Febbre

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Pinocchio ammalato di febbre asinina viene visitato da una marmotta. Illustrazione di Carlo Chiostri

Citazioni sulla febbre.

  • Avere la febbre, a volte, può anche essere piacevole.
    Una temperatura di trentasette e mezzo/trentotto, per esempio, è un qualcosa che ti impedisce di andare a lavorare ma non di leggere o di guardare la televisione. Se poi sei a casa, e tutti gli altri membri della famiglia stanno bene, e accontentano magari anticipano ogni tuo piccolo desiderio – ti fa piacere un tè caldo con due tarallucci? Se non te la senti di venire a tavola la colazione te la porto a letto? Io esco a fare la spesa, vuoi che ti compri la «Gazzetta»? – quei due o tre giorni di febbre in realtà sono quasi terapeutici. Un po' come andare in una beauty farm: sudi, mangi poco e ti rilassi. (Marco Malvaldi)
  • Ho la febbre. È come una sbronza. (Marcello Marchesi)
  • Quando sono nato io, prima che Stalin, Hitler e Roosevelt salissero al potere, soltanto i ricchi, gli ipocondriaci e gli appartenenti ad alcune categorie d'élite affermavano d'aver bisogno di assistenza medica quando avevano qualche linea di febbre. (Ivan Illich)

Ippocrate[modifica]

  • È meglio che una febbre venga a seguito di una convulsione che la convulsione a seguito di una febbre.
  • Le febbri in cui il brivido si manifesta ogni giorno, ogni giorno si risolvono.
  • Quando, nelle febbri, insorgono i brividi al sesto giorno la crisi è difficile.
  • Se una febbre non abbandona il paziente nei giorni dispari, di solito è dispari.

Proverbi italiani[modifica]

  • Febbre autunnale o lunga o mortale.
  • Febbre di maggio, salute per tutto l'anno.
  • Febbre nervina non vuol dottori né medicina.
  • La febbre continua, ammazza l'uomo.
  • La febbre si nutre di sé stessa.

Proverbi toscani[modifica]

  • Febbre quartana, il vecchio uccide, e il giovane risana.[1]
  • Febbre terzana, non fe mai suonar campana.[2]

Note[modifica]

  1. L'infezione da Plasmodium malariae viene detta "febbre quartana" e rappresenta la forma meno grave di malaria.
  2. L'infezione da Plasmodium falciparum viene detta "febbre terzana maligna" e rappresenta la forma di malaria con più alto tasso di mortalità. Le infezioni da P. vivax e P. ovale vengono dette "febbre terzana benigna".

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]