Daniele Adani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Daniele Adani (1974 – vivente), ex calciatore, allenatore di calcio e opinionista sportivo italiano.

Citazioni di Daniele Adani[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Se Ronaldo si gira e scappa, non ti resta che sparargli.[1]
  • [...] Almeyda andava il doppio degli altri per forza della natura, per anima e palle che gli permettevano ciò. Poi i giocatori sono "ignoranti" dal punto di vista medico, non sono in grado di giudicare se una cosa è buona o no. Io so solo che gli integratori quando hai bisogno di vitamine li prendono tutti, come quando se hai mal di testa prendi un Aulin. Matìas è una persona schietta, ma il suo fare non è allusivo. Lui si attribuisce un pensiero ma non dice mica di dire la verità![2]
  • L'avevo ribattezzato "l'eletto", e in molti mi guardavano con perplessità... [...] Il punto è che Dybala gioca pensando in maniera più evoluta di tutti [...]. Ma ci sono tante altre giocate che il bianconero fa nel corso di una partita che dimostrano la sua risolutezza nel trasformare la palla in un capolavoro. Lui gioca e pensa il calcio con una naturalezza incredibile. Azzera i tempi tra pensiero e giocata. Dybala deve stare lì dove sta, perché dà un enorme contributo al gioco ed è troppo importante come riferimento per i compagni. Lui è una sorta di regista d'attacco. Pensate a Messi: lui la posizione se la sceglie, ma non è che poi non fa gol. Un altro esempio? Suarez: corre come un mediano, lavora come un trequartista ma segna come una punta. Ecco: i top d'attacco non solo segnano, ma giocano e segnano. Così Dybala appunto, che se ci pensate potrebbe giocare anche da esterno, come faceva all'Instituto (nel tridente). Paulo è preziosissimo anche in corsia: mette la palla forte e precisa.[3]
  • La garra charrúa! L'ultima parola agli uruguagi, sempre loro! L'ultima parola nel calcio è la loro: hanno un cuore differente, lo capisci o no? L'artiglio che graffia, che lascia il segno nella storia dell'Inter: questa è la storia che si ripete! [...] Io te l'avevo detto, la riprende [Matías Vecino]! [...] Il graffio che aveva portato l'Inter in Champions serve per rimarcare il territorio: questo è l'Uruguay quando va in campo con tutto se stesso...ecco chi è Vecino: stanco, si, ma lascia in campo Vecino che parla alla fine, lascialo in campo, che la dice lui l'ultima cosa nel calcio! Stanno a insegnare cos'è il calcio agli uruguagi, ma vedi un po' te.[4] [Reazione al gol di Matias Vecino]

Note[modifica]

  1. Citato in Marco Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, Dalai editore, 2000, p. 2116. ISBN 8880898620
  2. Citato in Esclusiva Tmw - Adani: "Almeyda è un istintivo, non vedo allusioni", Tuttomercatoweb.com, 26 settembre 2012.
  3. Citato in Serie A Juventus «Dybala, la testa più del sinistro: è un mostro», Tuttosport.com, 13 marzo 2016.
  4. Dalla telecronaca per Sky Sport della partita di Champions League Inter-Tottenham, 18 settembre 2018.

Altri progetti[modifica]