Alessandro Cattelan

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Cattelan

Alessandro Cattelan (1980 – vivente), conduttore televisivo, conduttore radiofonico e scrittore italiano.

Citazioni di Alessandro Cattelan[modifica]

  • F.C. Internazionale. Resuscitiamo i morti, dal 1908.[1]
  • L'amore per sempre, l'amore per sempre... a volte penso che l'amore eterno sia il Babbo natale degli adulti... sappiamo tutti che non esiste ma nessuno vuole sentirselo dire...[2]

Da Alessandro Cattelan: "X Factor senza di me? Soffrirei"

Intervista di Mario Manca, Vanityfair.it, 14 dicembre 2017.

  • [Sul talent The X Factor] È un programma che non ha paura delle proprie ambizioni e che nel suo animo mira a essere il migliore. Poi parliamo di tv, un mondo effimero e pieno di fuffa, se anche non fosse il migliore un po' sticazzi. Però vuole esserlo e, soprattutto, non fa mai un passo indietro rispetto a quello che si è prefissato.
  • [Sulle discussioni tra i giudici di X Factor] Io non sono un amante dei litigi in televisione, però devo dire che tutto è stato sempre contenuto in un range di accettabilità per il mio imbarazzo.
  • Io mi imbarazzo sempre quando guardo la gente che litiga. È una cosa che proprio non mi piace.
  • Gianni Morandi non ha mai preso un fischio nella sua vita ed è dovuto venire a X Factor per assaporare quest'ebrezza. In quel momento smetti di essere Morandi e diventi il giudice che fa una scelta su cui puoi essere più o meno d'accordo. Diventa tutto un po' uno stadio.
  • Non faccio tv per volerci essere a tutti i costi. Quello che mi piace fare è quello che riguarda me. È tutta una questione di ego dove tutto ciò che è personale è preferibile.
  • Cerco di capire quello che mi piace, ma anche il momento in cui sarei ridicolo perché uscirei fuori dal mio essere. Guardo, scimmiotto, faccio quello che mi diverte. Tutto quello che pop per me è interessante.

Quando vieni a prendermi[modifica]

  • Se avessi un mucchio di soldi, andrei a farmi vedere da uno psicologo. Se fossi Woody Allen, dopo, ne trarrei anche la sceneggiatura per un film. (p. 9)
  • Immagino l'intera vita come una matita alla quale non si riesce a fare la punta. Se è la mina di grafite all'interno della matita che si è rotta, non importa quante volte provi a temperarla, non riuscirai mai più a scrivere nemmeno una parola. (p. 10)
  • Cos'è un uomo innamorato, se non un uomo a cui piace guardare la sua donna mentre dorme? (p. 16)
  • Quando sei in una relazione la prima persona singolare non esiste più, ma ogni tanto se ne sente la mancanza. (p. 47)

Note[modifica]

  1. Dal suo profilo twitter; citato in Cattelan: "Resuscitiamo i morti", Canaleinter.it, 1° novembre 2014.
  2. Da Zone rigide, Mondadori Editore, 2010.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]