Akira Kurosawa

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Akira Kurosawa nel 1953

Oscar onorario (1990)

Akira Kurosawa (1910 – 1998), regista e sceneggiatore giapponese.

Citazioni di Akira Kurosawa[modifica]

  • È quello che dico sempre alle équipe dei miei film. Per creare qualcosa, bisogna basarsi sui ricordi...[1]
  • Gli esseri umani non sono in grado di essere onesti con se stessi su se stessi. Non riescono a parlare di se stessi senza farne un romanzo. Questa sceneggiatura [Rashomon] ne è un ritratto.[2]
  • [Hayao Miyazaki] Talvolta lo paragonano a me. Mi dispiace per lui perché lo abbassano di livello.[3]

Incipit di L'ultimo samurai[modifica]

Prima della guerra, quando i venditori itineranti di rimedi e panacee fatte in casa battevano ancora la campagna, avevano una filastrocca tradizionale per fare pubblicità a una pozione che si diceva efficacissima nella cura di tagli e bruciature.[4]

Note[modifica]

  1. Da una registrazione vocale riprodotta all'inizio del documentario A.K. (1985) di Chris Marker, incluso nell'edizione speciale in due DVD di Ran.
  2. Dalla collezione di saggi Criterion su Rashomon, tratti da Something Like an Autobiography, traduzione di Audie E. Bock, 1982. Citato in AA.VV., Il libro dei film, traduzione di Sonia Sferzi, Gribaudo, 2020, p. 110. ISBN 9788858025864
  3. Citato in Pino e Rossella Farinotti, il Farinotti 2010: Dizionario di tutti i film, con la collaborazione di Giancarlo Zappoli e Bartolomeo Corsini, Newton Compton editori, Roma, 2009, p. 449. ISBN 978-88-541-1555-2
  4. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]