Antoine Rivaroli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Antoine Rivaroli

Antoine Rivaroli, conte di Rivarol (1753 – 1801), scrittore e giornalista francese.

  • Bisogna aver l'appetito del povero per ben godere la ricchezza del ricco. (da Maximes et pensées)[1]
  • Ci sono due verità che non bisogna mai separare, in questo mondo: 1° che la sovranità risiede nel popolo; 2° che il popolo non deve mai esercitarla. (da Journal politique national)
  • Ciò che non è chiaro non è Francese. (da Sur l'universalité de la langue française, 1783)
  • Lo stomaco è il suolo da cui germina il pensiero. (da Maximes et pensées)[1]
  • Si è più spesso ingannati dalla diffidenza che dalla fiducia. (citato in Umberto Eco, Sulla letteratura, Bompiani, 2003)
  • Su dieci persone che parlano di noi, nove ne dicono male, e spesso la sola persona che ne dice bene, lo dice male. (da Maximes et pensées)[1]

Citazioni su Antoine Rivarol[modifica]

  • Un'esistenza simile viene nobilitata dall'opera, che, come la perla alla conchiglia, le conferisce senso e rango. Tra i vecchi e i nuovi autori egli resterà esemplare per l'intrepido e tuttavia ponderato atteggiamento con cui il singolo si contrappone alla corrente del tempo, che minaccia di divorare tutto e di cui solo pochi cuori e poche menti sono all'altezza. «Egli ha adornato e attrezzato la ragione con le armi dello spirito», dice uno dei suoi biografi, e questa potrebbe figurare come una massima sulla sua opera. (Ernst Jünger)

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Fernando Palazzi, Silvio Spaventa Filippi, Il libro dei mille savi, Hoepli.

Altri progetti[modifica]