Il seme della follia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il seme della follia

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

In the Mouth of Madness

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1995
Genere horror
Regia John Carpenter
Soggetto Michael De Luca
Sceneggiatura Michael De Luca
Produttore Sandy King
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il seme della follia, film del 1995 diretto da John Carpenter

Frasi[modifica]

  • Sani e pazzi potrebbero scambiarsi i ruoli... se un giorno i pazzi fossero la maggioranza, lei si ritroverebbe dentro una cella imbottita. (Linda, a John)
  • Crede d'essere il personaggio d'un libro. E che Sutter Cane sia la causa dell'epidemia. (Dr. Wrenn all'inserviente)
  • Cercheremo di continuare questo collegamento straordinario finché riusciremo a resistere. La città è quasi completamente deserta ormai. Sono rimasti pochissimi superstiti per le strade. Non esistono servizi di emergenza, continuano a scoppiare incendi ovunque. Questa incredibile epidemia, che porta omicidi di massa immotivati, si è diffusa in tutti i paesi del mondo civile. Ogni ora che passa altre persone vengono infettate e spinte a commettere atti insensati di estrema violenza. Dagli ultimi rapporti, piuttosto sommari, sembra che alcuni si stiano trasformando. Che i loro corpi si stiano gonfiando, e i loro lineamenti in qualche modo distorcendo. Nel nostro stato sembra che gli omicidi di massa si siano spostati verso l'interno. Tutte le radio delle maggiori città della costa orientale tacciono. Abbiamo perduto il contatto con Los Angeles e la costa occidentale ieri sera. Se per qualche ragione siete delle persone che come noi non sono ancora state infettate, cercate subito riparo, non fidatevi degli amici e della vostra famiglia. Ripeto, non fidatevi. (Uomo alla radio)

Citazioni su Il seme della follia[modifica]

  • Costruito con un lungo flashback, il più radicale, pessimista e inventivo film di Carpenter è fondato sulla competizione tra realtà e fantasia e diventa un apologo sulla potenza della scrittura. Apocalittico, ma non privo di ambiguità né ironia, ricco di invenzioni registiche, scenografiche, sonore, (colonna musicale curata, come al solito, dal regista), sapiente nel suggerire l’orrore senza mostrarlo, è una metafora allarmante sull’abominio della società dello spettacolo e una riflessione critica sul genere cui appartiene. (Il Morandini)
  • I primi due terzi del film sono tra le cose migliori di Carpenter, e Neill è straordinario; ma l’ultimo terzo diventa inutilmente oscuro, e il finale è pretenzioso ma deludente. Tratto, seppur non dichiaratamente, da H. P. Lovecraft. (Leonard Maltin)
  • Parla di uno scrittore di libri dell'orrore, che hanno cominciato ad influenzare i fan. Infetta i fan, trasformandoli in qualcos'altro, in assassini. Pensandoci, fa eco a questo ridicolo dibattito sul fatto che la televisione stia trasformando i nostri figli in assassini. Questo film è una sorta di punto di vista horror di vedere la questione. (John Carpenter)
  • Sam Neill interpreta un tipico eroe carpenteriano, tormentato dal sospetto che tutto possa essere frutto di una sua allucinazione. (Il Farinotti)

Altri progetti[modifica]

La trilogia dell'Apocalisse di John Carpenter
La cosa · Il signore del male · Il seme della follia