Adelaide Ristori

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Adelaide Ristori in una litografia di Eduard Kaiser del 1856

Adelaide Ristori (1822 – 1906), attrice teatrale italiana.

Citazioni su Adelaide Ristori[modifica]

  • Accade un po' dei giornalisti come degli attori: che la loro opera, avendo carattere momentaneo e quotidiano, non sopravviva alla loro morte: e non c'è chi possa poi ricordarla e discuterla, se non tra chi n'abbia avuto in tempo diretta e personale conoscenza. Che sappiamo e che sapremo mai, noi giovani, di Gustavo Modena e d'Adelaide Ristori? Parole. (Silvio D'Amico)
  • Finora ella aveva, tranne qualche rara volta, dato saggio di talento e disinvoltura somma nella commedia e nel dramma soltanto; perocché il più delle volte eranle state affidate le parti in questi teatrali componimenti; ed anzi chi l'aveva ammirata nelle commedie singolarmente di Goldoni, d'Avelloni e di Nota, od in quelle del teatro francese, tanto era stato penetrato dall'altezza del merito suo, da ritenerla nata fatta unicamente per siffatto genere. Quella tal quale leggerezza e forza comica che spiegava, quella facilità ed incanto di sorriso, parevano quasi escludere in lei la possibilità d'una egual riuscita nella tragedia, nella più difficile arte di piangere e di indurre al pianto; ma nella novella sua posizione andava a dare una formale mentita a tal giudizio, ed a chiarire anzi come la fosse stata creata singolarmente per questi storici personaggi, per questi straordinarii caratteri, per queste straordinarie passioni della tragedia, tanto vi dimostrava le acconce disposizioni. La leggiadria greca delle forme, la mobilità della fisionomia atta alla varia espressione de' diversi affetti, la modulazione della voce facile e delicata nella tenerezza, robusta nel corruccio, e più che tutto il fascino dello sguardo, suscettibile di assumere all'uopo la terribilità, erano doti di certo che da quel giorno davano sicura malleveria di gloriosi successi anche nel tragico arringo. Lo che equivaleva dunque a ritenerla come mirabilmente sortita ad essere somma attrice nel più largo senso della parola. (Pier Ambrogio Curti)
  • L'avete voi, lettori, veduta nella Mirra?[1]
    No?...
    È impossibile allora dipingervi degnamente la insuperabile Attrice.
    Lo scultore ed il pittore potranno bensì riprodurvi le artistiche movenze di lei, che tutte sono bellissime e squisite, potranno rendervi il ritratto di quella donna d'una avvenenza tutta artistica e tragica; ma cogliere l'espressione di tutti quegli affetti che ad ogni istante si vien cangiando sulla mobile sua fisionomia a seconda delle passioni che tenzonano il cuore di Mirra; ma tradurre questo suo sguardo ora affascinante per voluttà, ora terribile pel furore che l'agita, quando indagatore e quando languido; ma dire indegnamente del prepotere del suo accento onde scolpisce i suoi detti, della dolcezza incantevole e della terribilità della voce; non me, non altro umano intelletto, ma virtù di angelo si vorrebbe. (Pier Ambrogio Curti)
  • La scena, l'arte sua non le erano campo bastante alle investigazioni della mente. Ella studiava tutto quello che capitavale sott'occhio nelle sue peregrinazioni in Italia e in tal guisa riuscì ad acquistare una cultura superiore a quella delle attrici in genere, cultura che le facilitò lo studio delle difficili parti cui si accinse in seguito, assicurandole sempre maggiori trionfi. (Emma Perodi)

Note[modifica]

  1. Tragedia di Vittorio Alferi, scritta tra il 1784 e 1786.

Altri progetti[modifica]