Giambattista Basile

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Giambattista Basile

Giambattista Basile (1575 – 1632), scrittore italiano.

Il Pentamerone[modifica]

Lo Cunto de li Cunti[modifica]

  • Chi cerca chello che non deve, trova chello che non vole. (Introduzione, p. 13)
  • Quanno lu malanno vò venire trase pure p' 'e ssenghe de la porta.
  • Chi 'ntroppeca e nun cade, avanza de cammino.
  • Dall'aseno chiù grosso mpara de mangiare la paglia lo picciolo.

La stufa egroca[modifica]

  • No patre mo se vede
    Nascere no Nennillo,
    O che gusto, o che spasso,
    Subeto lo fa stregnere
    Co ccotriello de seta, e de vammace
    Comm' a no Pisaturo,
    Lo ncericcia, e l'appenne
    Tante cose a le spalle,
    Diente de lupo, fico, e mmeze lune,
    E ccoralle, e mmologne, e pporcelluzze,
    Che pare spiccecato
    Chi accatta Zaffarana:
    Le trova la notriccia,
    Non vede ped'autr'uocchie;
    Le parla cianciosiello,
    Comme zaje bello Ninno?
    Te vollo tanto bene;
    Tu zi cole de tata,
    Zaporiello de mamma:
    E mmentre stace attoneto
    Co no parmo de canna,
    Sentenno cacca, e ppappa,
    Raccoglie nzino quanto a cchillo scappa.
    (Giallaise: pp. 365-366)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]