! Niente musica! Niente torte di fango! […] E non si telefona! E soprattutto niente videogame!
  • Leni [Venendo legata dai fratelli]: Ehi! Che cosa sta succedendo?
    Lincoln: Il tuo deliro di onnipotenza è finito! Ci riprenderemo i nostri venerdì sera!
    Lori: Delirio di cosa?
    Lincoln: Perché non lo ammetti? Dillo che ci provi gusto a comandarci a bacchetta!
    Sorelle Loud: Già! È vero! Esatto!
    Lori: Quindi voi pensate che io mi diverta. Sfortunatamente io sono l'unica che può evitare che questa casa finisca in un cumulo di macerie! Non è una cosa che chiunque di voi può fare!
    Lana: Tu dici? Lincoln sarebbe perfetto!
    Lincoln: Eh? Sei sicura?
    Sorelle Loud: Noi vogliamo Lincoln! Noi vogliamo Lincoln!
    Lori: Lincoln che si occupa di voi? Uh! Cliff tornerebbe a fare i bisogni ovunque!
    Lincoln: Ah, sì!? Accetto la sfida, sorellona! Portatela via!
    Lori: Durerai al massimo cinque minuti! [Ride maniacalmente]

Altri progetti[modifica]