Il favoloso mondo di Amélie

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Il favoloso mondo di Amélie

Immagine Amélie, titre (recolorisé).png.
Titolo originale

Le fabuleux destin d'Amélie Poulain

Lingua originale francese
Paese Francia, Germania
Anno 2001
Genere commedia, romantico
Regia Jean-Pierre Jeunet
Sceneggiatura Guillaume Laurant
Interpreti e personaggi

Il favoloso mondo di Amélie, film del 2001 con Audrey Tautou, regia di Jean-Pierre Jeunet.

Incipit[modifica]

Il 3 settembre 1973, alle 18, 28 minuti e 32 secondi, una mosca della famiglia dei Calliphoridi, capace di 14670 battiti d'ali al minuto, plana su rue Saint-Vincent, a Montmartre.
Nello stesso momento, in un ristorante all'aperto a due passi dal Moulin de la Galette, il vento si insinua magicamente sotto una tovaglia facendo ballare i bicchieri senza che nessuno se ne accorga. In quell'istante, al quinto piano del 28 dell'Avenue Trudaine, IX° Arrondissement, Eugène Koler, di ritorno dal funerale del suo migliore amico, Emile Maginot, ne cancella il nome dalla sua rubrica.
Sempre nello stesso momento, uno spermatozoo con il cromosoma X del signor Raphaël Poulain, si stacca dal plotone per raggiungere un ovulo della signora Poulain, nata Amandine Fouet. Nove mesi più tardi, nasce Amélie Poulain. (voce narrante)

Frasi[modifica]

  • [Al cinema] Mi piace molto voltarmi nel buio e osservare le facce degli altri spettatori. (Amélie)
  • Strana la vita. Quando uno è piccolo, il tempo non passa mai. Poi, da un giorno all'altro ti ritrovi a cinquant'anni, e l'infanzia o quel che ne resta è in una piccola scatola, che è pure arrugginita. (Bretodeau) [dopo aver ritrovato la scatola con i suoi "tesori"]
  • L'angoscia del tempo che passa ci fa parlare del tempo che fa. (Hipolito)
  • Lo sa, la fortuna è come il giro di Francia. Uno l'aspetta a lungo e poi passa in fretta! (Raymond Dufayel)
  • La vita è solo un'interminabile replica di uno spettacolo che non avrà mai luogo. (Hipolito)
  • No, hai visto l'ora? Da piccolo l'innaffiavano con l'acqua dei broccoli! (Collignon)
  • Mia piccola Amélie, lei non ha le ossa di vetro: lei può scontrarsi con la vita. Se lei si lascia scappare questa occasione, con il tempo sarà il suo cuore che diventerà secco e fragile come il mio scheletro. Perciò si lanci, accidenti a lei! (Raymond Dufayel)
  • Senza di te, le emozioni di oggi sarebbero la pelle morta delle emozioni passate. (Hipolito)
  • È meglio consacrarsi agli altri che ad un nano da giardino! (Amélie)
  • Prendete due persone normali di sesso opposto, fate credere a ciascuno che l'altro lo trova irresistibile e lasciateli cuocere a fuoco lento. Funziona sempre. (Suzanne)
  • Se il dito indica il cielo l'imbecille guarda il dito. (Bambino)
  • Il mondo esterno appare così morto che Amélie preferisce sognare una sua vita in attesa di avere l'età per andarsene. (voce narrante)
  • Lei di sicuro non rischia di essere un ortaggio, perché perfino un carciofo ha un cuore. (Amelie)

Explicit[modifica]

È il 28 settembre 1997 e sono le undici in punto del mattino. Alla Giostra del Trono, a due passi dal trenino dei Carpazi, la macchina per impastare i dolci impasta i dolci. Nello stesso momento, su una panchina di Place Villette, Félix L'Herbier scopre che ci sono più connessioni possibili nel cervello umano che atomi nell'universo. Nel frattempo, ai piedi del Sacre-Coeur, delle benedettine migliorano il rovescio. La temperatura è di 24 gradi Celsius, il tasso di umidità di 77, e la pressione atmosferica di 990 ettopascal. (voce narrante)

Altri progetti[modifica]