Giovanni Battista Paganuzzi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Battista Paganuzzi (1841 – 1923), avvocato italiano.

Citazioni di Giovanni Battista Paganuzzi[modifica]

  • [Annunciando al XVIII Congresso dell'Opera dei Congressi, le modificazioni introdotte da papa Leone XIII nello statuto e nei regolamenti] D'ora innanzi avremo l'alto onore e l'alto conforto di reggerci con norme emanate direttamente dal Santo Padre. (Congresso di Taranto, 5 settembre 1901; citato in Alessandro Cavallanti, Conclusioni di polemiche recenti fra cattolici italiani, Tip. Edit. S. Bernardino, Siena, 1904, p. 27, nota 1)
  • Io ripeto e ripeterò sempre: stiamo attaccati alla gerarchia. Lo ripeto per affetto sincerissimo e per devozione profonda cordiale: ma dovrei ripeterlo egualmente anche se, senza muovermi per affetto e devozione, non mi lasciassi guidare che da un po' di senno: giacché la forza vera d'Italia, la forza sola che tocca, scuote l'intimo del cuore della quasi totalità degl'Italiani, è la forza che sta nelle mani vostre, o Pastori; la forza eccelsa che è rappresentata e custodita da voi! (da Atti del Congresso cattolico di Roma, p. 64; citato in Alessandro Cavallanti, Conclusioni di polemiche recenti fra cattolici italiani, Tip. Edit. S. Bernardino, Siena, 1904, p. 69, nota 1)

Citazioni su Giovanni Battista Paganuzzi[modifica]

  • Su «Cultura sociale» del 16 agosto 1902, Murri accusò Paganuzzi di essere il vero responsabile, per la sua pervicace intransigenza, dei dissidi che minacciavano l'unità del mondo cattolico e della crisi dell'Opera [dei Congressi]: per la sua ottusa convinzione di essere l'unico baluardo dell'ortodossia e dell'Italia cattolica, Paganuzzi era il vero nemico dell'unità dei cattolici. (Emilio Gentile)

Altri progetti[modifica]