Proverbio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
"Minor esca maioris"

Citazioni sul proverbio.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Categoria:Proverbi.

Citazioni[modifica]

  • A casa mia si dice che chi conosce bene i proverbi non può essere del tutto cattivo. (Il favoloso mondo di Amélie)
  • Credo che i proverbii siano il buon senso de' popoli condensato: e se tutti si potessero ricogliere, e sotto certi capi ordinare i proverbii italiani, i proverbii delle nazioni tutte, quello, dopo la Bibbia, sarebbe il più filosofico, il più poetico, il più subilme de' libri. (Niccolò Tommaseo)
  • È necessario che vi sia nella natura delle cose umane una lingua mentale comune a tutte le nazioni, la quale uniformemente intenda la sostanza delle cose agibili nell'umana vita socievole, e la spieghi con tante diverse modificazioni per quanti diversi aspetti possan aver esse cose; siccome lo sperimentiamo vero ne' proverbi, che sono massime di sapienza volgare, l'istesse in sostanza intese da tutte le nazioni antiche e moderne, quante elleno sono, per tanti diversi aspetti significate. (Giambattista Vico)
  • E qui sta il bello dei proverbi: che gli eventi paiono verificarsi sempre di nuovo per testimoniare la verità di questi brevi detti, che richiamati di volta in volta alla mente disegnano una fila ininterrotta di testimoni. (Sinesio di Cirene)
  • È strana la cieca fiducia con cui si dà credito ai proverbi, anche quando sono assolutamente falsi o ingannevoli: la volpe non è più furba degli altri animali da preda, ed è assai più stupida del lupo o del cane; la colomba non è affatto mite, e, quanto al pesce, la vox populi non diffonde che menzogne. (Konrad Lorenz)
  • Ho domandato mille volte alla gente cosa significasse un tal proverbio, e così staccato, non me l'hanno saputo dire; ma appena ho chiesto a che proposito lo dicessero, me n'hanno resa subito perfetta ragione; per la qual cosa si può dire che versano dalle labbra una sapienza che non sanno di possedere, come uno si dà a un lavoro, a una fatica, senza avvertire la capacità delle proprie braccia. (Giuseppe Giusti)
  • Il monumento parlato del buon senso si trova nella stessa letteratura popolare, e sono i proverbi, la sapienza (come la chiamano) di tutte le età, la sapienza del mondo di cui tante volte è stata lodata l'incrollabile saldezza; e tuttavia nessuno, pur ridicendoli con assenso, li scambierà mai con la serie delle opere della critica, della scienza e della filosofia, con le indagini, le discussioni, i trattati e i sistemi. Molte indagini filosofiche si possono conchiudere con la formola di qualche antico e comune detto o proverbio; ma questo proverbio, fungendo da conclusione di un'indagine, non è più l'antico e comune. (Benedetto Croce)
  • Il proverbio è l'ingegno di un uomo e la saggezza di tutti. (Bertrand Russell)
  • Il proverbio è un avanzo dell'antica filosofia, conservatosi fra molte rovine per la sua brevità ed opportunità. (Aristotele)
  • Il proverbio era legato in larga parte alla civiltà agricola: sparita quella, le sue metafore diventano incomprensibili. I giovani, che non sanno più cosa sia la fermentazione del vino o la differenza tra un gallo e una gallina, non li capiscono. Però è proprio quando una cosa sta morendo che incuriosisce di più. Se incontrano un proverbio, i ragazzi si fermano e chiedono spiegazioni. Ne sono attratti, un po' perché la metafora è l'aspetto creativo della lingua, un po' perché la sua sintesi e la sua ricchezza espressiva sono in perfetta sintonia con il modo di comunicare di oggi. È lo stesso meccanismo che riempie i diari dei ragazzi di aforismi o di frasi celebri del cinema. (Carlo Lapucci)
  • La lingua è il cuore del popolo, i proverbi però sono le vene che conducono il sangue in tutte le parti del corpo. (Jacob Venedey)
  • La saggezza dei proverbi sta nel contraddirsi. (Camillo Sbarbaro)
  • Le fornaie son use proverbiarsi, e non le sacre muse. (Niccolò Tommaseo)
  • Ma fatto è che un assai buon numero di sentenze proverbiali variano poco da un luogo all'altro, e spesso accade che si rivenga, da tempi remoti e nelle contrade più diverse, le stesse immagini adoprate ad esprimere le stesse cose. Talché i Proverbi che appartengono a una provincia sola, per molta parte si riferiscono a condizioni locali o alle istoriche tradizioni di quella provincia, e stonerebbe pe' dialetti che hanno ciascuno il proprio genio, e male potrebbono insieme confondersi. (Gino Capponi)
  • Niente può mai diventare reale, senza essere vagliato dall'esperienza. Persino un proverbio: che proverbio è, prima che la vita te l'abbia mostrato? (John Keats)
  • Per proverbio intendo quel dettato che chiude una sentenza, un precetto, un avvertimento qualunque, ed escludo da questa raccolta certi altri detti come sarebbero – Conoscere i polliMettere il becco in molleScorgere il pelo nell'ovoStringere i panni addosso; – questi e altri diecimila che si dicono proverbi e che i raccoglitori registrano per proverbi, mi pare a tutto rigore che debbano chiamarsi modi di dire o modi proverbiali. (Giuseppe Giusti)
  • [I proverbi] Sono il grande corso di filosofia degli umili, le mille e una maniere di sgattaiolare attraverso l'esistenza quando si è povero e quando si è debole. (Jean Dutourd)

Proverbi[modifica]

  • 'E ditte antiche nun fallisceno maie. (napoletano)
  • L'uomo che conosce i proverbi risolve le difficoltà. (nigeriano)

Italiani[modifica]

  • Donna proverbiosa, donna giudiziosa.
  • I proverbi son tutti provati.
  • I proverbi sono farfalle: alcune si pigliano altre scappano.
  • I proverbi sono la sapienza dei secoli.
  • I proverbi sono la sapienza dell'uomo.
  • I proverbi sono le sentenze del popolo.
  • Il proverbio s'invecchia, chi vuol far bene vi si specchia.
  • Nessun proverbio mente, solo il suo senso inganna.
  • Senza proverbi mal si percorre il cammino della vita.
  • Spesso i proverbi sono sfacciati, ma l'intenzione è sempre buona.
  • Voce di popolo, voce di Dio.

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]