Al 2017 le opere di un autore italiano morto prima del 1947 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Gabriele Rossetti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Gabriele Rossetti

Gabriele Pasquale Giuseppe Rossetti (1783 – 1854), poeta, critico letterario e patriota italiano.

Citazioni di Gabriele Rossetti[modifica]

  • Ah, di sciaurati che non mai fur vivi | Pur troppo Italia ha inverminato il seno! | Scorra il sangue fraterno a rivi a rivi, | Non mai l'ignavia lor non mai vien meno. | O voi di patrio amor del tutto privi, | Peso e vergogna del natio terreno, | Se il giogo non vi pesa anzi vi alletta, | Sgombrate ormai d'Italia; Austria v'aspetta!‎ (da La costituzione in Napoli nel 1820, XVII, in Poesie, p. 120)
  • Ché non ha forza il braccio | Se non gli vien dal cor. (da All'armi!, in Inni di guerra, p. 13)
  • È bella ancor la morte | Sul letto dell'onor: | Chi sa cader da forte | È pari al vincitor; | E s'ei rimane oppresso | Campion di libertà, | Del vincitore istesso | Più grande allor si fa. (da All'armi!, in Inni di guerra, p. 14)
  • Il Tempo è un vasto mar mosso dai venti | In cui fondo non è, né riva appare; | Son vasti fiumi i secoli correnti | Che vanno a lui con onde or torbe or chiare; | E gli anni, i mesi, i dì, l'ore, i momenti, | Grandi o piccioli rii, vanno a quel mare: | Ei tutto assorbe e lo confonde e mesce, | E quanto gli entra in sen mai più non n'esce. (da Il Tempo, ovvero Dio e l'Uomo, 1843, ed. critica del 2012)
  • L'Astrea che mai non erra | Non danna a stigio gelo | Un cuor che in sé rinserra | Fiamma di patrio zelo: | So ch'è punito in terra, | Ma premïato in cielo: | Tempesta ha qui, là calma, | Martirio qui, là palma. (da Il veggente in solitudine, novena prima, III, VII, p. 64)
  • Sei pur bella cogli astri sul crine | Che scintillan quai vivi zaffiri, | È pur dolce quel fiato che spiri, | Porporina foriera del dì. | Col sorriso del pago desio | Tu ci annunzii dal balzo vicino | Che d'Italia nell'almo giardino | Il servaggio per sempre finì. (da Il veggente in solitudine, novena seconda, I, XIII, p. 231)
  • Su, brandisci la lancia di guerra, | Squassa in fronte quell'elmo piumato, | Scendi in campo, ministro del fato! | Oh, quai cose s'aspettan da te! (da L'anno 1831, in Inni di guerra, p. 13)

Citazioni su Gabriele Rossetti[modifica]

  • [Su Il veggente in solitudine, novena seconda, II, IV-VI.] A me non avvien mai di rileggere questi versi, che un brivido non mi prenda e non mi si inumidiscano gli occhi. Sento che è cotesto il solo stipendio che gli uomini possano dare al poeta; che è cotesta la sola consolazione alle fatiche ineffabili, ai patimenti non creduti di chi l'arte ama di amore. Beato quello fra voi, o giovani italiani, che potrà raggiungere cotesto premio; del quale a non pochi nobili ingegni negò la natura fin la speranza, fino il pensiero, fino la degna estimazione. (Giosuè Carducci)
  • Caldo di sentimenti patriottici, che non l'esiglio, non gli anni, non le infermità bastarono a spegnere, il Rossetti fu tra i bardi più nobili della rivoluzione italiana. La poesia facile, armoniosa inspirò sempre alla lotta contro tirannidi politiche e spirituali, all'unità della patria, alla fraternità dei popoli oppressi. (Vittorio Turri)
  • Povero vecchio sognatore! Aveva vagheggiata un'Italia laica, indipendente, libera, governata dalle Alpi al Faro da un unico Re prode e fedele e da un Parlamento elettivo; e moriva, già cieco, alla vigilia che quel sogno magnanimo era per tradursi in una realtà! Come Mosè sul monte di Nebo, anch'egli, l'apocalittico poeta, moriva in cospetto della Terra promessa! (Michele Scherillo)

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]