Claudio Rutilio Namaziano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Nave romana, da una moneta. Proprio su una nave Rutilio Namaziano compie parte del suo viaggio verso le Gallie

Claudio Rutilio Namaziano (fl. 414-415 d.C.; ... – ...) poeta e politico romano.

De reditu suo[modifica]

  • Ascolta, bellissima regina del tuo mondo, | accolta tra le stelle del firmamento, Roma; | ascolta, madre di uomini e di dei: | grazie ai tuoi templi non siamo lontani dal cielo.
Exaudi, regina tui pulcherrima mundi, | inter sidereos, Roma, recepta polos; | exaudi, genetrix hominum genetrixque deorum: | non procul a caelo per tua templa sumus. (I, 47-50)
  • O Roma, nessuno, finché vive, potrà dimenticarti [...] | Hai riunito popoli diversi in una sola patria; | la tua conquista ha giovato a chi viveva senza leggi; | offrendo ai vinti il retaggio della tua civiltà, | di tutto il mondo diviso hai fatto un'unica città.
[Roma] sospes nemo potest immemor esse tui [...] | Fecisti patriam diversis gentibus unam; | profuit iniustis te dominante capi; | dumque offers victis proprii consortia iuris, | Urbem fecisti, quod prius orbis erat. (I, 52, 63-66)
  • Non ti ha dato danno la Libia con le sue sabbie infuocate | non ti ha respinto l'Orsa, armata del suo gelo.
Te non flammigeris Libye tardavit arenis, | non armata suo reppulit Ursa gelu. (I, 59-60)
  • Si alza un avverso vento di Borea: ma anche noi | lottiamo ai remi per risalire, mentre il giorno occulta gli astri.
Adversus surgit Boreas, sed nos quoque remis | surgere certamus, cum tegit astra dies. (I, 399-400)
  • Proseguendo per mare già si staglia la Capraia, | un'irta isola piena di uomini che fuggono la luce.
Processu pelagi iam se Capraria tollit; | squalet lucifugis insula plena viris. (I, 439-440)
  • Non si possono più riconoscere i monumenti dell'epoca trascorsa, | immensi spalti ha consunto il tempo vorace. | Restano solo tracce fra crolli e rovine di muri, | giacciono tetti sepolti in vasti ruderi. | Non indignamoci che i corpi mortali si disgreghino: | ecco che possono anche le città morire.[1]
Agnosci nequeunt aevi monumenta prioris: | grandia consumpsit moenia tempus edax. | Sola manent interceptis vestigia muris, | ruderibus latis tecta sepulta iacent. | Non indignemur mortalia corpora solvi: | cernimus exemplis oppida posse mori. (I, 409-414)
Munera fortunae metuunt, dum damna verentur. (I, 443)

Note[modifica]

  1. Da Le città muoiono, in Il ritorno, a cura di Alessandro Fo, Einaudi, Torino, 1992, p. 31. ISBN 978-88-06-12585-1

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]