Argento

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Argento

Citazioni sull'argento.

  • Ecco il busto dei belli ricami | con la sua pettorina d'argento, | la gonnella di dodici téli, | la collana di cento coralli | che ti diede la madre tua nova. (Gabriele d'Annunzio)
  • In primavera, Tipasa abitata dagli dei e gli dei parlano nel sole e nell'odore degli assenzi, nel mare corazzato d'argento, nel cielo d'un blu crudo, fra le rovine coperte di fiori e nelle grosse bolle di luce, fra i mucchi di pietre. In certe ore la campagna è nera di sole. (Albert Camus)
  • In una delle stanze del Palazzo del Cardinale, che noi già conosciamo, vicini ad una tavola con gli angoli d'argento dorato, piena di carte e di libri, era seduto un uomo con la testa appoggiata sulle mani. Proprio dietro di lui era un vasto camino, rosso dal fuoco ed i cui tizzoni cadevano sopra larghi alari dorati. (Alexandre Dumas padre, Vent'anni dopo)
  • La luna che con consumata esperienza presta servizio al Castello di Blandings e dintorni era quasi piena, e già da alcune ore l'avito maniero di Clarence, nono Conte di Emsworth, era inondato dai suoi raggi d'argento. Essi sbirciavano rispettosamente la sorella di Lord Emsworth, Lady Hermione Wedge, che si spalmava il viso di crema nella Camera Azzurra; e attraverso una finestra aperta si intrufolavano nella Camera Rossa, dove c'era qualcosa che valeva davvero la pena di guardare: Veronica Wedge, la splendida figlia di Lady Hermione, che fissava il soffitto sdraiata sul letto e sognava di avere qualche bel gioiello da sfoggiare per l'imminente ballo della Contea. (P. G. Wodehouse)
  • La tela d'argento trasparente era una tenda. Fermata soltanto in alto, essa poteva essere sollevata. Separava la sala di marmo, ch'era una sala da bagno, da una camera, ch'era una camera da letto. Questa camera, piccolissima, era una specie di grotta tutta specchi. Ovunque cristalli veneziani, aggiustati poliedricamente, congiunti da bacchette dorate, riflettevano il letto ch'era nel centro. Su quel letto, d'argento come la toeletta e il canapè, era sdraitata la donna. Ella dormiva. (Victor Hugo)
  • Nonno, l'argento della tua canizie | rifulge nella luce dei sentieri | passi tra i fichi, i susini e i peri | con nelle mani un cesto di primizie: || «Le piogge di Settembre già propizie | gonfian sul ramo i fichi bianchi e neri, | susine claudie[1] ... | A chi lavori e speri | Gesù concede tutte le delizie» (Guido Gozzano, La via del ritorno)
  • Tacea la notte placida, bella d'un ciel sereno, la luna il viso argenteo lieto mostrava e pieno ... quando suonar per l'aere, infino allor si muto, dolci s'udiro e flebili gli accordi d'un liuto, e versi melanconici un trovator cantò. (da Il trovatore di Giuseppe Verdi)

Proverbi italiani[modifica]

  • Con una freccia d'argento si coglie un cervo d'oro.
  • Il martello d'argento spezza le porte di ferro.
  • Impugna la falce d'argento, e mieterai spighe d'oro.
  • L'argento adesca anche gli eroi, e l'oro corrompe anche il savio.
  • L'argento bianco lascia strisce nere.
  • L'argento e l'oro erano mescolati col fango finché l'avarizia li separò.
  • L'argento e l'oro non fan gli uomini migliori.
  • L'argento tondo compra tutto il mondo.
  • La vanga ha la punta d'oro, la zappa d'argento, l'aratro di ferro.
  • Mancamento d'argento causa gran tormento.

Note[modifica]

  1. Varietà pregiata di susine

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Altri progetti[modifica]