Inni delle contrade di Siena

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta degli inni delle contrade di Siena.

Inni ufficiali[modifica]

Aquila

Versi di Carlo Sottili.

  • Immensa folla che gremisci piazza | dubbi puoi aver se corre l'Aquilon | la sua vittoria è certa perché ha l'ali | e avanti a tutti sempre resterà, || anche se il Palio è spesso lottato | con un cavallo alato che vuoi far? | È l'Aquilon giallo celeste e nero | primo su tutti vedono arrivar...
  • Aquila vola | chi di te più in alto ancor potrebbe andar | quasi ammaliate, restan tutte le contrade ad ammirar, | se tu sei sovran dell'aria | della Piazza sarai tu, | la più bella e sempre prima chi potrà arrivarti più: || l'uccello nostro | è il più grosso che nel mondo non ha eugual | chi combatte col suo rostro | presto vinto nella polvere cadrà!
  • Giubbetto d'or dai simboli imperiali | che ardito sfrecci in dura tenzon | non puoi temer se anche i più grossi | dettano legge e voglion fa i padron, | poi viene il giorno che valore vero | di una contrada fulgere già sa, | è l'Aquilon giallo celeste e nero | primo su tutti vedono arrivar.

Bruco

Versi di Sergio Ghiselli.

  • Viva viva la bella Contrada | che di tutte è più grande e più forte, | vada fiero chi schiuse le porte | all'impavida sua Nobilità, || Gialla e verde bandiera festante | con il blu che ci diè Barbicon, | son colori di gloria e di festa | i colori del nostro Brucon.
  • O Brucone sei più bello, | il più forte e luminoso, | sei Tu solo il vittorioso | tutta Siena fai esultar.
  • Quando il passa il giallo e verde | è una gran dimostrazione, | questo Bruco è una passione | che fa i cuori innamorar.

Chiocciola

Versi di Bruno Zalaffi.

  • Viva, viva! Le nostre bandiere | alla gloria del sole innalziamo, | sciogli al vento, o baldo alfiere, | il vessillo dei nostri color! | Gloria a Te nostra Chiocciola bella! | Di te parla, di Siena, la storia, | sia benigna a te ognora la stella | e ti guidi a nuova vittoria!
  • Suona ovunque di canti e di festa | di San Marco il rione esultante; | dal tuo guscio solleva la testa | e gioisci del nostro gioir. || Rosso, giallo e celeste, i colori | del vessillo, a te dedicato | son per sempre segnati nei cuori di coloro che il cuore t'ha dato.
  • A te, Chiocciola solo pensiamo | quando in Piazza del Campo tu sei, | sol per te, sol per te trepidiamo | e invochiamo vittoria per te. | Su la pista vediamo un cavallo: | primo giunge al traguardo veloce, | è guarnito di rosso e di giallo | il tuo nome gridiamo a gran voce!

Civetta

Versi di Salvatore Cintorino.

  • Il Castellare è tutto in festa: | quanta letizia c'è nei nostri cuori! | Inneggiamo alla Civetta, | inneggiamo ai suoi colori. | Sventola al vento la Bandiera, | rulla il tamburo, tutti a te corriam; | per te fremiam, | per te fremiam | un inno di passion...
  • Civetta va, | Civetta va, | tu gloria e vanto sei di tutta la città. | Civetta va, | Civetta va, | sei Priora e fieri ci sentiam.

Drago

Versi di Nello Cortigiani.

  • Quanto sei bella, contrada nostra | che sorgi in centro della Città! | È la tua storia che ci dimostra | gloria, coraggio, fede e amor... | In Camporegio la pugna ardente | dei figli tuoi contro l'Imperator, | l'invitto Arrigo tanto possente, | con le sue genti indietreggiò!
  • Il giallo il rosso e il verde | son magici color, | che danno ai nostri cuori | la gioia e la passion! | Sul campo il tuo corsiero | non corre, vola e va... | Se scopre artigli e dardo | il Drago vincerà.
  • Contrada nostra sei tanto grande | tutti t'invidian nella Città | e la tua fama ognor si spande | e fa balzare in petto il nostro cor, | il più bel palio che Siena vanta, | Virginia, a te portò col suo valore: | Dragone invitto; trionfa e canta, | tu sei la stella che brilla ognor!

Giraffa

Versi di Bruno Tanganelli.

  • Bianco e rosso nei cieli più alti, | bianco e rosso del nostro rione, | quando Siena alla pugna giocava | già di te sentiva parlar. | Forte il rullo dei nostri tamburi, | lieve il gioco dei nostri vessilli, | sempre alta la testa di gloria, | rompe un grido dai petti e dal cuor.
  • Giraffa, | Giraffa | del grande Salvani. | Fra tutti i rioni il più grande sei tu. | Giraffa, | Giraffa | di storici allori tu vanti l'onore | reale, imperiale, repubblicana ancor.
  • Bianco e rosso nel campo di Siena, | bianco e rosso più alto lassù. | Quando corri si sente nell'aria | una febbre, una forza di amor. | Fra le altre più bella tu sei, | perché tutte non son come te. | E dai vicoli giunge quel grido, | che per Siena fa fremere i cuor.

Istrice

Versi di Luciano Fini.

  • Istrice nostro dai quattro colori | l'anima sei di tutta Camollia | nei tuoi vessilli vibran mille cuori, | e la passion spandi in ogni via... | Sol per difesa, pungo, e nella sfera | alta del cielo a pungere l'azzurro | con il suo dolce serafico sussurro | vola in gembo del venti la bandiera...
  • Istrice amato | torna per ogni strada a stamburar... | Come l'estate | il cuor riscaldi e il sangue fai vibrar... | Bella contrada | apri il tuo cuore più della tua porta | sei ormai risorta | e più nessuno vincer ti potrà!
  • Si sa che la tua gente quando scende | giù verso Piazza è come un fiume in piena. | Risuona per le antiche vie di Siena | un canto che nel cielo si distende | e tutta Siena canta: Istrice avanti | e ne verrà sicura la vittoria | perché ormai uniti siamo tanti | torna di Siena vetusta, un'altra gloria!

Leocorno

Versi di Adriano Braconi e Salvatore Cintorino.

  • La mia contrada è sempre la più bella, | per me nessuna c'è simile a quella. | San Giorgio, Pantaneto e San Martino, | Logge del Papa e Santo Giovannino.
  • Il bianco è la fede, l'arancio è la storia, | l'azzurro è la gloria dei nostri color. | Leocorno gridiamo nei canti di baldoria, | il segno di vittoria | nello stemma scolpito dal fato per sempre starà: | "Leocorno rampante fortuna sará!"
  • Volano in alto le nostre bandiere, | rulla il tamburo e il cuor ti fa godere. | Sfreccia un cavallo primo al bandierino: | oggi e sempre sarà Lecone primo.

Lupa

Versi di Ezio Felici.

  • O valle che attingi la fama | dal genio dei Rozzi, noi siamo | tuoi figli fedeli e t'amiamo | con tutto lo slancio del cuor. | T'amiamo se brilla la sorte | se avverso c'è il Campo, se avanza | soltanto nel cuor la speranza | di quanto sognammo per te.
  • Di Roma lo stemma, | di Siena i colori | c'infiammano i cuori | di schietta virtù.
  • Gentile tra l'altre Contrade | che ingemmano Siena vetusta, | rammenti con Roma l'Augusta | le origini prime di Te. | Ma pur dai ricordi lontana | di tutta l'italica storia | tu sei per la nostra memoria, | il palpito primo d'amor.

Nicchio

Versi di Carlo Sottili.

  • Contrada azzurra come il nostro cielo | dal mare cullata, | conchiglia di corallo coronata, | simile al Campo, ove si corre il Palio! | Perciò la strada sai della vittoria | che spesso premia il tuo gran valor!
  • O Nicchio, Nicchio bello, | col tuo costume, desti ammirazion... | I tuoi contradaioli | hanno passione, e si fanno rispettar... | Ed il sorriso di tue brune e bionde | nell'aria effonde eterno un nome: amor! | Lo stesso amor che fremere farà, | se al bandierino prima ti vedrà!
  • Al rullo cupo del tuo tamburone | superba, incendi... | i tuoi velluti disinvolto porti, | perché puoi far di nobiltade sfoggio. | Né dormi sugli allori conquistati, | fiera travolgi chi ti è rival!

Oca

Versi di Ivo Borghesi e Alberto Servadio.

  • Di Siena nostra gentile e bella | siamo il vanto, siam l'onor. | All'Oca amata, vivida stella, | con passion doniamo il cuor. | Di Fontebranda fiera e guerriera, | siamo gli araldi senza timor, | siamo la Contrada la più battagliera, | forte col nerbo e salda nel cuor.
  • Siam delle conce, siam del macelli, | ma abbiam un cuore grosso così | però anche in piazza siamo i più belli, | tutte le citte ci dicon di sì. | Quando pel Palio nella grande Piazza, | passa abbagliante il Paperon, | nel veder noi la folla impazza, | con gli occhi accesi di ammirazion.
  • Ci si strafotte delle fischiare, | ci fanno un baffo, poveri chiù, | la maggior parte son smanacciate | e l'Oca esulta sempre di più.

Onda

Versi di Ezio Felici.

  • Viva l'Onda del cielo e del mare | tu rispecchi il divino sorriso, | la vittoria che al fine t'ha arriso | paga il cuore della lunga ansietà.
  • Dalla nostr'anima forte e gioconda, | evviva l'Onda, evviva l'Onda, | dalla nostr'anima forte e gioconda | evviva l'Onda tutti gridiam.
  • Su te veglia il più grande Patrono, | per te Siena, nel mondo si onora | del Duprè che alla fede innamora | con la bella immortale "Pietà". || Quando in "Campo" tra l'altre contrade | coi tuoi vaghi costumi discendi, | ogni sguardo incateni ed accendi | il più vivo entusiasmo nei cuor.

Pantera

Versi di Bruno Zalaffi.

  • Su Pantera! Ogni angol di strada, | ogni casa del nostro rione, | si risvegli la bella contrada | canta, lieta, una dolce canzone. || Rosso, ardente colore di fiamma | ed azzurro di ciel: la più cara, | la più amata: la nostra bandiera, | ci fa figli di una stessa mamma.
  • Salga al cielo quest'inno di gloria! | La Pantera, sì indomita e fiera | con audacia ben vinca ogni gara: | oggi esulta il tuo popol per te! || Scatta, balza, Pantera! Ogni vetta | si raggiunga! La nostra speranza | si traformi, per te in esultanza! | Vinci un Palio! S'invoca... s'aspetta!
  • Di Letizia ogni volto sorrida. | Le "Due Porte" s'adornino a festa! | La Pantera non dorme s'è desta: | la "Madonna del Corvo" la guida!

Selva

Versi di Nevio Bardelli.

  • O Selva, Selvina va! | Il Palio si vincerà | e quando in cielo saliranno le bandiere | la Selva prima giungerà nelle carriere. | O Selva, Selvina va! | Il Palio si vincerà | con l'arancione il bianco e il verde | ogni cuore sarà | in festa nella città.

Tartuca

Versi di Mauro Barni e Giulio Pepi.

  • L'azzurro splendente del cielo | con l'oro brillante del sole | abbraccian di un serico velo | il nostro Tartucon. || Tartuca sei solida e forte | sul Campo t'è amica la gloria, | sorridi al nemico e alla sorte | ti batti con onor.
  • In alto Tartuca | coi tuoi color | mai paghi sarem di cogliere | nella pugna nuovi allor. || In alto Tartuca | col tuo valor | marceranno le schiere compatte | verso il Campo dell'onor.
  • La rossa crociate bandiera | dei prodi e antichi guerrieri | porta all'Arco inalbera alfiera | con fede e con amor. || Cantiam e scriviamo la storia | di un popol che ha un solo grande cuore | cantiamo alla bella vittoria | del nostro Tartucon.

Torre

Versi di Alvaro Daviddi.

  • Siena accesa di vita risplende, | brilla il Campo di mille colori | già nel cuore la fede s'accende: | corri e vinci: Torre, Torre! || Fate largo che passa la Torre, | tutta Siena, le strade, i palazzi | fanno ala alla folla che corre, | la bella vittoria festeggerà.
  • Beltà nel vessillo | che in ciel sventolerà: | sarà, sarà la Torre | che trionferà!
  • Sei del cielo di Siena la stella | scintillante di luce vermiglia; | sei del Palio la figlia più bella; | corri e vinci: Torre, Torre! || Lanceremo con balda possanza | sempre in alto la nostra bandiera; | un augurio, una grande speranza: | la bella vittoria ci bacerà.

Valdimontone

Versi di Bruno Masi.

  • Noi siamo i primi a rullar i tamburi, | durante il maggio in cui sbocciano i fiori... | e siamo i primi a recar gli onori, | a tutti quelli che ci voglion ben. || È il bianco rosso e giallo | spiegato al primo sole, | che del Palio di Siena è lo splendor.
  • Valdimontone... sei la più bella | fra le Contrade della città. | Valdimontone... sei tu la stella | che su via Roma risplende e sta... || Passano gli anni... sei sempre quella | Valdimontone per l'eternità. | Della contrada, sacra fiammella | che il padre al figlio, trasmetterà...
  • Ci dicon pochi: pochi ma siam buoni... | sempre decisi primi ad arrivar. | L'anima nostra che sa le canzoni, | canta, s'innalza Siena ad esaltar... | Dal Ponte di Romana | Montone apri il tuo cuore, | saprai altre vittorie conquistar...

Collegamenti esterni[modifica]