Discussione:George Orwell

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.


la citazione

"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" viene anche attribuita al Che.

di chi è realmente ????? di Orwell o del Che ?

gg Il precedente commento non firmato è stato inserito da 81.208.60.197 (discussioni · contributi), in data 00:21, 3 ago 2006.


Ovviamente è di Orwell, il Chè la ha usata e modificata secondo il suo pensiero Il precedente commento non firmato è stato inserito da 83.176.15.192 (discussioni · contributi), in data 18:00, 13 nov 2006.


Io l'ho vista anche attribuita a Pasolini. Mi sembra uno di quegli aforismi che vengono dal nulla e che si attribuscono al più simpatico o antipatico a seconda del caso. C'è qualcuno che potrebbe dare la citazione esatta? (Opera, pagina, etc.) Il precedente commento non firmato è stato inserito da Giuseppe Fusco (discussioni · contributi), in data 16:35, 22 giu 2011.

Frasi ripetute[modifica]

Alcune citazioni sono ripetute nell'incipit e nelle sottosezioni della voce, forse sarebbe il caso di fare un po' d'ordine. Oltretutto la pagina è troppo grossa, sarebbe meglio scorporarla. --Maquesta 13:43, 14 set 2007 (CEST)

I doppioni si possono togliere senza problemi, però 33 KB non sono tanti. Nemo 23:50, 14 set 2007 (CEST)

Libri migliori[modifica]

Questa citazione sono sicuro che sia corretta (piú o meno), ma non ricordo in quale delle raccolte l'ho letta. :-( --Nemo 15:40, 26 lug 2009 (CEST)

Senza fonte[modifica]

  • Accettare la civiltà quale essa è significa praticamente accettare la decadenza.
  • Chi è vincente ora sembrerà sempre invincibile.
  • I cattolici e i comunisti sono simili nel considerare che quelli che non hanno le loro convinzioni non possono essere sia onesti sia intelligenti.
  • Il fine di uno scherzo non è quello di degradare l'essere umano ma di ricordargli che è già degradato.
  • Il modo più veloce di finire una guerra è perderla.
  • Il non esporre i propri pensieri ad un adulto sembra una cosa istintiva dai sette od otto anni in su.
  • In prosa, la cosa peggiore che si può fare con le parole è arrendervisi.
  • Parte del motivo della bruttezza degli adulti, agli occhi di un bambino, è che il bambino di solito guarda in su, e poche facce appaiono al meglio se viste dal basso in alto.
  • Per uno scrittore creativo, possedere la verità è meno importante di una sincerità emozionale.
  • Un romanzo è in pratica una forma protestante di arte; è un prodotto di una mente libera, di un individuo autonomo.
  • Non è questione di capire se una guerra non sia reale, o se lo sia, la Vittoria non è possibile. La guerra non è concepita per essere vinta, la guerra è concepita per essere continuativa. Una società gerarchica è resa possibile solo su una base di povertà e ignoranza. Questa nuova versione è il passato e nessun passato differente è mai potuto esistere. In principio lo sforzo bellico è sempre calcolato per portare la società alla fame. La guerra è condotta da un gruppo dirigente contro i proprio sudditi e il suo obiettivo non è la vittoria su l'Eurasia o l'est Asiatico, ma di mantenere intatta la vera struttura della società. (citato nel film Fahrenheit 9/11)